•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 22 novembre, 2014

articolo scritto da:

Giuliano Ferrara consiglia Berlusconi: “Lasci perdere Salvini e rispetti patto con Renzi”

giuliano ferrara

Lasciar perdere Salvini e concentrarsi sul Patto del Nazareno. E’ il consiglio che arriva a Silvio Berlusconi direttamente da Giuliano Ferrara, direttore de Il Foglio. Con un lungo editoriale sul quotidiano, l’Elefantino spiega all’ex Cav la necessità di non restare intrappolati nel pantano e di volare alto.

L’avvertimento lanciato da Ferrara è chiaro: “Restare nel guado non serve a nulla”. Da qui il consiglio rivolto a Berlusconi: “scelga, o con Renzi oppure no”. Per Ferrara, non insensibile al percorso politico intrapreso dall’ex sindaco di Firenze, è necessario proseguire nella collaborazione. Il direttore del Foglio, rivolgendosi al leader forzista, dichiara che “il premier è il suo migliore prodotto, avete gli stessi nemici, ha rottamato coloro che lei aveva destabilizzato”.

Asse Renzi-Berlusconi, i consigli di Giuliano Ferrara

Poi ecco una serie di consigli sulla strategia da attuare: “Gli chieda di dare battaglia in Europa, lo incalzi, lo prenda a pedate. Ma non resti nel guado”. Perché non bisogna mollare “il significato e il valore di un patto per l’Italia che esige lealtà e perseveranza politica sopratutto da parte sua”. Perciò avanti con Matteo Renzi, a cui chiedere “di dare battaglia seria in Europa, di governare in deficit se non ci siano mutualizzazione del debito con gli eurobon e politiche espansive come ce le chiedono anche i mercati e gli americani”.

giuliano ferrara berlusconi renzi

Ferrara boccia Matteo Salvini: “Uomo povero di mezzi e forte di gola”

Da Ferrara arriva anche un giudizio tranchant nei confronti di Matteo Salvini, leader di una Lega Nord in forte ascesa nei sondaggi. Anche qui, il giudizio sul leader leghista è parte integrante del consiglio rivolto all’ex Cav: “Ci dia dentro, esca allo scoperto, non stia lì a vacillare per qualche percentuale in Calabria, per la minaccia di quell’uomo povero di mezzi e forte di gola che è il Salvini”. E ancora: “si tiri fuori dall’ennesima adunata dei refrattari che l’hanno combattuta a forza di colpi bassi”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

24 comments
Matteo Devil-Shanty De Petrillo
Matteo Devil-Shanty De Petrillo

parla l'uomo che ha rubato milioni in sovvenzioni statali con un foglio di carta inutile pure quando finisce la carta igenica...

Pino E Nunzia Matarrese
Pino E Nunzia Matarrese

Schifezza, Ferrara, schifezza Berlusconi, schifezza Salvini e grande schifezza Renzi. RINCORRETEVI.

Marco Corvi
Marco Corvi

Ferrara è come le mosche, fiuta sempre dove è la m.....!!!!!

Angelo Ardito
Angelo Ardito

ogni tanto una cosa seria la dice...salvini va abbandonato...a dare corda ai pazzi...

Alessandro Porro
Alessandro Porro

Un motivo in più per non seguire Renzi nel suo percorso di destra

Mauro Tornaghi
Mauro Tornaghi

adesso ho la certezza, Renzi inaffidabile e uguale se non peggio di chi lo ha preceduto

Giovanni De Marini
Giovanni De Marini

Sono perfettamente d'accordo. Ferrara è stato sempre molto lucido nei consigli a Barlusconi.

Roberta Callerio
Roberta Callerio

lo avete visto in costume da bagno è una massa di lardo deforme !

Piero Avella
Piero Avella

Questo ancora lecca il culo al suo padrone?

Giovanni Facchini
Giovanni Facchini

Quando Ferrara consiglia il Nano va sempre bene. Come porta sfiga lui non la porta nessuno..

Pietro Domenico Salvi
Pietro Domenico Salvi

sarebbe come dire fai qualcosa di utile perl'Italia non è stato mai nelle sue corde