•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Factory dem, Renzi: “L’Italia ha un problema di autostima”

Factory

“Chiedere al PD di svolgere bene il suo ruolo di asse portante della democrazia italiana e ricordargli di essere una grande comunità”: è questo l’obiettivo dei Giovani Democratici, espresso nel manifesto della ‘Factory’, la Leopolda dei Giovani Democratici a Roma. Un manifesto che suona come un rimprovero nei confronti dei ‘vecchi’ del partito, troppo spesso legati alle logiche di corrente che hanno danneggiato il l’organizzazione: “La Factory ha quest’obbiettivo: mettere in circolo le idee, farle confrontare, sperimentare nuove forme di discussione anche all’interno del Partito Democratico, e non solamente nelle organizzazioni di corrente”.

La due giorni romana ha visto la partecipazione di centinaia di giovani provenienti da tutta Italia, ma anche iscritti e simpatizzanti del Partito Democratico, che si sono confrontati su diversi temi: sono stati oltre 30 i tavoli di discussione organizzati nello stile della kermesse fiorentina. Mafie, corruzione, governance europea, ma anche forma di partito e politiche di genere: nei vari tavoli iscritti e simpatizzanti, con l’aiuto di esperti e moderatori, hanno discusso e approfondito i temi più svariati.

I saluti di Ignazio Marino

La convention si è aperta con i saluti di Ignazio Marino, accolto dagli applausi dei partecipanti. Riguardo le ultime vicende su “mafia capitale” che hanno colpito anche esponenti della maggioranza, il Sindaco di Roma ha dichiarato: “Roma non è una città mafiosa, è una città sana e non è necessario lo scioglimento per mafia”. Poi ha aggiunto: “Nelle intercettazioni sentiamo i boss dire con la prossima amministrazione non si faranno affari. Io non mi dimetto, io ho intenzione di andare avanti e governare per bene questa città”.

Mentre la prima giornata è stata incentrata sul confronto e lo scambio di idee, la seconda ha visto l’intervento dei “big” del Partito Democratico. Si sono alternati sul palco Gero Grassi, Luigi Zanda, Gianni Cuperlo e molti altri esponenti del partito. In tutti gli interventi non sono mancati i riferimenti alla situazione che sta vivendo la città, destinata ad avere ulteriori sviluppi e probabilmente sorprese. Gianni Cuperlo ha citato una famosa scena del film di Francesco Rosi del 1936, “Le mani sulla città” che si chiudeva con la frase: “In politica l’indignazione morale non serve a niente”. Cuperlo ha dichiarato: “Ciò che impressiona è che in tutti questi anni la politica non si è mai liberata del ricatto della classe dirigente”.  Anche Matteo Orfini, presidente del PD e neo commissario del partito romano, approfitta dello spazio per fare autocritica: “C’è chi ha consentito di guadagnare sulla disperazione delle persone” e ha aggiunto: “La sfida del Partito Democratico è vincere la crisi, non il prossimo congresso. Ci preoccupiamo più del prossimo congresso che di quello che avviene fuori”, “noi siamo al governo, dobbiamo trasformare il paese e la direzione di marcia è quella del cambiamento”.

renzi Factory

L’intervento di Renzi

Nel primo pomeriggio è arrivato l’intervento del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Il premier ha esordito così: “Molti di voi l’otto dicembre dello scorso anno non erano con me. Questo è il primo dei quattro anni pieni che faremo insieme”. Renzi, rivolgendosi ai giovani del partito, afferma che il punto da cui partire è “convincere voi, non gli italiani. Se fate quello che dovete fare l’Italia cambia davvero. L’Italia ha tutto per competere a livello globale, ma ha un problema di autostima”. In questo contesto l’impegno delle nuove classi dirigenti diventa fondamentale: “Se volete essere gruppo dirigente noi ne siamo orgogliosi ma voglio che voi ci mettiate alla prova: perché siete un pezzo della scommessa dell’Italia”, una scommessa che parte dal PD: “La mia segreteria durerà quanto la legislatura. Dobbiamo cambiare il Paese, non c’è spazio per le invenzioni”.

Renzi: “L’Europa torni ad essere una comunità”

Le sfide che si pongono sono molte, prima di tutto in Europa, dove “noi stiamo facendo una battaglia che non è sullo ‘zero virgola’ ma è di impostazione ideologica e filosofica. Rispettiamo gli accordi, ma l’Europa prima di essere contratto è una comunità”. Sul Mediterraneo, il premier annuncia: “ho dato disponibilità a che la questione della Libia sia affrontata con il massimo coinvolgimento dell’Italia, a partire da quello diplomatico”. Infine sull’Expo: “una gigantesca opportunità per l’Italia perché mette al centro il tema del cibo, dello stile vita, del modo in cui facciamo uso delle risorse”.

Renzi: “Grazie a noi Grillo è tornato a fare show”

Sulle questioni interne, Renzi non risparmia battute su Grillo: “Grazie a noi Grillo è tornato a fare spettacoli”; il segretario poi si rivolge a Matteo Salvini sul tema dei campi rom: “Dire che la legge è uguale per tutti significa dire che i bambini hanno diritto di andare a scuola. In questa finanziaria ci sono duecento milioni per le periferie perché la demagogia di chi da vent’anni ti rappresenta a Milano o in Europa non serve a risolvere i problemi” e ancora “non possiamo avere paura di Salvini, mi riferisco alle idee politiche non alle copertine, io ho fatto Fonzie, lui può fare l’orso Yoghi”. Infine sul Jobs Act l’invito è “non darne una rappresentazione macchiettistica: ci sono posizioni che da sempre il partito ha espresso come fondamentali”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: