•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 novembre, 2014

articolo scritto da:

Jobs Act, Speranza avverte Renzi: “Deputati non sono passacarte, testo va cambiato”

speranza

Il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, mette in guardia l’esecutivo sul Jobs Act e scongiura l’ipotesi dell’ennesima fiducia. “Il Parlamento non può essere ridotto a passacarte. L’ho già detto alla direzione del partito”. Secondo Speranza va costruito “un ponte fra le istanze che in questi giorni stanno arrivando dalle piazze, dalla società, e le decisioni del governo che, legittimamente, vuol modificare alcune regole del mercato del lavoro”, un ponte che passa per il Parlamento, “con una discussione che non può finire congelata. Vogliamo negare la funzione stessa dell’istituzione?” si domanda polemico il capo dei deputati dem.

Speranza invita poi a “ripartire dall’ordine del giorno che era stato approvato dalla direzione del Pd, e che prevede la tutela dell’articolo 18 anche per i licenziamenti disciplinari”. E se il governo ponesse la fiducia? “Vedremo dopo, quando e se verrà posta. Intanto, mandiamo avanti il confronto in commissione”. Sull’ipotesi di un nuovo partito della sinistra con a capo Maurizio Landini, “il presente e il futuro della sinistra resta il Pd, la scissione non esiste, smettiamola di evocarla”.

morando1

Di Jobs Act parla anche il viceministro dell’Economia Enrico Morando, che parla di potenziamento di welfare e ammortizzatori sociali. “Già nella Legge di Stabilità – spiega – c’è un potenziamento degli ammortizzatori sociali ma soprattutto abbiamo stabilito che sui nuovi assunti con il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti ci sarà la fiscalizzazione totale degli oneri contributivi. Una potentissima riduzione dei costi per l’impresa che assume. La delega sul lavoro è una parte ma senza risorse rischiamo che la montagna di una discussione ampia e complessa come questa partorisca un topolino di nuovi posti di lavoro” .

Relativamente alle misure a favore delle imprese, Morando dichiara: “Abbiamo tolto dalla base imponibile dell’Irap il costo del lavoro. Un incentivo molto grande, rispetto ad oggi direi un risparmio vicino al 40 per cento”. 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

20 Commenti

  1. Johnny Cash ha scritto:

    Balle, è tutta una commedia. Fingeranno di litigare per trovare poi l’accordo su un testo leggermente diverso ma che sarà comunque peggiorativo per i diritti dei lavoratori. CISL e UIL esulteranno col governo per la suppostona inflitta agli italiani.

  2. Paolo Minioni ha scritto:

    ecco è arrivato il nobel

  3. Beppe Roca ha scritto:

    Menomale che c’è il pd che fa opposizione al governo…………..surreale.

  4. Francesco Passeri ha scritto:

    approvare il jobs act al più presto. molti di chi lo critica nemmeno lo hanno letto

  5. Voar Livre ha scritto:

    Purtroppo on Speranza moltissimi sono dei passacarte, se non fosse così oggi non ci troveremmo con una classe politica totalmente non credibile

  6. Franco Lo Vecchio ha scritto:

    Speranza? Garantito il maquillage al Jobs act per far capire alla massa dei pekoroni che è il testo sia cambiato. Speranza & Co andate a raccontare balle ai bimbi dell’asilo ammesso e concesso che vi credano!

  7. Maria Nardelli ha scritto:

    e se non si cambia che fate ahahah

  8. Claudio Gardini ha scritto:

    speranza, passa il tempo e continua a non aver capito un cazzo!!!

  9. Davide Bolli ha scritto:

    Ti sbagli siete dei passa carte falliti

  10. Johnny Cash ha scritto:

    Magari, semplicemente, merita di essere criticato, proprio perché è stato letto.

  11. Maxim Vaglini ha scritto:

    da modificare qualcosa c e

  12. Antonio Santurbano ha scritto:

    Chi di speranza vive di speranza crepa…ma vaffanculo cess!!!!

  13. Lidia Mora ha scritto:

    speranza il tuo cognome è tutto un programma renzi te lo ha detto a chi non va bene fuori e ciaooooooooo

  14. Diego Rifici ha scritto:

    Ma vai a farti fottere. Se hai coraggio non votarlo. Ipocrita

  15. Adriano Buoso ha scritto:

    La dittatura delle minoranze?

  16. Arcuri Adriano ha scritto:

    Pdiotiiiiiiiii , credeteci solo loro e basta.

  17. Marco Kinsey ha scritto:

    Bimbominchia..!!

  18. Vanni Mircoli ha scritto:

    Appunto , non sono passacarte , quindi la maggioranza decide………….la minoranza si adegua come in democrazia

  19. Giovanni Carta Crobu ha scritto:

    È tempo di andare in letargo e questo si sveglia adesso!
    Non c’è proprio speranza!

Lascia un commento