•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Juncker avverte l’Italia: “Riforme o ci saranno conseguenze spiacevoli”

juncker, commissione europea

Il Presidente della Commissione dell’Unione Europea, Jean Claude Juncker, intervistato dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha mostrato oggi il pugno di ferro contro l’Italia e la Francia annunciando che senza progressi e riforme da parte dei due Paesi si arriverà ad un inasprimento della procedura sul deficit. Ma, come da copione, ha poi preso le difese dei due Paesi mediterranei, mostrando comunque apprezzamento per il percorso da essi intrapreso : “Dovremmo dare fiducia agli italiani e ai francesi. E poi vedremo, proprio a marzo, come sarà andata. I governi ci hanno garantito che faranno quanto annunciato. Per me si tratta ora di sostituire un diktat immediato con una fiducia a lungo termine. Si tratta di una sana comprensione tra persone”.

Juncker

Nel frattempo il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato la direttrice del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde.  A margine della visita Renzi oggi avrebbe detto: “Se perfino il Fmi, che non è esattamente una sezione del Partito Comunista a Washington, chiede all’Europa di investire sulla crescita, qualche domanda i partner Ue dovranno pure cominciare a farsela”, segno, queste parole, che anche il premier italiano insiste su una crescita immediata del Paese.

Ad intervenire sull’importanza delle riforme non sono stati solo Jean Claude Juncker e Matteo Renzi ma anche Jyrki Katainen, il vicepresidente della Commissione Ue con le deleghe a Crescita e Competitività. “Da solo il piano di investimenti di Juncker non basta; servono le riforme oppure tutto sarà inutile” ha spiegato in un’intervista a La Stampa. “Se restano ostacoli burocratici agli investimenti privati, se l’amministrazione è lenta, se ci sono incognite non finanziarie, il nuovo fondo Efsi potrà far poco. La risposta non è nel creare nuovo debito ma nel focalizzarci sulle riforme che servono a stimolare la ripresa”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

9 comments
Claudio Cesare Picasso
Claudio Cesare Picasso

ma VAF- FAN- CU- LOOOOO! questo essere ignobile, abituato a lavorare coi paradisi fiscali ci viene a fare il predicozzo!!! questa gentaglia mi sta proprio sui coglioni!!!

Angela Roberto
Angela Roberto

Ma che aspetta Renzi a fare le riforme?Non si accorge che la situazione e'grave?

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Parla l'uomo del paradiso fiscale del LUSSEMBURGO! MULTINAZIONALI ALLE QUALI E' CONSENTITO PAGARE TASSE SU MOLTO MENO DEL 5% DEI RICAVI! E' il Presidente dell'UE, poveri noi,l'uomo giusto nel posto giusto....!

Marcella Camarca
Marcella Camarca

Juncker sarebbe quello stesso che è stato invitato a dimettersi?