•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 novembre, 2014

articolo scritto da:

La nuova Inter di Mancini sarà così

mancini inter

L’Inter ritrova l’uomo dello scudetto dei record, titolo soffiato da Conte anni dopo, ma Mancini può accantonare i ricordi: quell’Inter imbattibile è ormai storia antica.

I nerazzurri, nella stagione 2006-07, presentavano una formazione titolare impressionate: Julio Cesar in porta, difesa a quattro con Maicon, Materazzi, Samuel – o Cordoba – e Maxwell, centrocampo a tre con Cambiasso in regia, Vieira e J. Zanetti interni laterali, un trequartista come Stankovic a fare da cerniera fra la mediana e l’attacco composto da Crespo e Ibrahimovic. Insomma, tutta un’altra Inter. Mancini, oltretutto, dovrà riadattare una rosa pensata per il 3-5-2 marchio di stampo dell’esonerato Mazzarri; fortunatamente manca relativamente poco alla sessione invernale del calciomercato e Thohir potrà soddisfare le richieste del tecnico dei tre scudetti nerazzurri.

Walter Mazzarri

Vediamo come potrebbe cambiare la formazione interista con l’arrivo di Mancini. Innanzitutto varierà sicuramente il modulo: i tre difensori non hanno mai convinto l’ex tecnico del Galatasaray che ha sempre schierato una più tradizionale difesa a quattro. Il centrocampo secondo Mancini è composto da un regista, un interno di destra, uno di sinistra ed un trequartista; in casi estremi vi è stata una trasformazione in un centrocampo a due più tre trequartisti, ma è una soluzione vista come ultra offensiva. L’attacco è solitamente composto da due punte di peso, ed in questo caso non sono troppe le differenze con Mazzarri.

handanovic inter

Tenendo conto che Handanovic è intoccabile, in difesa potrebbero scemare le possibilità di Jonathan e Dodo, mentre le quotazioni sono in salita per Nagatomo e D’Ambrosio. In mezzo alla difesa Vidic ritroverebbe la naturalezza dei tempi di Manchester e ci sarebbe il ballottaggio fra Ranocchia e Juan Jesus. il vero arduo compito di Mancini sarà quello di riuscire a gestire la sovrabbondanza a centrocampo: il ruolo di regista se lo possono giocare Kuzmanovic, Medel e M’Vila, fra gli interni dovranno duellare Guarin e Hernanes, in lizza anche per un posto da trequartista anche se Kovacic ha fatto faville quando impiegato in quel ruolo. In attacco sembra sia intoccabile Icardi, Palacio e Osvaldo faranno la spola con l’argentino più utile nel caso Mancini volesse giocare con una seconda punta. Ricordiamo che l’ex numero 10 blucerchiato è specializzato nel lancio dei giovani talenti, quindi non è detto che Bonazzoli rimarrà fuori dalla bagarre.

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento