•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 novembre, 2014

articolo scritto da:

Istat, taglio alle stime di crescita: “Effetto nullo della manovra per il 2015-2016”

sondaggi politici SWG, neoliberismo, manovra

Doccia fredda per il governo Renzi: Istat taglia le stime di crescita dell’economia italiana e mette in guardia il governo sulla manovra che dovrebbe stimolare la crescita del Paese. I tecnici dell’istituto di statistica, prevedono un “effetto nullo della manovra nel biennio 2015-2016”, a causa della combinazione tra  “impatto positivo del bonus degli 80 euro sulla crescita dei consumi” ed “effetto negativo dovuto alla clausola di salvaguardia sull’aumento automatico dell’iva nel 2016”, nel caso in cui venisse confermato questo aumento.

Scendendo nei dettagli della relazione dell’Istats, i tecnici prevedono un calo del Pil dello 0,3% nel 2014 (in linea con le stime del Governo, contenute nel Def). Per il 2015 si prevede un ritorno alla crescita, con un aumento dello 0,5% (+0,6% nel Def). Rispetto alle precedenti stime l’Istituto di Statistica rivede al ribasso il Pil di0,9 punti nel 2014.
Nel 2014 la domanda interna, al netto delle scorte, influirà negativamente alla crescita del Pil (-0,3%), al contrario la domanda estera netta registrerà un aumento dello 0,1%. Nel 2015 questa tendenza dovrebbe invertirsi, con la domanda interna che avrà un impatto positivo di 0,5 punti percentuali, mentre la domanda estera netta avrà un aumento minimo (+0,1%). Il trend del 2015 che dovrebbe confermarsi anche nel 2016.

Per la questione lavoro, il tasso di disoccupazione raggiungerà il 12,5% nel 2014 per effetto della caduta dell’occupazione (-0,2% in termini di unità di lavoro). La stabilizzazione delle condizioni del mercato del lavoro prevista avrà riflessi sul 2015, quando il tasso di disoccupazione scenderà al 12,4% e le unità di lavoro registreranno un aumento dello 0,2.

Il miglioramento del mercato del lavoro proseguirà anche nel 2016 con una discesa del tasso di disoccupazione al 12,1% e una crescita delle unità di lavoro dello 0,7%.

Le stime dell’Istat sono soggette però, come dichiarano i tecnici dell’istituto, a un elevato grado di incertezza, soprattutto a causa delle dinamiche internazionali, a cominciare dal tasso di cambio tra euro e dollaro. Più la moneta unica si deprezzerà nei confronti del dollaro, più il nostro Paese crescerà.

Intanto per il 2014 la spesa delle famiglie, per la prima volta dopo tre anni, è tornata a crescere con un +0,3%. L’inversione di rotta, però, dipende solo dalla riduzione della propensione al risparmio.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento