•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Unione Europea: Italia e Francia ancora indietro sul debito pubblico

Italia e Francia bocciate. Ancora. Specialmente l’Italia risulta sempre più a rischio disapprovazione definitiva. L’Unione Europea è il professore e la materia in cui entrambi i ‘cugini’ sono stati rimandati è il debito pubblico. Troppo elevato, a detta di Bruxelles. Servono le riforme poi, unico modo per ridurre il deficit.

“Preoccupa il debito dell’Italia, deve fare di più e le nuove misure servono entro marzo – sebbene – comprendiamo il momento difficile”. Servono iniziative ulteriori: “i Paesi a rischio di non rispetto del Patto devono prendere misure addizionali tempestivamente”. Sono Italia, Fracia, Belgio ed altri ancora. Sono parole uscite direttamente dall’Eurogruppo. Lo sforzo del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, è stato vano. E’ la linea Merkel ad essere seguita, quella dell’intransigenza.

padoan5

“I Paesi a rischio di ‘non rispetto’ del Patto di Stabilità – fanno sapere da Bruxelles – devono prendere misure addizionali tempestivamente per affrontare il ‘gap’ evidenziato della Commissione Europea e rispettare l’appropriata convergenza verso l’obiettivo di medio termine e il rispetto della regola del debito”. Si passa quindi all’Italia: “mentre riconosciamo che circostanze economiche eccezionali e inflazione molto bassa hanno complicato il target di riduzione del debito e il rispetto della regola, l’alto debito resta motivo di preoccupazione” e si necessitano “misure efficaci per migliorare lo sforzo strutturale”. “E’ una questione di credibilità”, sostiene il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. Che continua: “abbiamo detto che a marzo servono misure nuove, speriamo che le discussioni siano costruttive, che le misure siano prese e le regole rispettate”.

E se da Berlino arriva attraverso il Ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble uno stemperamento delle posizioni che avevano portato il sottosegretario alla Farnesina, Sandro Gozi, a chiedere rispetto per il ‘Belpaese’, dall’altro lato il titolare di Viale XX Settembre sostiene come dall’Unione Europea non sia arrivata “nessuna richiesta di misure aggiuntive: legge di stabilità 2015 attuata in modo efficace rilancerà economia italiana”. Anzi, “anche l’Eurogruppo apprezza agenda riforme dell’Italia. Effetti sulla nostra economia dipendono da implementazione efficace e tempestiva”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento