•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 11 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Sondaggi elettorali Datamedia: PD si conferma in discesa

Sondaggi elettorali Datamedia: il PD perde un altro mezo punto, la Lega supera Forza Italia

Il sondaggio elettorale Datamedia del 10 dicembre 2014 conferma la tendenza disegnata da altri istituti. Il PD conferma la propria discesa, ancora di mezzo punto al 37%, mentre in ascesa, di ben l’1,5% è la Lega Nord, ai danni di Forza Italia che perde solo lo 0,2% ma viene superato, 13,5% al 13,3%.

Il Movimento 5 Stelle ferma il proprio calo, salendo anzi dello 0,8% al 18%, questo nonostante le polemiche interne al movimento di Grillo, che probabilmente hanno meno peso degli scandali romani nell’influire sul voto. Questi ultimi probabilmente invece fomentano un voto più di protesta.

In buona salute SEL a 3,8%, che vede premiata la sua posizione a sinistra del PD in un momento in cui c’è molta maretta e delusione in quell’area per il governo del PD e soprattutto il Jobs Act.

NCD e UDC insieme sarebbero al 4,3%, un valore analogo alle europee e stabile negli ultimi 6 mesi. Non sono previsti particolari scossoni per quest’area.

In brusco calo del 1% Fratelli d’Italia, al 2%, probabilmente oltre allo scandalo che ha colpito Alemanno conta la concorrenza a destra della Lega Nord di Salvini.

Cala ma rimane alta la percentuale degli Altri Partiti, ben l’8,1%

Stabile invece, e su livelli decisamente alti, la fiducia in Renzi, al 47%

IL TEMPO_INFOGRAFICA_09_12_2014 sondaggi elettorali datamedia

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da: