•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 19 novembre, 2014

articolo scritto da:

12 Dicembre: sciopero generale Cgil e Uil. No della Cisl, Poletti fischiato

divise dallo sciopero generale

Il 12 Dicembre è la data al momento più probabile per sciopero generale che dovrebbe essere proclamato da Cgil e Uil. Questo l’esito dell’incontro tra i leader sindacali. La Cisl conferma il solo ‘sciopero unitario’ del pubblico impiego, che si terrà il 1 dicembre.

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il cui intervento era previsto questo pomeriggio al congresso Uil, ha fatto sapere di rinunciare ad intervenire alla luce del “mutato contesto”, cioè la decisione della Uil di proclamare con la Cgil lo sciopero generale. Il messaggio è stato letto dal palco e dalla platea sono partiti fischi.

CGIL, Camusso: sciopero il 12 con manifestazioni territoriali

Susanna Camusso a margine dell’incontro con gli altri sindacati afferma: “Sui temi della legge di stabilità, del Jobs act” con la Uil “abbiamo registrato un importante convergenza e abbiamo convenuto di fare uno sciopero generale in una giornata con manifestazioni territoriali il 12 dicembre, avendo fatto verifiche sulla data”

sciopero generale 12 dicembre

CISL, Furlan: non ha senso bloccare Paese con sciopero generale

“La Cisl non farà lo sciopero generale con Cgil e Uil”. Ad annunciarlo, in un’intervista a Repubblica, è il segretario generale della Cisl, Anna Maria Furlan, per la quale “non ci sono motivazioni valide per fermare il paese: il jobs act, in fondo, sta cambiando in meglio. Faremo invece lo sciopero generale per il rinnovo del contratto del pubblico impiego”. Per Furlan, le norme del Jobs act “stanno cambiando in positivo e in sede di decreti attuativi vedremo di migliorarle ancora”. E neanche la legge di Stabilità è un obiettivo: “la Finanziaria contiene cose positive e cose da cambiare ma tutto questo non giustifica uno sciopero generale. Non l’ abbiamo fatto neppure con Monti quando era davvero un testo da lacrime e sangue, figurarsi ora”. Sul significato politico di una mobilitazione unitaria, il numero uno della Cisl tiene a puntualizzare che “gli scioperi unitari non si fanno quando qualcuno definisce da solo testo, percorso, data. A noi non piace agganciarci”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

64 comments
Anna Zappulla
Anna Zappulla

Sono contraria, contrarissima: il sindacato deve fare sindacato e non politica......anche perché mi chiedo ai tempi del governo Monti, della Fornero, degli esodati, ecc., dov'era il sindacato???? Quanti scioperi sono stati fatti in quell'occasione???? Adesso stanno strumentalizzando i lavoratori, i giovani precari, i disoccupati.....

Tiziano Vettori
Tiziano Vettori

Contrario a questo sciopero politico in un momento così critico e poi di venerdì è assurdo, segno di debolezza. Comunque Renzi deve incontrare personalmente i sindacati e chiarirsi prima di continuare a testa bassa senza dialogo !

Sauro Ernest Ricci
Sauro Ernest Ricci

Assolutissimamente contrario...non serve e serve solo al gioco del sindacato magnone affabulatore di frotte di pecoroni...

Piero Bazzoni
Piero Bazzoni

La camusso non ha battuto ciglio con la legge fornero votata da bersani. In questo caso era stata consultata. Senza lavoro non ci sono garanzie.

Dario Moretta
Dario Moretta

La "narcosi collettiva", come lei dice, si chiama disoccupazione al 12,5%, quasi al 50% per i giovani. Il governo tenta una strada per aumetare il lavoro, anche se forse sbaglia. Il punto è: i sindacati hanno un piano REALISTICO contro la disoccupazione?

Dario Moretta
Dario Moretta

Caro Luciano, lei probabilmente vede una lesione di diritti in questa riforma; io vedo la possibilità di passare dai co.co.pro a cui sono abituato da tredici anni a contratti a tempo indeterminato, che dovrebbero diventare molto più convenienti rispetto ai contratti di collaborazione (i quali dovrebbero peraltro essere eliminati). Landini dice bene quando sostiene che è compito dei sindacati convincere il governo che le posizioni da loro rappresentate costituiscano la maggioranza, nel mondo del lavoro. Dubito però che sia vero, in un paese con disoccupazione al 12,5% e un mondo del lavoro così frammentato.

Dario Moretta
Dario Moretta

Bah. Di mezzo c'è stata la caduta del muro e la delocalizzazione. Si può anche pensare di mantenere inalterati i diritti, ma nel frattempo si perde il lavoro.

Mori Guido
Mori Guido

Senza capire che perde ancora più di credibilità.

Mori Guido
Mori Guido

Un commento raffinato, dato da una mente raffinata.

Mori Guido
Mori Guido

Perchè se non ci fosse stata la legge Fornero ci sarebbe stato il default del sistema pensionistico.

Mori Guido
Mori Guido

Probabilmente signor Fabiano lei non ha letto i vari commenti e tira una conclusione data a caso .

Michele Molinaro
Michele Molinaro

Mi chiedo, come hanno fatto ad eleggerla segretario. Sono messi proprio male quelli della CISL.

Vittorio Budroni
Vittorio Budroni

Con i padroni hanno dialogato e contattato doverosamente tutti, si anch'io. Questi Segretari non hanno il "peso" dei leader storici della triplice. Questi, incapaci di inventare forme di tutela nuove e incisive, vanno avanti disuniti con scioperi più politici e di certo per affiancarsi con componenti partitiche mirando a ribaltare alleanze politiche. Sono degli emeriti incapaci. Incapaci di conquistarsi un tavolo di trattative costringendo Renzi e le istituzioni di tutti i livelli a discutere e concordare le nuove forme di tutela.

Gianfranco Mancini
Gianfranco Mancini

Ma che strano la cisl non è d'accordo, sarebbe stata un'eccezione quel sindacato è sempre dalla parte sbagliata.

Fabiano Rosa
Fabiano Rosa

caro signor Mori se tutti avessero ragionato come lei saremmo ancora ai tempi dei servi della gleba e la baby sitter se la sognava!

Ninni Gagliano
Ninni Gagliano

i sindacati sono come l'Aids, se li conosci li eviti

Daniele Ossola
Daniele Ossola

Assolutamente favorevole. Cisl inutile...come sempre!

Mori Guido
Mori Guido

Scusami Luciano io sono un lavoratore, a me la Cgil non mi rappresenta, guadagno meno, ho meno tutele sindacali e mi sono preparato 4 volte (in tempo) più di un metal meccanico. A me gli scioperi che fate il venerdì fanno perdere 80 euro di babysitter. Capisco che a te non interessi ma condividi il fatto che a me e gli altri 80% dei lavoratori non interessi poi troppo di te.

Mori Guido
Mori Guido

Scusami Riccardo ma parli di poco meno del 20% dei lavoratori. Cioè di una minoranza . Il resto dei lavoratori non hanno protezione e alla Cgil non interessano. Non voglio farne una questione di cifre ma di sicuro la Cgil e tutti gli altri sindacati non rappresentano i lavoratori. A dire il vero non rappresentano nemmeno tutti i lavoratori a tempo indeterminato. Per questa ragione chiedere un Comportamento ben diverso.

Luciano Salardi
Luciano Salardi

Ma ci arrivate che questi non sono scioperi dei sindacati ma della gente, dei lavoratori che si vedono scippare gli ultimi diritti rimasti? Ma secondo voi io perderei 300€ per le paturnie della Camusso o di Landini? Lo faccio perché per ottenere qualcosa ci sono prezzi da pagare, nessuno ti regala niente. Alla fine Renzi andrà avanti lo stesso, lui non discute nemmeno, va dritto per la sua strada, ma se questo non mi piace avrò almeno il diritto di protestare? È perché lo ritengo giusto non perché me lo dice Landini.

Anna Marzielli
Anna Marzielli

Bella domanda !! ma non è troppo tardi per rispondere alle esigenze dei lavoratori

Luciano Salardi
Luciano Salardi

La CISL é utile come una stufa all'equatore, fare la tessera di costoro é come dare il borotalco ai maiali

Anna Marzielli
Anna Marzielli

Non ci facciamo troppe fisime andiamo a protestare se è questo che riteniamo giusto

Anna Marzielli
Anna Marzielli

Favorevole abbiamo bisogno di luogo on cui riversare tutta la nostra

Daniele Cappelli
Daniele Cappelli

Dove era la CGIL .PERCHÉ NON SI É SCHIERATA CONTRO LA FORNERO?

Daniele Cappelli
Daniele Cappelli

Perché la Sindacalista CAMUSSO NON HA DECRETATO LO SCIOPERO QUANDO É STATA ATTUATA LA LEGGE FORNERO?

Giampiero Isidori
Giampiero Isidori

Certo che no, in questi anni hanno fatto passare le peggio cose senza una forte opposizione. Sono anni che I vari governi hanno smantellato lo stato sociale con il vostro consenso. Ora che Renzi, x vari motivi, vi sta sputtanando davanti ai lavoratori, vi siete sentiti offesi e reagite come avreste dovuto reagire tanti anni fa. Ormai i buoi li avete fatti scappare, e pensate che con lo sciopero li fate rientrare...ILLUSI.

Vittorio Buccarello
Vittorio Buccarello

I diritti dei lavoratori se li sono dovuti conquistare sempre attraverso lotte e sacrifici. Solo quando hanno smesso di lottare, man mano li hanno nuovamente perduti, arrivando nelle condizioni in cui siamo oggi.

Rafus Valese
Rafus Valese

una sola giornata non serve ci vorrebbe un mese di stop toale senza fare casini .....fermarsi e basta auto spesa .e via discorrendo allora sarebberio cazzi per dta banda bassotti

Marco Corvi
Marco Corvi

La Cisl non può scioperare contro il "padrone"! È una tradizione da rispettare!!!

George Ross
George Ross

La signora Furlan della CISL e' l'unica che ha capito che facendo questi scioperi non aiuta la ripresa ma l'aggravano sempre di più' ! Inoltre fanno togliere denaro dalle tasche dei lavoratori che invece potrebbero spenderli per aiutare la ripresa !!!!

Massimo Consales
Massimo Consales

Be' l'ex segretario mi sembra che abbia pensato più al proprio portafoglio che a quello dei lavoratori che ha rappresentato. Non dimentichiamo gli accordi bufala che ha firmato, e l'aver cercato sempre di incolpare la Cgil di essere politicizzata.

Riccardo D'Attilio
Riccardo D'Attilio

Non deve essere la Camusso a godere di credibilità. Fa la sindacalista, parla perché chi lavora abbia un reddito dignitoso e magari anche perché le porte del lavoro si aprano ai nuovi entranti. Squinzi è quello di confindustria, dovrebbe essere lui ad accordarsi con la Camusso perché tutti e due traggano beneficio dall'accordo. In tale contesto, è il governo che dovrebbe fare da mediatore; Renzi, per l'appunto, che è venuto meno al suo ruolo, avvicinandosi alle posizioni di confindustria. In tali frangenti, quindi, trovo sia Renzi quello che gode di poca credibilità

Trackbacks

  1. […] quello che ci prova non quello che protesta”. Il premier Matteo Renzi commenta così la decisione dei sindacati di indire lo sciopero generale il prossimo 12 dicembre. Dai microfoni di Rtl 102.5, il premier ammette che la situazione è difficile ma questo non lo […]