•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 31 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Si apre a Reykjavík l’Arctic Circle Assembly

Tre giorni di dibattiti, incontri e confronti con al centro un tema che è ambientale, geopolitico ed energetico: l’Artico, il suo futuro, il futuro delle risorse naturali nascoste sotto i ghiacci e delle rotte navigabili che si apriranno da qui ai prossimi anni. Oggi l’Harpa Conference Center di Reykjavík apre le porte a oltre 900 partecipanti provenienti da 34 paesi del mondo, giunti in Islanda per partecipare all’Arctic Circle Assembly che si chiuderà domenica.

In Islanda sono attesi leader politici dall’Europa, dall’Asia e dall’America. Tra gli altri, ci saranno il presidente della Repubblica finlandese Sauli Niinistö, Artur Chilingarov in rappresentanza di Vladimir Putin e il Segretario Generale dell’OCSE José Ángel Gurría.

L’Islanda farà gli onori di casa con il primo ministro Sigmundur Davíð Gunnlaugsson e lo speaker del Parlamento Einar Kristinn Guðfinnsson. La cancelliera tedesca Angela Merkel e il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond invieranno dei videomessaggi.

Arctic Circle Assembly 2

Photo by NASA Goddard Space Flight CenterCC BY 2.0

Delegazioni da paesi come la Francia e il Giappone illustreranno le loro proposte politiche per lo sfruttamento sostenibile dell’Artico. Oltre a loro, l’Arctic Circle Assembly accoglierà centinaia di scienziati e rappresentanti di grandi compagnie con interessi nella regione.

Per tre giorni Reykjavík ospiterà tavoli e dibattiti che affronteranno il tema dedestino dell’Artico a tutto tondo: dal riscaldamento globale allo scioglimento dei ghiacci passando per le nuove rotte navigabili che potrebbero essere percorribili da qui a qualche anno, dai diritti dei popoli indigeni che vivono nella regione allo sfruttamento sostenibile delle risorse naturali.

Arctic Circle Assembly è nato l’anno scorso su iniziativa del presidente della Repubblica islandese Ólafur Ragnar Grímsson, dell’ex primo ministro della Groenlandia Kuupik Kleist e di  Alice Rogoff, editrice dell’Alaska Dispatch. Si tratta di un’organizzazione senza scopo di lucro che ha l’obiettivo di raccogliere e sintetizzare le proposte per uno sviluppo sostenibile dell’Artico.

Il primo incontro si è tenuto l’anno scorso a Reykjavík, diventando subito la più grande assemblea internazionale sull’Artico. Da qui in avanti, i delegati si incontreranno ogni autunno in Islanda, mentre forum speciali saranno allestiti in giro per il mondo. Per l’anno prossimo ne sono in programma tre: uno negli Stati Uniti, uno in Groenlandia e l’altro a Singapore.

Immagine in evidenza: photo by DVIDSHUBCC BY 2.0

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento