•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 15 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Ulivo, l’orgoglio dei prodiani Zampa e Parisi “Un sogno ininterrotto nonostante divisioni”

ulivo prodi

Matteo Renzi lo ha chiamato in causa durante l’assemblea del PD di ieri: “”Noto un certo richiamo all’Ulivo molto suggestivo e nostalgico. Ricordo cosa diceva l’Ulivo sul bicameralismo e sulla legge elettorale, quello che non ricordo è come si possa aver perso 20 anni di tempo senza aver realizzato le promesse delle campagne elettorali. Noi allora stiamo realizzando quelle promesse”. Più che una rottamazione, un messaggio preciso rivolto a chi vorrebbe un ritorno alle origini, mettendo i bastoni tra le ruote al nuovo corso.

Ma c’è chi ha vissuto le vicende uliviste dall’interno, seguendo e sostenendo da vicino il creatore di quel progetto, l’ex premier Romano Prodi. E così Sandra Zampa ed Arturo Parisi, due tra i più stretti collaboratori del Professore, approfittano dell’occasione per ricordare l’importanza del progetto ulivista.

Parisi: Ulivo era un sogno

“Nella mia agenda politica e in quella di una parte importante della mia generazione, Ulivo è il segno di un progetto e di un sogno“, sottolinea Arturo Parisi – intervistato da La Stampa – uno dei fondatori del progetto che portò Prodi a trionfare contro il centrodestra alle elezioni del ’96. Ma respinge le accuse di fallimento: “Il tempo lo ha perso l’Italia. Anni preziosi che non tornano più. Dire che sono stati gli anni dell’Ulivo è un’altra cosa”.

Parisi condivide con Renzi sulle analisi della sconfitta: “un sogno sconfitto a causa degli errori e delle divisioni del centrosinistra”. Tuttavia, rivendica il significato profondo del progetto: “Ulivo è allo stesso tempo il nome di una battaglia ininterrotta, portata avanti con fatica dentro le divisioni del centrosinistra”.

Sul new style del centrosinistra, Parisi ha qualche dubbio: “Anno zero? Basterebbe da sola la presenza di Berlusconi come controparte di un nuovo patto costituente per dimostrare che purtroppo siamo ancora dentro la stessa vicenda”. E sull’attuale premier aggiunge: “La battaglia che Renzi si trova a combattere è in gran parte la nostra. Spero possa avvantaggiarsi delle nostre vittorie e riscattare le nostre sconfitte”.

ulivo

Zampa: Renzi premier grazie a Prodi

Sui meriti dell’Ulivo nell’attuale leadership di Renzi si esprime anche Sandra Zampa, portavoce dell’ex presidente della Commissione Europea, intervistata da Repubblica: “Il disegno ulivista ha trasformato la cultura politica di questo Paese, ha portato bipolarismo, contendibilità e competizione. Se Matteo Renzi è dove è lo deve a questo”. E al premier che dice di voler portare avanti le idee uliviste, risponde: “Lo prendo in parola, lo dimostri. Io credo che ci metta buona volontà, ma che ci voglia più fatica nel confronto. E penso che debba rendersi conto che ci sono renziani più renziani di lui che gli fanno molto male”.

La Zampa, come Parisi, condivide il giudizio di Renzi sulle cause dei problemi occorsi al progetto ulivista. L’autrice di I tre giorni che sconvolsero il PD – il libro che parla dei 101 che affossarono l’ascesa di Prodi al Quirinale – non usa mezzi termini: “Quando dice che a uccidere quel progetto sono state le nostre divisioni, ha ragione”. E aggiunge, con una stoccata: “Me li ricordo, quelli che sghignazzavano in faccia ad Arturo Parisi perchè credevano che il Pd non sarebbe mai nato”. A chi si riferisce? “A chi ha fatto fallire due governi regolarmente eletti. Penso a D’Alema, o a Bertinotti“.

Nonostante tutto, per Sandra Zampa l’Ulivo è stato un’esperienza che “ha prodotto più democrazia e più cultura di governo, ha fatto crescere il centrosinistra. E deve servire da monito a chi pensa che ci si possa di nuovo abbandonare ai distinguo e che dalle divisioni possa nascere qualcosa di meglio”. Un riferimento alla minoranza dissidente: “Non credo che sia bene dividere. Se questo governo va a casa consegniamo per la centesima volta una sinistra incapace di stare insieme e governare a un orizzonte che più drammatico di così non si può”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

22 comments
Enrico Ratti
Enrico Ratti

Fallimento come l'Europa voluta da costui!

Mario Taiti
Mario Taiti

Ma con Diliberto, Rizzo e Bertinotti ma dove vuoi andate!

Fusaro Nello
Fusaro Nello

Questa sarebbe la sinistra? Ma questa è la solita D.C. Nulla di nuovo sul fronte occidentale...

Paolo Serra
Paolo Serra

E' morto e sepolto. Era un progetto antiberlusconista e il renzismo è il trionfo assoluto del berlusconismo. Renzi ha portato al successo pieno il disegno di D'Alema. Il contrasto tra i due è il litigio dei due assassini sul cadavere della loro vittima.

Antonio Campanella
Antonio Campanella

Infatti...io propongo il netturbino. .di sotto casa mia...oppure un dipendente pubblico che ha scioperato il 12 c.m. per farsi un bel fine settimana insieme alla Camusso & C.

Gianni Gia
Gianni Gia

se prodi va al quirinale,sara' la prova che questi fanno gli inciuci a 360 gradi

Franca Gentili
Franca Gentili

Sara' il prossimo Presidente della Repubblica ? Oramai la sovranita' del popolo italiano e' andata a farsi benedire .. Decide tutto Renzi che e' suo amico !!!!!!

Alex Janković
Alex Janković

tra l ulivo e la cdl è come fire merda e sterco

Mirko Cecchini
Mirko Cecchini

Meglio il Pd dell'Ulivo, almeno gli estremisti sono andati per la loro strada (poi anche fuori dal parlamento, ma questa è stata una decisione degli italiani che da soli non li hanno votati).

Alberto Sorvillo
Alberto Sorvillo

Di nuovo? Ma basta, riposatevi andate a riposarvi e lasciateci in pace. Vorremmo soltanto dimenticare questo incubo. Via nadate via, Deve cambiare tutto: cambiare, non far finta di cambiare.

Giovanni Perilli
Giovanni Perilli

Un sogno fallito: dove passa D'Alema non cresce più erba.

Mario Spinelli
Mario Spinelli

Hanno fatto proprio un bel lavoro.... complimenti :(

Russo Luca
Russo Luca

Se prodi al posto di napolitano mi taglio le vene...cavolo...