•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 17 aprile, 2014

articolo scritto da:

Lavoro, meno proroghe per i contratti a termine. Protesta NCD

poletti

Come più volte predetto, alla fine l’emendamento del Partito Democratico, quello che faceva scendere da 8 a 5 proroghe per i contratti a termine, sempre nel periodo di tre anni, è stato approvato.

Il Decreto Lavoro, targato Poletti-Renzi, subisce, quindi, un’importante modifica. La Commissione Lavoro della Camera, presieduta dall’ex Ministro Cesare Damiano, emenda il numero di proroghe possibili per un contratto a termine. Ma non è l’unica alterazione rispetto al testo originale ad essere stata approvata: infatti a tutto questo si aggiunge il conteggio del periodo di congedo di maternità da parte delle madri per arrivare al diritto di precedenza, prodromo per l’assunzione a tempo indeterminato. Alle stesse lavoratrici è prevista la precedenza nelle assunzioni non indeterminate nell’anno successivo in mansioni già eseguite nel precedente periodo.

Le modifiche non sono però piaciute al Nuovo Centrodestra con Alfano che durante una conferenza alla Camera ha fatto sentire la sua voce: “Daremo battaglia per ripristinare il testo originario del decreto legge”.

Ma la vera e propria iniziativa sul lavoro, sulla quale Renzi ha posto la sua faccia, è il Jobs Act. Si comincia dal Senato della Repubblica attraverso della audizioni di sindacati, imprese, categorie, enti territoriali. Ed è proprio in Commissione Lavoro al Senato che si intravedono i primi screzi: l’oggetto della contesa sono le ‘dimissioni in bianco’. Come sostiene La Repubblica, “queste confluiranno nell’esame del ddl delega sul Lavoro all’esame della commissione lavoro”, esponendo la contrarietà del Movimento 5 Stelle e di Sinistra Ecologia e Libertà. Quest’ultimi, nelle persone di Loredana De Petris e Giovanni Barozzino, hanno affermato come “sul tema del lavoro abbiamo assistito, ancora una volta, alla scrittura di una pagina vergognosa da parte di quelle forze politiche che, in campagna elettorale si propongono come paladini dei diritti dei lavoratori, e poi all’interno del parlamento fanno l’esatto contrario. Le ‘dimissioni in bianco’ erano state approvata dalla camera, anche con il sostegno del Pd. Evidentemente, però, nel tragitto tra Montecitorio e Palazzo Madama i colleghi piddini ci hanno ripensato e hanno preferito rinviare tutto alle calende greche, allineandosi in questo modo alle politiche del lavoro di Sacconi”, hanno concluso.

Daniele Errera

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Pingback: Il piatto del giorno | Contratti a termine, ok a tetto 5 proroghe. Dl lavoro, sì da … – Adnkronos/IGN

  2. Simone Bonanomi ha scritto:

    Libertà di licenziare.

  3. Oreste Picari ha scritto:

    Meno proroghe: se sei un fenomeno ti fanno assumere a tempo determinato da una società amica, e ricomincia il giro. Se sei decente non ti rinnovano il contratto punto.
    Il precariato non si combatte con leggi e con lacci.
    Andare contro le leggi del mercato è ridicolo: smettereste di comprare cellulari o scarpe o vestiti fatti da operai cinesi supersfruttati? Ovviamente no.
    E allora perché un imprenditore dovrebbe garantire stipendi a vita anche se le cose vanno male?

Lascia un commento