•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 22 aprile, 2014

articolo scritto da:

Guerra Sud Sudan: all’opera l’odiosa arma etnica

La guerra in Sud Sudan sembra ormai scivolata su una china dalla quale sarà difficile recuperarla. I due recenti massacri di Bor, in un campo profughi, e quello di Bentiu, nelle moschee e nelle chiese, parlano chiaro: si è raggiunta una violenza, una ferocia e una efferatezza che fanno temere che la vita tra le due principali etnie, i dinka e i nuer, non sia più possibile, forse anche nel futuro, a guerra finita.

Quello di Bor, capitale dello stato di Jongley, sembrava essere l’avvenimento più grave della guerra. Un commando (probabilmente di etnia dinka) è penetrato in un campo profughi ingaggiando battaglia con i caschi blu indiani che lo sorvegliavano e, una volta all’interno, hanno sparato sulla folla che si accalcava per una distribuzione di cibo. Poco meno di un centinaio i morti.

sud sudan kiir

Pochi giorni dopo un avvenimento ancora più grave, sia per il numero dei morti, sia per la dinamica. A compierlo, nella città di Bentiù, l’etnia opposta, i nuer, quasi fosse una vendetta: uomini armati hanno attaccato chiese e moschee, hanno diviso la gente su base etnica e poi hanno ucciso, a sangue freddo, senza pietà. Altri morti anche in ospedali e in un compound dell’Onu dove gli armati hanno cercato con meticolosa ferocia i membri dell’etnia opposta. Centinaia alla fine i morti.

Due avvenimenti che raccontano in modo drammatico questa guerra tremenda che non ha più nemmeno un negoziato di pace dopo che quello di Addis Abeba è miseramente fallito. Una guerra che, sembra, non indigni nemmeno la comunità internazionale che, evidentemente, non ha una mediazione da sottoporre (o da imporre) ai due rivali: il presidente Salva Kiir, un dinka, e il suo ex vice Riek Machar, un nuer.

Una cosa che la comunità internazionale dovrebbe fare immediatamente è accusare questi due personaggi di crimini di guerra e contro l’umanità. Non servirà a fermarli, forse, ma certamente servirà a fare immaginare loro che, se anche vinceranno questa guerra, non potranno godersi i vantaggi in tutti i paesi del mondo e che la comunità internazionale li considera quello che sono: degli assassini irresponsabili.

sud sudan machar

Entrambi hanno la colpa di avere lanciato senza scrupoli un arma tremenda, letale: quella etnica. Un arma forse addirittura peggiore di quelle chimiche o nucleari perché una volta attivata è quasi impossibile disinnescare. Un arma che continuerà ad uccidere anche a guerra finita.

Questi due avvenimenti di Bor e Bentiu rischiano di essere solo l’inizio di una guerra che si combatterà con machete, coltelli, bastoni e kalashnikov arrugginiti, quelli che Dinka e Nuer hanno tenuto nascoste nelle loro capanne in attesa che qualcuno dicesse loro di usarli. Si, perché i massacri di Bor e Bentiu non sono stati compiuti da soldati regolari ma da civili armati.

Salva Kiir e Riek Machar faranno in fretta a dissociarsi da quei massacri, sarà gioco facile per loro affermare che non sono in grado di controllare e gestire la truppa. Di fatto sono i più responsabili di quanto è accaduto.

Raffaele Masto

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento