•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 24 novembre, 2014

articolo scritto da:

Il maestro Muti contro tutti: “Italia ostaggio di scioperi e incapacità”

“L’Italia musicale vista dall’estero, eccellenze a parte, è quella di un Paese sempre pronto allo sciopero, alle chiusure, dove l’incapacità di risolvere i problemi è cronica. Credo che i teatri debbano produrre di più, sempre mantenendo un livello qualitativo alto, e in cambio dell’eccellenza garantita i musicisti debbano avere una sicurezza retributiva migliore dell’attuale”. Lo dice – in un’intervista a Il Giornale – il maestro Riccardo Muti, che sottolinea: “negli anni ho visto orchestre chiudere, come quelle della Rai di Milano, di Roma e la Scarlatti di Napoli. Quello che non poteva accadere, è successo. Perchè si è sempre proceduto per salvataggi in extremis, con azioni claudicanti, per rattoppare un sacco, invece di sostenere in modo ragionato e durevole, certo, il rapporto fra artisti e organizzazioni musicali”.

Riccardo-Muti

Da parte sua, il maestro ribadisce che “non prenderò più titoli stabili in Italia, ma continuo a lavorare nel Paese che amo. Voglio lottare per la cultura e per la musica, perchè rimanga alta la sua dignità e quella di tutti quanti ad essa si dedicano”. Sull’ipotesi di un suo ritorno alla Scala, il maestro Muti si limita a rispondere che “alla Scala auguro di cuore ogni bene: il bene della Scala è il bene di tutti i teatri italiani. E di riappropriarsi del suo repertorio. Certi autori come Cherubini, Spontini, Bellini, Mercadante, non mi pare che siano stati frequentatissimi, pur non ignorando gli altri repertori: tedesco, russo, francese”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: