•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 18 aprile, 2014

articolo scritto da:

Due mesi all’assessore Pedrali: paragonò la Kyenge a una scimmia

lettera sospetta indirizzata al ministro Kyenge

Il celodurismo leghista ha avuto nella storia anche i suoi scivoloni. Uno di questi è stato punito dal tribunale di Brescia con due mesi di reclusione per Agostino Pedrali, ex assessore leghista ai servizi sociali del comune di Coccaglio (Brescia). Il nostro, il 18 luglio scorso, aveva postato sul proprio profilo facebook una foto del ministro per l’integrazione Cecilè Kyenge affiancata da una scimmia. Titolo: “separate alla nascita”. Didascalia: “Dite quello che volete, ma non assomiglia a un orango? Dai, guardate bene”.

ministro cecile kyenge

Agostino Pedrali è stato condannato quest’oggi per diffamazione aggravata da finalità di discriminazione etnico razziale e la Camera del lavoro di Brescia ha esultato: “Ancora una volta il tribunale di Brescia dimostra una particolare sensibilità su questi temi tutelando il diritto di ciascuno alla differenza. La sentenza, inoltre, contribuisce a dare rinnovata forza al lavoro di chi, giorno per giorno, vigila affinché episodi simili non si ripetano”.

Giacomo Salvini

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Barbara Romana ha scritto:

    Ma guarda se non si può nemmeno dire la verità mo..

  2. Giorgio Maria Cambié ha scritto:

    La causa l’ aveva fatta la scimmia?

  3. Lello Maggiore ha scritto:

    Fatela rientrare in Congo….

  4. Eric Penna Nera ha scritto:

    non si capisce perchè questa persona non possa venir criticata. Chi la tocca commette forse reato di lesa maestà? Per fortuna che non è più ministro.

Lascia un commento