•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 19 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Rassegna stampa: Napolitano annuncia “Miei dimissioni imminenti”

giornale

L’annuncio del presidente Napolitano di sue “dimissioni imminenti” è la notizia del giorno. Fatto Quotidiano e Giornale bocciano i nove anni sul Colle del capo dello Stato: “Lascia l’Italia nei casini”. Il Manifesto titola “Sua imminenza”. La Stampa ipotizza la data delle dimissioni: “Lascerà il 14 gennaio. Non sarà facile sostituirlo”. E Libero già individua un possibile successore: “Prodi usa Putin per salire sul Colle. Blitz del Prof a Minsk e a Mosca: dagli amici di Berlusconi cerca l’appoggio per rimuovere uno dei principali ostacoli verso l’ambita presidenza. Ma lui al Quirinale sarebbe una sciagura: ecco perché”.

giornali


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Giannettore Bonetti
Giannettore Bonetti

I titoli del Giornale e del fatto Quotidiano sono uguali? Toh, che strano caso!

Mauro Benacchio
Mauro Benacchio

Non mi meraviglia che due organi di stampa dell'area di destra giudichino negativamente il Presidente della Repubblica.

Silvano Bersani
Silvano Bersani

Napolitano lascia dietro di sé molti dubbi e perplessità. Ha cercato di assumere l'aspetto del notaio neutrale alle vicende politiche, ma dal 2011 è entrato pesantemente sul piano del dibattito politico portandosi dietro tutta la sua formazione culturale veterocomunista. Quello che è successo dal 2011 in avanti sono solo ed unicamente le scelte di un Presidente che surroga il ruolo dei partiti e dell'elettorato attraverso una interpretazione sua personale del ruolo che la Costituzione gli attribuisce. Da questo credo che bisogna comprendere che l'attuale architettura istituzionale è assolutamente inadeguata rispetto alle esigenze ed ai problemi del periodo storico che viviamo. Per forza poi la gente non va più a votare. Il voto finisce per contare sempre meno e la figura del Presidente acquista un ruolo attivo, senza averne il mandato. La lezione che ci lascia Napolitano è che la nostra è una repubblica a vocazione sempre più presidenziale, e quindi il Presidente deve essere eletto dal popolo. Quattro anni, rinnovabili per altri quattro se fa bene. Poi spoiling sistem. Se non si capisce questo il Paese rimarrà sempre più arretrato e disgregato.

Francesco Coraggio
Francesco Coraggio

Ma come si fa? Giudicano benevolmente l'inutilità dell'azione politica del M5S, ancora più benevolmente le scivolate di Grillo, e le sue esagerazioni, poi bocciano l'operato di Napolitano. Chiamarli FAZIOSI è limitativo.