•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 19 aprile, 2014

articolo scritto da:

Boldrini: “Legge su voto di scambio era attesa da anni”

“L’aumento delle tensioni di questi giorni, sia alla Camera che al Senato, potrebbe non essere estraneo all’avvicinarsi della scadenza elettorale, che induce alcuni ad usare l’aula come ribalta mediatica. Spero che – nel tempo che ci separa dal voto – tutti sappiano rispettare le istituzioni perchè lo spettacolo ripetuto di urla e invettive accredita l’idea che il Parlamento sia un palcoscenico, più che un luogo dove si prendono decisioni utili alla collettività”. È questo l’appello che la Presidente della Camera, Laura Boldrini, lancia nel video della settimana da oggi on line. Chiaro il riferimento al comportamento tenuto dal alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle in occasione dell’approvazione della legge sul voto di scambio politico-mafioso.

Ed è invece proprio alla riforma del 416 ter che la Boldrini plaude. “E’ una norma attesa da anni”, afferma la presidente della Camera. La riforma, contestata da una parte delle opposizioni, “individua come reato – ha spiegato Boldrini nel suo consueto video sulla settimana parlamentare – non solo il passaggio di denaro ma anche altre utilità, come ad esempio, la concessione di appalti. Significativo l’apprezzamento tanto del procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, quanto del presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

79 Commenti

  1. Giuseppe Perdichizzi ha scritto:

    La compagna boldrini dalla parte di mafiosi e politici complici??? Bell’esempio.

  2. Nicola Sforza ha scritto:

    e avete fatto una bella porcheria eh?

  3. Massimo Romano ha scritto:

    Può spiegare meglio perché la Boldrini sarebbe dalla parte dei mafiosi ?

  4. Guido Bezzeccheri ha scritto:

    La boldrini é dalla partebdei mafiosi quanto Libera e don ciotti. Sono mafioso anche io allora, se questa è la capacità di giudizio di chi la critica.

  5. Nicola Berardi ha scritto:

    Il Procuratore nazionale antimafia, il fondatore di libera, la commissione antimafia, tutti quanti (politica, magistratura, parti sociali) dicono che è una norma ottima. Possibile che solo i grillini, che 8 mesi fa avevano votato all’UNANIMITA’ l’abbassamento delle pene (17 luglio 2013), si lamentino?

  6. Andrea Spadaro ha scritto:

    Perché ridurre le pene???? X fare in modo che i pplitici non andranno mai in galera…parole di Gratteri e borsellino

  7. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Perché non é grillina.

  8. Matteo Busoni ha scritto:

    Anche i mafiosi aspettavano la riduzione delle pene!

  9. Lorenzo Sassi ha scritto:

    QUESTA FOTO E? opera del nuovo studio fotografico ingaggiato dalla Boldrini?

  10. Giuseppe Perdichizzi ha scritto:

    Qualunque connivenza tra mafia e politica va condannata senza se e senza ma e non è entusiasmandosi per una legge che abbassa le pene anzicchè inasprirle per questi reati che si risolvono problemi così delicati.La Boldrini,avrebbe fatto meglio a tacere e non dare l’impressione di essere dalla parte sbagliata.

  11. Nicola Sforza ha scritto:

    le pene sono state abbassate da allora! informati meglio! è una legge “ad hoc” per evitare il carcere per eventuali condanne ai nostri tanto “cari ed onesti” politici..

  12. Michele Mille ha scritto:

    Il sacro blog parla e gli asini ragliano!

  13. Guido Bezzeccheri ha scritto:

    il bello sai quel è? E’ che nessuno pena è stata ridotta, ma nmeglio non farlo sapere in giro alrimenti roviniamo le favole ai grillini.

  14. Guido Bezzeccheri ha scritto:

    hanno detto che le NUOVE sanzioni difficilmente saranno applicabili: Significa che prima di questa legge nemmeno era possibile pensare di metterli ingalera in assenza di passaggio di denaro. Parlate di cose che non conoscete e in base a quello che non sapete vi permettete pure di giudicare.

  15. Guido Bezzeccheri ha scritto:

    è il nuovo che avanza, un popolo rincoglionito dlla disinformazione della rete

  16. Matteo Busoni ha scritto:

    Ahahah! Meno male ci sono i fenomeni come te che ce lo spiegano

  17. Guido Bezzeccheri ha scritto:

    Pe gli scettivi le NUOVE sanzioni difficilmente saranno applicabili: Significa che prima di questa legge nemmeno era possibile pensare di metterli ingalera in assenza di passaggio di denaro. Parlate di cose che non conoscete e in base a quello che non sapete vi permettete pure di giudicare. Un popolo rincoglionito dalla disinformazione della rete, che si affida come al solito ad un santone e prende per oro colato quello che propaganda perchè ad informarsi si fa troppa fatica. Non cambieremo mai, la battaglia della boldrini e di come lei pensa davvero che si possa fare della buona politica è una battaglia persa.

  18. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Perché sarebbe “una legge “ad hoc” per evitare il carcere per eventuali condanne ai nostri tanto “cari ed onesti” politici”?

  19. Giovanni Cavallo ha scritto:

    La nuova legge punisce DAVVERO il voto di scambio politico mafioso e le pene sono state abbassate per diversificarle da quelle per associazione mafiosa. E’ passato l’ovvio principio che essere parte integrante di un’organizzazione mafiosa è più grave di fare uno scambio di favori con un mafioso. La legge uscita dal parlamento è perfetta!
    P.S. nessuno può farla franca, visto che la pena minima è di 4 anni e con una condanna di 4 anni c’è il carcere. Quindi non dite “le pene sono state abbassate per evitare il carcere ai politici”!

  20. Rosa Fos ha scritto:

    quante ovvietà dice la signora

  21. Nicola Sforza ha scritto:

    te lo spiegherei nel dettaglio, per non dilungarmi ti posso dire che in pratica abbassando le pene, se sei incensurato e se ti danno qualche attenuante non arrivi al minimo di pena dal quale scattano le misure detentive, ovvero carcere ecc.. in pratica l’hanno fatto per pararsi il culo un domani se dovessero essere condannati per scambio di voti.. tu immagina per essere cosi previdenti come sono PULITI ed ONESTI!… ahahaha

  22. Massimo Morelli ha scritto:

    Si con quelle bellissime riduzioni di pena… Ma che vada in malora!

  23. Sandro Maranga ha scritto:

    Allora spiegaci caro Guido come mai le pene sono state abbassate da un minimo di 4 e un massimo di 12 ad un minimo di 4 e un massimo di 10, quando per avere l’interdizione ai pubblici uffici bisogna avere una pena di 5 anni. Se pensiamo che parliamo spesso di persone che possono usufruire della condizionale vuol dire che i nostri politici non andranno mai in galera, se ci aggiungiamo che queste pene sono state ridotte poi il giorno dopo l’incontro Renzi-Berlusconi io dico che 1+1 fa 2.
    Mi sa che qui, quello disinformato sei tu, e purtroppo tanti altri!

  24. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Sandro, sei stupido.

  25. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Le misure detentive scattano a 3 anni di pena, scemo!

  26. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Non sai di cosa parli!

  27. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Quali riduzioni? Era un reato per cui, in 20 anni, non era mai stata data una condanna e con la nuova legge ci saranno tanti condannati (almeno secondo il procuratore nazionale antimafia). Ma di che cazzo parlate? Abbassamento ridpetto a cosa? rispetto a zero? Fate ridere!

  28. Massimo Morelli ha scritto:

    Cavallo rispetto alla prima votazione in senato ora con questa riduzione nessuno andrà in galera ci vediamo al prossimo indulto.

  29. Vito Martinelli ha scritto:

    e finalmente dopo tanti sforzi siete riuscite a fare una cagata mostruosa

  30. Nicola Berardi ha scritto:

    Vediamo quanto ci mette ad arrivare un grillino che si lamenta dei limiti edittali della pena, votato all’unanimità dal M5S a luglio.

  31. Davide Cocco ha scritto:

    sei arrivato prima tu…

  32. Mauro Portoso ha scritto:

    no comment!!!….

  33. Amadori Mario ha scritto:

    torna a dormire che hai dormito 20 anni….

  34. Amadori Mario ha scritto:

    a ..vai a giocare a golf a lampaedusa!

  35. Nicola Berardi ha scritto:

    Rispondi nel merito, che forse dormivi tu quando il M5S votava all’unanimità quei limiti di pena.

  36. Eric Penna Nera ha scritto:

    anche le tue dimissioni sono attese da tempo

  37. Eric Penna Nera ha scritto:

    e noi attendiamo le tue dimissioni

  38. Nicola Sforza ha scritto:

    ahahaha.. ma allora il cretino qui sei tu! Ma hai letto cosa ho scritto?

  39. Nicola Sforza ha scritto:

    mettiamo anche che per il reato commesso vengano condannati a 4 anni secondo le legge modificata. diciamo che gli danno di sconto/pena per le attenuanti generiche che si danno a chiunque di un terzo e che magari siano anche incensurati.. morale della favola non raggiungono nemmeno i 3 anni necessari affinche scatti il carcere, compris?

  40. Federica Stacchi ha scritto:

    E finalmente è arrivata!

  41. Federica Stacchi ha scritto:

    Esattamente il 16 luglio 2013,inutili ortotteri.

  42. Danio Aloisi ha scritto:

    parla per te

  43. Mori Guido ha scritto:

    Si dovrebbe ringraziare il Pd per lo strumento che hanno fornito per indagare sul rapporto tra mafia e politica e non seguire quei populisti da quattro soldi dei #grillusconini

  44. Mori Guido ha scritto:

    Solo da te.

  45. Mori Guido ha scritto:

    Mi spiace ti sei fatto ingannare dalla propaganda: il reato in questione tratta di scambio politico mafioso in assenza di pecunia e nn era trattato dal legislatore. Dovresti ringraziare il Pd per aver fornito un’efficace strumento contro la mafia.

  46. Sandro Maranga ha scritto:

    Giovanni Cavallo, rispondi in merito invece di insultare, se ne hai l’intelligenza.

  47. Davide Ansaldo ha scritto:

    Ogni volta che parla mi aspetto un’accusa di sessismo contro qualcuno, stavolta niente’

  48. Massimo Morelli ha scritto:

    Caro guido una domanda se davvero era cosí importante come mai Dalla prima votazione in senato hanno ridotto le pene?

  49. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Ok…
    La nuova legge punisce DAVVERO il voto di scambio politico mafioso e le pene sono state abbassate per diversificarle da quelle per associazione mafiosa. E’ passato l’ovvio principio che essere parte integrante di un’organizzazione mafiosa è più grave di fare uno scambio di favori con un mafioso. La legge uscita dal parlamento è perfetta!
    P.S. nessuno può farla franca, visto che la pena minima è di 4 anni e con una condanna di 4 anni c’è il carcere. Per quanto riguarda l’interdizione dai pubblici uffici, c’è già la legge Severino che impedisce ai condannati di fare i parlamentari. Quindi non dite “le pene sono state abbassate per evitare il carcere ai politici” o per evitargli l’interdizione! Ridicoli!

  50. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Per le condanne superiori a 3 anni c’è il carcere o misure alternative (domiciliari o lavori socialmente utili, a discrezione del giudice). Se uno viene condannato a 4 anni viene punito con il carcere o pena alternativa, SEMPRE. Addirittura, anche se una parte della pena è indultata si viene puniti (vedi caso Berlusconi). Non sai di cosa parli e fai un sacco di figuracce.

  51. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Le pene sono state abbassate per diversificarle da quelle per associazione mafiosa. E’ passato l’ovvio principio che essere parte integrante di un’organizzazione mafiosa è più grave di fare uno scambio di favori con un mafioso. La legge uscita dal parlamento è perfetta!
    P.S. nessuno può farla franca, visto che la pena minima è di 4 anni e con una condanna di 4 anni c’è il carcere. Quindi non dite “le pene sono state abbassate per evitare il carcere ai politici”!

  52. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Per altro, le pene sono state riportate a quelle che erano uscite dalla commissione della Camera, votate all’unanimità (anche da quei bambocci cretini dei grillini).

  53. Massimo Morelli ha scritto:

    Questa è l’ennesima prova della vs malafede. Inutile provare a far capire I sordi. Altra velina in arrivo?

  54. Massimo Morelli ha scritto:

    Fare uno scambio di favori equivale a far parte della criminalitá organizzata. Ma del resto il pd coi Mafiosi ci legifera.

  55. Gianfranco Mancini ha scritto:

    Una splendida donna. Brava.

  56. Nicola Sforza ha scritto:

    forse nn ci capiamo perche sto dicendo le stesse cose.. boh.. eppure in italiano scrivo.

  57. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Non hanno abbassato le pene per “farla franca”, ma per differenziare il reato di voto di scambio da quello di associazione mafiosa. Non c’è nessun gombloddone!1!!1! E’ un’ottima legge, che protegge i cittadini onesti e per bene e punisce i mafiosi e i politici che fanno voto di scambio con i mafiosi. Questo è quanto!

  58. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Ma quando mai? Un boss e uno che fa un accordo con un mafioso devono essere trattati allo stesso modo? 😀
    Già il reato di associazione mafiosa è diversificato tra “capi” e “picciotti”, che hanno condanne più lievi. Poi c’è il concorso esterno in associazione mafiosa che ha ancora condanne minori. O non sai di cosa parli o sei scemo, non c’è scampo.

  59. Massimo Morelli ha scritto:

    Quanto vi arrampicate sugli specchi cari piddini. Le offese gratuite rivelano la Tua pochezza. Stai sereno vi spazzeremo via:-) voi e I vostri amici mafiosi senza alcun distinguo. Il politico che scende a patti con la mafia non è un picciotto. Il ruolo ricoperto rende il reato più grave.

  60. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Non sono gli esponenti del Pd ad arrampicarsi sugli specchi, siete voi grillini che non capite niente: le leggi puniscono in maniera diversa reati diversi, fatevene una ragione. Se avessero voluto “aiutare i mafiosi” o “farla franca”, avrebbero potuto lasciare la legge così come era. Invece, hanno fatto una legge che punisce DAVVERO il voto di scambio politico-mafioso. Punto! Non sapete cosa dire, fate ridere!

  61. Massimo Morelli ha scritto:

    L’attuale 416-ter non è la norma perfetta semplicemente perché per il politico continua ad essere conveniente delinquere. Come ribadito dal Procuratore Gratteri, “considerata la possibilità di essere giudicato con rito abbreviato (sconto di 1/3 di pena), la buona condotta in carcere (ogni anno 3 mesi in meno), dopo 2 anni, massimo 3 anni è fuori”. E stiamo parlando di uno dei reati più gravi della nostra epoca, che ha permesso di avere in Parlamento (e non solo) politici collusi con la mafia.
    Altre veline? O boiate? Altro che carcere e ti dovresti vergognare!

  62. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Ah, quindi si va in galera? 😀
    Quella di Gratteri è un’osservazione pertinente: nella peggiore (per noi e migliore per i condannati) delle ipotesi si fanno 2/3 anni di carcere (e, ti faccio notare, con la legge Severino non sono candidabili per 6 anni). Gratteri, però, non da affatto un giudizio negativo sulla legge e non grida allo scandalo. Quella legge è praticamente perfetta, per nulla tenera e molto precisa! E voi grillini non capite niente.

  63. Giovanni Cavallo ha scritto:

    C’è il carcere e nessuno ha voluto “farla franca” o “aiutare i mafiosi” con quella legge. Questo è quanto!

  64. Massimo Morelli ha scritto:

    Puerile

  65. Massimo Morelli ha scritto:

    Vedrai non si fanno manco quelli e il pd gode e specula sui gonzi che se la bevono . Contento te:-)

  66. Giovanni Cavallo ha scritto:

    Sei ridicolo! Pur di non ammettere che state facendo una polemica sterilissima, ti inventi previsioni assurde su un futuro ipotetico 😀
    Voi grillini non avete mai uno straccio di argomento! Mai! 😀

  67. Donato Cristiano Savria ha scritto:

    Ahahahahah

  68. Massimo Morelli ha scritto:

    Ribadire Cavolate è tipico Dei gonzi. ”La pena mi pare troppo lieve rispetto alla gravità del fatto”, ha commentato con l’Adnkronos il procuratore aggiunto presso il Tribunale di Reggio Calabria, Nicola Gratteri. Altro che giudizio positivo. Continua a leggere la repubblica e a credere alle favole. Un buon libro di filosofia del diritto potrebbe farti aprire gli occhi.

  69. Massimo Morelli ha scritto:

    L’errore, su cui Libera ha espresso fin da subito le sue perplessità, è quello della riduzione delle pene, che vanno inserite, invece, in un più generale inasprimento di tutti i reati di mafia, a partire dal 416 bis, oggi sanzionato con condanne inferiori a quelle previste per l’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. L’auspicio, già sotttolineato prima del voto di oggi a Palazzo Madama, è che il governo intervenga quanto prima, come suggerito dalla commissione Garofoli, perché siano previste per i reati di mafia sanzioni più severe ed efficaci, nel rispetto del principio della proporzionalità della pena.
    Si tratta comunqe solo di un primo passo, anche se importante, e di un doveroso atto politico di trasparenza e bonifica delle istituzioni democratiche. Reati diffusi al punto da diventare costume, chiedono non solo leggi all’altezza ma l’impegno di tutti noi a volerle e sostenerle attraverso le scelte e i comportamenti quotidiani. E’ necessario a questo punto, fare un ulteriore scatto e arrivare prima possibile, a una più generale legge sulla corruzione dotata di quelle misure (confisca dei beni ai corrotti; pene adeguate per “reati civetta” come il falso in bilancio, la disciplina sulla prescrizione, l’autoriciclaggio, l’evasione fiscale) per rendere il nostro Paese una comunità dove l’interesse economico coincida finalmente con l’interesse sociale, con la dignità e la libertà di tutti. (Libera)

  70. Massimo Morelli ha scritto:

    Rita Borsellino, eurodeputato e membro della Commissione antimafia europea CRIM e Alfio Foti, candidato collegio insulare per L’Altra Europa con Tsipras. «Il ddl sul voto di scambio – tuonano – è una norma che fa un passo avanti nella lotta alla mafia ma anche due indietro. Un passo avanti perché dopo tanti anni di attesa, c’è finalmente una legge che riempie un vuoto normativo sul reato di voto di scambio politico-mafioso e due indietro perché purtroppo il governo delle larghe intese ha permesso di ‘alleggerire’ il testo su pressione del centrodestra, decidendo la cancellazione del principio di punibilità per il politico che con la sola promessa si mette a disposizione in cambio di voti, e depotenziando la norma per quel che riguarda le pene dai 4 ai 10 anni e non più dai 7 ai 12, come prevede il codice penale». «Così facendo – concludono – , temiamo che non si riuscirà a scongiurare affatto il pericolo di corruzione o corruttibilità per un politico in cerca di voti».

  71. Massimo Morelli ha scritto:

    Anche loro grillini?

  72. Lucio Contini ha scritto:

    “Rispetto a quanto da anni molti magistrati, io compreso, auspicavamo la riforma che è stata approvata rappresenta un’occasione perduta. Si sarebbe potuto e dovuto fare di meglio. Era molto più incisiva la prima versione uscita dal Senato che prevedeva una punibilità dell’accordo consapevole anche quando la parte politica si fosse limitata alla semplice promessa di una disponibilità futura. La diminuzione delle pene rispetto all’ipotesi originaria è un dato molto negativo, così com’è negativo che si verifichi una situazione per la quale lo scambio politico-elettorale e mafioso venga aprioristicamente considerato meno grave rispetto a qualsiasi altra condotta di appartenenza a Cosa Nostra. Oggi l’ottantenne affiliato a un’organizzazione mafiosa ma magari non più operativo e completamente ai margini dell’attività criminale può essere condannato alla pena giustamente rigorosa al 416 bis. Un politico che consapevolmente stringe accordi con il mafioso in vista della sua elezione viene condannato con pena molto più lieve. Questo è frutto di un gravissimo pregiudizio culturale che avverte la pericolosità della mafia soltanto nell’ala militare, nel picciotto, nell’affiliato puro e ritiene invece meno grave i fenomeni di collusione tra mafia e politica che dovrebbero invece essere aggrediti.” (Nino di Matteo)

  73. Nicola Berardi ha scritto:

    La prima versione uscita dal Senato presentava problemi proprio per la “consapevolezza dell’accordo”, difficilmente provabile in sede processuale con conseguente difficile applicazione della legge: l’alternativa era un’applicazione generalizzata, con buona pace della tassatività delle fattispecie penali.
    Detto questo, lui è uno, ha dato la sua opinione in maniera corretta, pacata e professionale; ed è da rispettare.
    Perchè non rispettare anche Libera, la Procura Nazionale Antimafia e la Commissione Nazionale Antimafia? Ascoltiamo solo chi la pensa come te, Lucio?

  74. Eric Penna Nera ha scritto:

    no Guido, sono milioni gli italiani che attendono, fidati

  75. Eric Penna Nera ha scritto:

    no Danio, sono milioni gli italiani che le attendono, fidati

  76. Fabio Masci ha scritto:

    Vacca

  77. Massimo Morelli ha scritto:

    Ciliegina Sulla torta
    Negli scorsi giorni c’è stata la riforma del 416 ter sul voto di scambio. Che opinione ha di questa riforma?
    Rispetto a quanto da anni molti magistrati, io compreso, auspicavamo la riforma che è stata approvata rappresenta un’occasione perduta. Si sarebbe potuto e dovuto fare di meglio. Era molto più incisiva la prima versione uscita dal Senato che prevedeva una punibilità dell’accordo consapevole anche quando la parte politica si fosse limitata alla semplice promessa di una disponibilità futura. La diminuzione delle pene rispetto all’ipotesi originaria è un dato molto negativo, così com’è negativo che si verifichi una situazione per la quale lo scambio politico-elettorale e mafioso venga aprioristicamente considerato meno grave rispetto a qualsiasi altra condotta di appartenenza a Cosa Nostra. Oggi l’ottantenne affiliato a un’organizzazione mafiosa ma magari non più operativo e completamente ai margini dell’attività criminale può essere condannato alla pena giustamente rigorosa al 416 bis. Un politico che consapevolmente stringe accordi con il mafioso in vista della sua elezione viene condannato con pena molto più lieve. Questo è frutto di un gravissimo pregiudizio culturale che avverte la pericolosità della mafia soltanto nell’ala militare, nel picciotto, nell’affiliato puro e ritiene invece meno grave i fenomeni di collusione tra mafia e politica che dovrebbero invece essere aggrediti. (Giudice Di Matteo)

  78. Massimo Morelli ha scritto:

    Negli scorsi giorni c’è stata la riforma del 416 ter sul voto di scambio. Che opinione ha di questa riforma?
    Rispetto a quanto da anni molti magistrati, io compreso, auspicavamo la riforma che è stata approvata rappresenta un’occasione perduta. Si sarebbe potuto e dovuto fare di meglio. Era molto più incisiva la prima versione uscita dal Senato che prevedeva una punibilità dell’accordo consapevole anche quando la parte politica si fosse limitata alla semplice promessa di una disponibilità futura. La diminuzione delle pene rispetto all’ipotesi originaria è un dato molto negativo, così com’è negativo che si verifichi una situazione per la quale lo scambio politico-elettorale e mafioso venga aprioristicamente considerato meno grave rispetto a qualsiasi altra condotta di appartenenza a Cosa Nostra. Oggi l’ottantenne affiliato a un’organizzazione mafiosa ma magari non più operativo e completamente ai margini dell’attività criminale può essere condannato alla pena giustamente rigorosa al 416 bis. Un politico che consapevolmente stringe accordi con il mafioso in vista della sua elezione viene condannato con pena molto più lieve. Questo è frutto di un gravissimo pregiudizio culturale che avverte la pericolosità della mafia soltanto nell’ala militare, nel picciotto, nell’affiliato puro e ritiene invece meno grave i fenomeni di collusione tra mafia e politica che dovrebbero invece essere aggrediti. (Giudice di Matteo)
    La lista sarebbe lunga
    Legge perfetta una bellissima cippa…

Lascia un commento