•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 21 novembre, 2014

articolo scritto da:

Sondaggi elettorali IPR: PD solidamente al 40%, ma ci sono timori di scissione

sondaggi elettorali IPR

Sondaggi elettorali IPR: M5S e Forza Italia in crisi, al 17,5% e 14%

L’ultimo dei sondaggi elettorali IPR è il migliore degli ultimi tempi per il PD, che viene dato al 40%, un record positivo, rispetto a tutti gli altri istituti che lo danno anche abbondantemente sotto tale soglia.

La crisi evitata dal PD colpisce invece altre forze, in particolare le due principali di opposizioni, il Movimento 5 Stelle e Forza Italia, con il primo sceso al 17,5%, probabilmente un minimo storico, e il secondo al 14%, anch’esso bassissimo.

Ad approfittarne come ormai noto da tempo, la Lega Nord, che IPR dà al 10,5%, uno dei valori più alti dei sondaggi elettorali in circolazione. L’efficacia mediatica di Salvini certo toglie spazio ad altri movimenti concorrenti nel campo del populismo o del centrodestra.

Stabili al 4% il NCD-UDC, non slgono ma non perdono neanche terreno. In calo i Fratelli d’Italia al 2%, un valore basso per il partito, che probabilmente soffre, anch’esso, della concorrenza della Lega Nord.

Buono il dato di SEL al 3,5%, Rifondazione comunista non è mostrata, ma è facile immaginare che insieme supererebbero il valore delle elezioni europee della lista Tsipras.

E’ alto il valore degli Altri, al 7,5%, non è dato di spaere chi è incluso, probabilmente Rifondazione, Veerdi, SVP e altri autonomisti, Italia Unica?

Vediamo i dati:

sondaggi elettorali IPR

Sondaggi politici IPR: il 41% degli elettori PD pensa sia prossima una scissione nel partito

IPR ha voluto anche indagare il pensiero degli elettori sulla situazione interna ai principali partiti e coalizioni, chiedendo a quelli di centrodestra, così come a tutti gli elettori, se il centrodestra appunto debba tornare unito, dal NCD alla Lega. Ed è interessante osservare la discrepanza tra le opinioni degli italiani in generale e degli elettori di centrodestra: questi ultimi sono per una rinnovata unione della propria coalizione, 60% a 36%, contro l’opinione generale degli italiani, 56% a 24%.

La domanda su un’eventuale spaccatura del PD divide di più i rispondenti: se gli italiani pensano non ci sarà una scissione nel 46% dei casi, contro il 42% che la ritiene probabile, l’opinione degli elettori di centrosinistra, in cui sono inclusi quelli di sinistra radicale, è opposta, il 49% pensa che ormai le differenze interne al PD siano troppo ampie per evitare una spaccatura.

Nel PD comprensibilmente la si pensa in maniera opposta, il 54% ritiene che non ci sarà una scissione, ma è molto significativo il 41% di coloro che ritiene ormai le posizioni inconciliabili, un valor emotlo alto all’interno degli elettori di un partito.

Ecco i dati:

sondaggi politici CDX PD

 

 

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da: