•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 19 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Licenziamento per scarso rendimento come “giustificato motivo oggettivo”. Damiano (Pd):”Aberrante”

pensioni notizie oggi, foto di Cesare Damiano riforma delle pensioni

Mentre il ministro del Lavoro Giuliano Poletti incontra a Palazzo Chigi sindacati e imprese per discutere della legge delega di attuazione in materia di Jobs Act, che approderà in Consiglio dei Ministri il prossimo 24 dicembre, tiene banco la proposta di introdurre il licenziamento per scarso rendimento come “giustificato motivo oggettivo”.

Scarso rendimento come “giustificato motivo oggettivo”

Lo scarso rendimento, dunque, dovrebbe rientrare nelle categorie di licenziamento di natura economica, per le quali sono previsti indennizzi, ma non la possibilità di reintegro, che, nella delega, sarà ristretta solamente ai casi di licenziamento disciplinare, in cui il giudice rilevi la non sussistenza dei fatti materiali.

In sostanza, come ricorda un articolo comparso stamane sul portale di informazione e consulenza giuridica La legge per tutti, saranno a rischio licenziamento senza la possibilità di essere reintegrati quei lavoratori “svogliati”, ossia che non hanno voglia di raggiungere gli standard minimi dell’azienda in termini produttivi. “Un vero e proprio tabù sino ad oggi, in Italia, parlare di “rendimento” dei dipendenti”, ribadisce un passo dell’articolo, che, molto probabilmente, potrebbe trovare una sua disciplina stabilita dalla legge.

Già, perché in nessuna norma si parla, oggi, di licenziamento per scarso rendimento, anche se, di fatto, nel mondo giuridico si è già cominciata a tratteggiare questa fattispecie. Come ha sottolineato il senatore giuslavorista di Scelta Civica Pietro Ichino, “oggi la giurisprudenza è pacifica sul punto che lo scarso rendimento può costituire anche giustificato motivo oggettivo di licenziamento”.

 cesare damiano licenziare per scarso rendimento aberrante

Damiano (Pd): “licenziamento per scarso rendimento aberrante”

Non tutti, però, sono particolarmente entusiasti della proposta del governo sull’introduzione di questa fattispecie. Tra questi, c’è anche il presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati Cesare Damiano, che è stato particolarmente critico a riguardo.

Il ministro del Lavoro del secondo governo Prodi, infatti, ha bollato il licenziamento per scarso rendimento come “aberrante”, in quanto si contraddistingue come “una modalità arbitraria e unilaterale che consegnerebbe nelle mani del solo datore di lavoro il destino dei suoi dipendenti”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

162 Commenti

  1. sonostufo ha scritto:

    Certo, già che ci siamo introducete anche il licenziamento se il datore di lavoro si sveglia con le palle girate !!!

  2. Patrick Posa ha scritto:

    Più giustificato di così

  3. Lamberto Giusti ha scritto:

    Damiano che parla di lavoro… E’ un ex sindacalista, che ne sa?

  4. David Bianchi ha scritto:

    Dipende da chi lo decide e come. Se uno non lavora e’ ragionevole. Se invece vengono dati obiettivi irraggiungibili e’ mobbing. Tenete conto che questo e’ già presente nell’art.18 o meglio nella legge precedente, ma l’onere della prova deve spettare all’Azienda.

  5. Lub Bardi ha scritto:

    ex fiom…vero pagliaccio

  6. Vittorio Ascalone ha scritto:

    A lui di certo non è mai capitato e non capiterà mai: non ha mai lavorato !

  7. Auro Gall ha scritto:

    Uomini retrogradi nel senso più ampio del termine!

  8. Luca Simoni ha scritto:

    Ha ragione.

  9. Johnny Cash ha scritto:

    Pietro Ichino, “oggi la giurisprudenza è pacifica sul punto che lo scarso rendimento può costituire anche giustificato motivo
    oggettivo di licenziamento”. Oggi la giurisprudenza è più che mai contro i lavoratori.

  10. Michelangelo Romano ha scritto:

    Brutte merde vi stupite di tutto e votate tutte queste porcate pur di mantenere il vostro seggio sotto il culo

  11. Roberto Cipollone ha scritto:

    porci pdellini,,,,,,,,,,,,,,,,,

  12. Riccardo Bottegal ha scritto:

    non sia mai che si impedisca a uno di fare il fannullone…

  13. Piero Avella ha scritto:

    Se il principio viene applicato a tutti è giustissimo.

  14. Luisa Bacocchia ha scritto:

    loro dovrebbero essere tutti licenziati in tronco per scarissimoooooo rendimento

  15. Leonilde Gambetti ha scritto:

    Aberrante una cippa. Provate a lavorare in proprio e poi scoprirete questo misterioso concetto!

  16. Raffaele Zullo ha scritto:

    I primi ad essere licenziati sono proprio i politici tutti, oltre a scarso rendimento per la loro incapacità, ruberie, corruzione e tradimento.
    Tutti a casa od in galera e ridare agli italiani onesti il maltolto.

  17. Giovanni LG Zanoli ha scritto:

    Sel tipo:
    Ti lasciano senza lavoro e sei fottuto. Stiamo tornando alle zolfatare del Verga

  18. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    c’era già, è tra le giustificazioni per il licenziamento “B1”

  19. Donatella Buzzatti ha scritto:

    assolutamente giusto: cacciare i lavativi è il miglior modo di premiare chi compie il suo dovere

  20. Cinquestelle Graziella ha scritto:

    questo invece mi sembra giusto soprattutto per chi lavora nelle pubbliche amministraz.

  21. Miuccia Prada ha scritto:

    Voi siete l’emblema dello scarso rendimento

  22. Concetta Erbez ha scritto:

    Si va bene perché tanti ,scaldano la sedia o sono assenteisti o incompetenti si a questi licenziamenti, ma ci sono persone che meritano di più e invece sono sottopagati non hanno il riconoscimento della loro professionalità anche se hanno tante lettere di encomio ma lo stipendio é quello di una semplice impiegata o impiegato ma con mansioni superiori

  23. Eugenio Bonfiglio ha scritto:

    Si però al momento di votare presente anche lui… la cadrega prima di tutto 🙁

  24. Concetta Erbez ha scritto:

    Provatevi a licenziare i sindacalisti vedete la guerra che faranno o anche chi é iscritto al sindacato nkn vuole perdere il posticino al caldo

  25. Roberto Cocchis ha scritto:

    Ma lo scarso rendimento sarebbe determinato in base a oggettivi criteri di legge o in modo puramente discrezionale dal datore di lavoro? Nel secondo caso, specie per i lavori a bassa specializzazione, si capisce subito che a guadagnarci non sarebbero quelli che si impegnano o ottengono risultati, ma solo i leccapiedi e gli spioni, categorie rappresentatissime in ogni ambito professionale anche perche’ sempre predilette da padroni e manager. In questi casi, pero’, io non sarei per il reintegro, trattandosi comunque di lavoratori mobbizzati. Sarebbe meglio un super-indennizzo, tipo 10 volte quello che spetterebbe per legge. Se rischi di dover liquidare uno che ha lavorato 3 anni come se ne avesse fatti 30, il giudizio sul suo rendimento diventa molto piu’ obiettivo, ne sono certo.

  26. Lucia Locatelli ha scritto:

    Licenziamento x scarso rendimento con incentivo. Assurdo l’incentivo

  27. Claudio Rossi ha scritto:

    quindi l’azienda se ha un dipendente antipatico si inventa lo scarso rendimento (unilateralmente) e lo licenzia….adesso il 40% dei coglioni italiani che hanno votato questa macchietta pilotata da confindustria saranno contenti credo……prendetevi pure a mazzate sulle palle siete dei tafazzi….

  28. Matteo von Normann ha scritto:

    Se è abberrante come credo allora passate dalle parole ai fatti altrimenti é il solito tempo perso di minoranze che gridano al lupo e fanno solo il solletico al lupo stesso!

  29. Concetta Modaro ha scritto:

    Basta farsi un giro in tanti uffici pubblici e ne trovi quanti ne vuoi

  30. Mori Guido ha scritto:

    Poter licenziare un dipendente che no lavora……..Ma come si fa a essere contro.

  31. Mori Guido ha scritto:

    Sacrosanto.

  32. Leonardo Spataro ha scritto:

    Ringraziate Renzi ed il PD……………………….

  33. Filippo Minacapilli ha scritto:

    Scioglietevi….rovinate ulteriormente il Paese….Non sapete cosa voglia dire Sinistra!

  34. Roberto Valentini ha scritto:

    Aberrante un accidente! Sapete quanti dipendenti vanno al lavoro e se la tirano fino all’ora di uscita??? Questo per caso non è scarso rendimento?? Qui i casi sono due a lui protegge i nulla facenti , oppure non a mai lavorato alle dipendenze.

  35. Roberto Valentini ha scritto:

    Aberrante un accidente! Sapete quanti dipendenti vanno al lavoro e se la tirano fino all’ora di uscita??? Questo per caso non è scarso rendimento?? Qui i casi sono due a lui protegge i nulla facenti , oppure non a mai lavorato alle dipendenze.

  36. Venanzio Bianchini ha scritto:

    …….si è aberrante,come tanti altri piccoli dettagli…..è l’epoca Renzi che ci vuol fare signos Damiano…..ma non è del suo stesso partito? Tutto il minestrone è aberrante!lontano km e km dalla vita dei comuni mortali.

  37. Venanzio Bianchini ha scritto:

    …….si è aberrante,come tanti altri piccoli dettagli…..è l’epoca Renzi che ci vuol fare signos Damiano…..ma non è del suo stesso partito? Tutto il minestrone è aberrante!lontano km e km dalla vita dei comuni mortali.

  38. Elena Mino ha scritto:

    Scarso rendimento? Il parlamento dovrebbe essere vuoto applicando questo principio

  39. Elena Mino ha scritto:

    Scarso rendimento? Il parlamento dovrebbe essere vuoto applicando questo principio

  40. Laura Dalseno ha scritto:

    in ogni ambiente ci sono i lavativi e ci sono i lavoratori seri, il trattamento è uguale

  41. Laura Dalseno ha scritto:

    in ogni ambiente ci sono i lavativi e ci sono i lavoratori seri, il trattamento è uguale

  42. Anna Maria Colecchia ha scritto:

    Dopo ventanni di palude sono loro i primi a doversene andare. E poi aberrante e’ il lavoratore che non fa il proprio dovere e pensa solo allo stipendio. Ce ne sono tanti, troppi dappertutto e andrebbero licenziati IMMEDIATAMENTE!

  43. Anna Maria Colecchia ha scritto:

    Dopo ventanni di palude sono loro i primi a doversene andare. E poi aberrante e’ il lavoratore che non fa il proprio dovere e pensa solo allo stipendio. Ce ne sono tanti, troppi dappertutto e andrebbero licenziati IMMEDIATAMENTE!

  44. Giuseppe Di Marco ha scritto:

    Giusto se non rendi a casa,altro che aberrante,e così cari Damiano che sono cresciuti plotoni di incapaci al lavoro..

  45. Giuseppe Di Marco ha scritto:

    Giusto se non rendi a casa,altro che aberrante,e così cari Damiano che sono cresciuti plotoni di incapaci al lavoro..

  46. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    Penso a chi non può rendere di più eppure ha diritto a lavorare e penso a certi capetti che se non ti prendono in simpatia, possono tranquillamente affermare che non rendi a sufficienza per gli standard aziendali. E’ ovvio che si tratti di un discorso aberrante!

  47. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    Penso a chi non può rendere di più eppure ha diritto a lavorare e penso a certi capetti che se non ti prendono in simpatia, possono tranquillamente affermare che non rendi a sufficienza per gli standard aziendali. E’ ovvio che si tratti di un discorso aberrante!

  48. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    So qualcosa di mobbing. Dove ho lavorato dal 1979 al 2002 sono stato oggetto di mobbing per ben 8 mesi!

  49. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    So qualcosa di mobbing. Dove ho lavorato dal 1979 al 2002 sono stato oggetto di mobbing per ben 8 mesi!

  50. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    Chi lavora in proprio che c’entra con questo concetto?

  51. Fabrizio Furbizio Dalla Villa ha scritto:

    Chi lavora in proprio che c’entra con questo concetto?

  52. David Bianchi ha scritto:

    Per altro e’ già ampiamente previsto dalla legge. A meno che il governo non intenda togliere all’Azienda l’onere della prova.

  53. Carlo Alibrandi ha scritto:

    In tal caso di quelli che lavorano alle poste vicino casa non se ne salverebbe uno.

  54. parigimarco ha scritto:

    MariuzzoAndrea TermometroPol sempre capaci quelli di lercionotizie

  55. Nico Ros ha scritto:

    Queta gentaglia pima vota i povvedimenti dopo li critica vadano tutti a casa…

  56. Stefano Orecchioni ha scritto:

    Siamo alla follia, se persona invalida viene assunta come ordinaria e non puo’ svolgere la sua mansione in pieno, che facciamo la licenziamo???????????????????????????????????

  57. Irene Moretto ha scritto:

    Ma vale anche per i parlamentari ???????

  58. Gianluca Sartori ha scritto:

    Fanculo damiano tu l hai votata e ora fai ik critico sei solo un verme tradidore

  59. Leonilde Gambetti ha scritto:

    Chi lavora in proprio è abituato da sempre a misurare la produttività. Ovviamente chi non lavora in proprio non ne capisce il senso perché per lui sempre uguale è. Sempre lo stesso stipendio prende.

  60. Gioietta Bella ha scritto:

    la microsoft guarda il rendimento e, se il dipendente è valido, ricordate, è proprio l’azienda che ha tutto l’interesse a non licenziarlo. parliamo di aria fritta

  61. Francesco Neiviller ha scritto:

    Lo scarso rendimento è stato valido anche nello statuto dei lavoratori,questi ci prendono per il culo.

  62. Riccardo D'Attilio ha scritto:

    Spero solo tu ti renda conto della differenza di significato semantico che c’è fra “scarso rendimento” e “battere la fiacca”

  63. Lella Chelli ha scritto:

    Dovremmo licenziare tutti loro x scarso rendimento !!!

  64. Riccardo D'Attilio ha scritto:

    Si tratta di decreti d’attuazione! La legge quadro (il Job Act) se non fosse per Damiano sarebbe molto peggio di com’è

  65. Rosa Rossi ha scritto:

    Andate tutti a quel paese, ladri.

  66. Vincenzo Soricaro ha scritto:

    si preoccupano solo di licenziare dal lavoro mai di come si può creare lavoro. poi uno dice che si butta a sinistra!!

  67. Mauro Roccia ha scritto:

    Ma vai a fare in culoooooo!

  68. Mimmo Roselli ha scritto:

    licenziate queste merde di criminali poiltici, anzi, appendeteli a testa in giù..

  69. Bruno Morra ha scritto:

    Ichino a testa i giù ci piace di più

  70. Anna Marzielli ha scritto:

    Non si tratta più di mesi ma di anni di prova ma che pretendono

  71. Anna Marzielli ha scritto:

    Diciamo che si può fare se vale anche x i parlamentari e saremo noi cittadini a dare il giudizio

  72. MariaPia Luchi ha scritto:

    per SCARSO RENMENTO dovrebbero essere licenziati TUTTI i POLITICI attuali!

  73. Maria Teresa Cavallaro ha scritto:

    Purché i primi a essere licenziati sei tu è tt i politici che non rendete proprio niente no anzi rendete a dormire quelle poche volte che vi degnate di lavorare se così si può dire in parlamento ma solo x rubare

  74. Fabrizio Stier ha scritto:

    Se un dipendente non vuole lavorare avrà i suoi sacrosanti motivi. E’ aberrante prendere in esame il licenziamento per questo normalissimo coportamento. Lo stipendio è un diritto, il lavoro è solo un optional.

  75. Fabrizio Stier ha scritto:

    Lo stipendio è un diritto, il lavoro è un impegno orario e il rendimento è una pretesa ridicola!

  76. Fabrizio Stier ha scritto:

    Per tu che lavori a Cazzeggiolandia mi sembra il minimo!

  77. Fabrizio Stier ha scritto:

    Che schifo!

  78. Fabrizio Stier ha scritto:

    Attento! Certe frasi portano dritti in galera… Polizia postaleeeee!

  79. Fabrizio Stier ha scritto:

    ANCHE PRIMA DELLA LEGGE POLETTI ERA POSSIBILE Il licenziamento per scarso rendimento
    rassegna giurisprudenziale:
    Il datore di lavoro è legittimato a licenziare un proprio dipendente per scarso rendimento qualora sulla base della valutazione complessiva dell’attività lavorativa svolta dal lavoratore venga provata una violazione della diligente collaborazione dovuta dal dipendente, così come pure è legittimo il licenziamento per scarso rendimento nel caso in cui il lavoratore manifesti un atteggiamento negligente protratto nel tempo e non modificato a seguito dei richiami dei suoi superiori. Cass. civ., 1 dicembre 2010, n. 24361 ecc
    Il datore di lavoro può dimostrare l’inadempimento del dipendente anche
    mediante la comparazione tra i risultati produttivi dello stesso
    dipendente con il rendimento medio dei suoi colleghi. In tale
    prospettiva, affinché si configuri l’inadempimento per scarso
    rendimento, è necessario che tra i risultati del lavoratore e quelli
    degli altri vi sia una “enorme sproporzione”, cioè uno scarto molto
    significativo, che dimostri in modo oggettivo ed inequivocabile la
    mancanza di diligenza. Dunque per scarso rendimento si deve intendere la
    “evidente violazione della diligente collaborazione dovuta dal dipendente ed a lui imputabile in conseguenza dell’enorme sproporzione fra gli obbiettivi fissati dai programmi di produzione per il lavoratore e quanto effettivamente realizzato nel periodo di riferimento, avuto riguardo al confronto dei risultanti dati globali riferiti ad una media di attività tra i vari dipendenti ed indipendentemente dal conseguimento di una soglia minima di produzione” .
    Cass. 1 dicembre 2010, n. 24361, in Dir. prat. lav., 2011, 22, 1320; Cass. 22 gennaio 2009, n. 1632, in Dir. prat. lav., 2009, 23, 1384; Cass. 22 febbraio 2006, n. 3876, in Mass. Giur. It., 2006.

  80. Giulia Partengo ha scritto:

    capisco che sia necessario definire lo scarso rendimento che, già previsto e spesso usato in quanto licenziamento per “giustificato motivo” (quindi con preavviso) è nozione soggetta a discussioni infinite e a troppa soggettività di giudizio

  81. Massimiliano Monti ha scritto:

    Ohh…finalmente, giustissimo e doveroso: aberrante, caro Onorevole Damiano, è costringere un imprenditore a tenere in servizio un dipendente lavativo e scansafatiche che costa tanto e rende poco!!
    E non vedo l’ora che questa norma venga introdotta nel nostro ordinamento giuridico per poter mandare a casa tanti ma tanti “dipendenti pubblici fannulloni” di cui è piena la Pubblica Amministrazione; allora sì che forse questo Paese potrebbe veramente e seriamente cominciare a riprendersi!

  82. Massimo Oldani ha scritto:

    Giustificatissimo

  83. Francesco Ciurcina ha scritto:

    aberrante una sega!!

  84. Stefano Mastrogirolamo ha scritto:

    Damiani con il tuo ABERRANTE, la classe operaia ci si pulisce il culo! Scusate il francesismo.

  85. Agata Belviso ha scritto:

    Bastardi

  86. Lucio Filipponi ha scritto:

    Damiano dovrebbe provare a lavorare con vicino dei personaggi che invece di lavorare giocano a computer o fanno altro che tutti sanno, e tu devi fare anche il loro lavoro prendendo il loro stesso stipendio, ed ancora più grave hanno la tutela dei sindacati e da furbi iniziano a lavorare alle 4 del pomeriggio facendoci anche gli straordinari e il responsabile che lo vede sino alle ore 18 lo tiene in considerazione di più di chi fa giornata facendo 20 minuti di intervallo solo perché esce alle 5 e corre a prendere i figli al dopo scuola. Ma di cosa stiamo parlando, èvergognoso e nessuno ci mette mano. Certo finché esistono i Damiano c’è poco da fare questo è propio un povero paese!!!

  87. Strazzulla Giuseppe ha scritto:

    sono solo dei ladri mascalzoni

  88. Lella Chelli ha scritto:

    Se ti può interessare ho lavorato 42 anni sempre facendo il mio dovere fino in fondo

  89. David Bianchi ha scritto:

    Esatto. Non siamo in Danimarca, siamo in Italia, patria di gaglioffi di ogni risma. Quindi l’onere della prova deve essere nettamente a carico dell’imprenditore.

  90. Umberto Hvalic ha scritto:

    stronzi! state facendo quello che ne’ la dc ne’ berlusconi sono riusciti a fare, siete piu’ destri dei fascisti, e con quali criteri si deterninera’ lo scarso rendimento?

  91. Alessandra Foschi ha scritto:

    Bene, allora iniziamo dai nostri politici che non rendono un accidente. E comunque, invece di punire chi fa poco, perche’ non incentivare le persone a rendere legando la retribuzione agli obiettivi, per esempio?

  92. Ciro Persiano ha scritto:

    Ma perché la gente non capisce che l’imprenditore non prova piacere a licenziare? Perché nel pensiero comune l’imprenditore è ricco e spregiudicato?

  93. Nora Picone ha scritto:

    Motivo da usare tutte le volte che si vuole licenziare qualcuno !!!!
    Se tu lavori 10 ti chiederanno 15 se lavori 15 ti chiederanno 20 e via di seguito!

  94. Gianluca Sartori ha scritto:

    Ma se il giudice giudicava nn essere cosi poi cera il reintegro ora nn piu

  95. Antonella Ovidi ha scritto:

    e chi lo decide quando è scarso?

  96. Giovanni Coan ha scritto:

    Mi pare giusto. Non rendi sei fuori.vale anche per i politici????

  97. Giovanni Coan ha scritto:

    comunque, per chi lavora in proprio, è già così: o sei produttivo o chiudi.

  98. Arnaldo Platano ha scritto:

    Io non sono d’accordo , anche se ci sono tanti lavativi . Purtroppo i nostri parlamentari sono l’esempio vivente . Quindi si dovrebbe iniziare dal parlamento? Tando per dare l’esempio ..

  99. Irene Piccinelli ha scritto:

    ma allora i nostri politici sarebbero da licenziare tutti dato che quando vengono ripresi da qualche TV, o giocano col telefonino, dormono o chiacchierano con altri. Nessuno lavora…….

  100. Florio Capaccioli ha scritto:

    Prima cominciamo dai politici.

  101. Ornella Passacantilli ha scritto:

    era ora ci tanti vogliadilavoraresaltamiaddosso…alcuni non hanno proprio vogliaa di lavorare…vorrebbero essere pagati ma lavorare poco e con negligenza!!!

  102. Sergio Burbi ha scritto:

    bene, più posti liberi in Comune, Province, Regioni e Statali….

  103. Adriana Marbini ha scritto:

    Occorre però vigilare!

  104. Gio Di Nino ha scritto:

    UNA PRESA PER IL CULO tipicamente renzusconiana: cosa vuol dire “scarso rendimento”? Troppe malattie? Poca abilità nel lavoro? Diminuzione della produttività causa età? Scarso senso del leccaculismo verso il superiore o la superiora? Inabilità derivante da infortunio sul lavoro? MA CHI CAZZO VUOL PRENDERE PER IL CULO questo putrebondo “gabinetto Renzi”?

  105. Maurizio Di Donfrancesco ha scritto:

    aberrante!!!!

  106. Ceccarelli Adelio ha scritto:

    siete merda del paese chi vi vota stronzo insieme quel bastardo ti TREU.promosso presidente del INPIS stronzooooooooooooooo

  107. Matteo Quercia ha scritto:

    Aberrante è.

  108. Salvatore Perez ha scritto:

    E allora, tutti i Pollitici fuori dalle palle!

  109. Giampietro Vecchiato ha scritto:

    Corretto!

  110. Enrico Raimondi ha scritto:

    E Renzi quando sarà licenziato per scarso rendimento? Damiano dovrebbe dire che è aberrante il governo che lui stesso sostiene e trarre le conseguenze

  111. Elettra Crocetti ha scritto:

    bene allora i nostri politici: tutti a casa xkpè quanto a rendimento fanno piangere.

  112. Franco Piro ha scritto:

    l’uomo non e’ una macchia e, come tale, non puo’ essere sempre costante. Beceri!!!

  113. Anna Bettella ha scritto:

    In primis per loro.

  114. Agnese Moglioni ha scritto:

    Come decideranno lo scarso rendimento? Ci sarà qualche dirigente di nomina politica che deciderà sulla base del voto elettorale che il dipendente dovrà assicurare…democraticamente…

  115. Lionello Fantacci ha scritto:

    non assumete raccomandati…….!

  116. Enrico Carboni ha scritto:

    e dove sta il problema….. Secondo certi , a lavorare si va a fare la comparsa ???? O si lavora, oppure fuori dai coglioni… In che mondo vogliamo vivere ??? nel mondo dei fancazzisti ruba stipendio a tradimento ???

  117. Adolfo Aro'castelluccio ha scritto:

    e’ piu’ di abberrante.

  118. Diego Rifici ha scritto:

    Sono tutti fuori di testa. Speriamo che i lavoratori tirano fuori le palle e le fanno vedere i sorci verdi a questi buffoni che di lavoro non sanno neanche dove sta di casa.

  119. Andrea Lisiero ha scritto:

    Umberto Hvalic è vero: ne la mafiosa DC né Berlusconi si azzardarono a tanto. E allora votate Matteo Salvini, cosi ci libereremo presto di Renzi.
    Ad Enrico Carboni dico: se qualcuno è “vergine”, scagli la prima pietra.

  120. Franca Cott ha scritto:

    ..perchè batsa un’antipatia e diventa “scarso rendimento”. Una malattia? scarso rendimento. Un grave motivo familiare? scarso rendimento! Una gravidanza? scarso rendimento. Una adesione ad un sindacato? scarso rendimento…..

  121. Piero Corallo ha scritto:

    Cominciamo a svuotare il parlamento, visto il vostro rendimento..buffoni!!

  122. Lorenzo Gucciarelli ha scritto:

    Sarebbe anche l’ora… Basta con questa piaga del posto fisso… Ci credo che le persone si sentono legittimate a non fare un cazzo
    .. Chi lavora, bene, chi non lavora può stare a casa benissimo… Si chiama produttività e merito … Ora basta cazzoni, specialmente negli uffici pubblici (anche se qualcuno che lavora onestamente c è ancora )

  123. Claudio Colameo ha scritto:

    dire abberrante è poco,la forca ci vuole per certe affermazioni

  124. Claudio Orlandi ha scritto:

    se uno non fa un cazzo è giusto cacciarlo

  125. Bruno Bonandin Fotostudio ha scritto:

    chi stabilisce se non fai davvero un cazzo o sei solo un esubero da far fuori no matter what?

  126. Adamo Gambone ha scritto:

    Se il datore di lavoro vuole cacciare qualcuno per motivi vari (perché magari deve far assumere il raccomandato di turno) avrà una scusa in più. Nessuno ricorrerà mai al licenziamento discriminatorio, per intenderci, per non incorrere in dispute legali, ma userà il presunto o vero “scarso rendimento” per ricattare i dipendenti.

  127. Claudio Orlandi ha scritto:

    ma che cazzo di domanda è?io avevo 10 dipendenti che lavoravano uno che o stava male per finta o non faceva un cazzo.mica ci vuole un professore per capire se uno è nullafacente

  128. Gianfranco Paoli ha scritto:

    Roba da schiavismo!!!!….se uno ha problemi fisici o di salute…se ne liberano!!!!…PAZZESCO!!!! ROBA DA 800!!!!

  129. David Bianchi ha scritto:

    L’onere della prova deve essere a carico dell’imprenditore. Siamo in Italia, patria di evasori e gaglioffi.

  130. Claudio Orlandi ha scritto:

    e di testa di cazzo

  131. David Bianchi ha scritto:

    Vanno evitati gli abusi, come licenziamenti discriminatori mascherati da licenziamenti “oggettivi”. Notate che per altro questa possibilità’ esiste già’ oggi. Il fatto che se ne parli nel Job Act lascia intendere che si vogliano “allargare le maglie” ossia lasciare alla parte debole, il lavoratore, l’onere della prova. Questo si che sarebbe aberrante. Oppure che comunque vada il processo o l’arbitrato debba finire con un indennizzo e non con il reintegro. Anche questo e’ aberrante. Così’facendo l’Italia si allontana dal novero delle nazioni civili.

  132. Claudio Orlandi ha scritto:

    stronzate

  133. Claudio Orlandi ha scritto:

    io ho avuto operai per 35 anni altri per 35 giorni

  134. Guido Zaccaro ha scritto:

    W Renzi della leopolda!

  135. Valentina Villotti ha scritto:

    …ma vale anche per loro?

  136. Adamo Gambone ha scritto:

    Non riesce a scrivere un commento sensato, argomentato e senza usare parolacce…mi spiace per Lei.

  137. Federico Marini ha scritto:

    allucinate!

  138. Claudio Orlandi ha scritto:

    altre stronzate.ma te ci fai ci sei o ci sembri?io assumeno chi era capace.che cazzo c’entra il raccomandato.e poi da chi?io lavoravo il ferro

  139. Adamo Gambone ha scritto:

    Ma che ne so che lavoro fa lei??Mica è Barilla o Ferrero???? Io parlo delle grandi imprese, non di imprese da 4 soldi come la tua…

  140. Bruno Bonandin Fotostudio ha scritto:

    Claudio potevi dimostrarlo oltre ogni ragione il dubbio o era la tua parola contro la sua? Questa era la domanda del cazzo..

  141. Pietro Cadeddu ha scritto:

    giusto non lavori togliti dai cioni

  142. Marco Carbone ha scritto:

    Ma voterà si.

  143. Giacomo Scaglia ha scritto:

    una cippa lo diciamo noi, a voi imprenditori che fa comodo votare i porci che vi danno una mano ad evadere le tasse e non vi accorgete che le buste paghe dei vostri dipendenti sono tartassate!!! allora votate bene, voi fate finta di non capire!!! ma capite bene invece come fare i soldi e lasciare alla fame gli altri!! vergogna!!

  144. Boscolo Ottavina ha scritto:

    Si vede proprio che questi signori non hanno mai lavorato in fabbrica attaccati a una catena di montaggio sono spregevoli ma perché non ci riuniamo persone oneste una buona volta anziché sempre scrivere e li mandiamo tutti a casa questi ladroni

  145. Antonio Di Palma ha scritto:

    era ora ne o conosciuti di lavativi la sera tanto vino è il giorno dopo mandava la moglie dal dottore per il certificato di malattia in 38 anni avra lavorato 10 anni forse

  146. Lorenza Largaiolli ha scritto:

    Che in Italia vige tutto fuorché il riconoscimento del merito

  147. Luigi Babbetto ha scritto:

    Non ci sono parole

  148. Luciano Rugieri ha scritto:

    io ne capisco poco, bisogna fare su ogni cosa una legge che obbliga.

  149. Luciano Rugieri ha scritto:

    ho capito siamo italiani noi cerchiamo un posto di lavoro E NON IL LAVORO.

  150. Marco Freri ha scritto:

    Chi stabilisce che il basso rendimento non sia in realtà una motivazione differente..

  151. Maria Hollrigl ha scritto:

    Se uno non lavora è giusto che lasci il posto a qualcuno che ha voglia di lavorare!

  152. Robin Capucci ha scritto:

    Lo scarso rendimento è quello parametrato dalla giurisprudenza italiana da quarant anni, per cui sono in causa decine di lavoratori che si danno per malati frequentemente, non raggiungono mai gli obiettivi di lavoro giornalieri, non riescono a imparare da alcuna procedura scritta e spiegata, che procurano ripetuti danni. Insegnante delle scuole superiori imolesi, si da malata per 97gg lavorativi all’anno ma a scaglioni di due gg alla volta e sempre di venerdì….. Non va licenziata??

  153. Ugo Bruschi ha scritto:

    Come se l’Italia fosse civile!….

  154. Ugo Bruschi ha scritto:

    Siiiiiiiiiii e deve anche restituire parte dei soldi!… Ma qlo che fa più rabbia è perché i genitori degli alunni non vanno sotto casa a mischiarle le ossa!…. Penso che nessun altri in italia lo farebbe

  155. Ugo Bruschi ha scritto:

    Penso che se il datore di lavoro è uno stronzo con o senza legge trova la soluzione per licenziarlo, se è una persona corretta, tenendo conto che lui ha fatto un investimento che non finisce dopo le 8 ore di lavoro, trova la soluzione senza danneggiare nessuno!…. Dunque i caso estremi esisto ed esisteranno sempre le o non legge

  156. Fernando Giannoni ha scritto:

    Damiano non può capire lo scarso rendimento. Lui da ministro non ha fatto un c….!

  157. Lysia Neri ha scritto:

    Concordo con Davide Bianchi e Leonilda Gambetti dipende da chi deve GIUDICARE! Poi può essere anche giusto! Almeno che non sia “mobbing”!

  158. Andrea Porceddu ha scritto:

    Se è così, è giusto, un lavoratore che nn rende come dovrebbe, va o cacciato via, o incentivato a far meglio..

  159. Laura Palmieri ha scritto:

    Lo vogliamo anche nel pubblico,,,,,,anche li non scherzano

  160. Mimmo Ristori ha scritto:

    Nella Pubblica Amministrazione resterebbe una risicata minoranza!

  161. Antonino Cortese ha scritto:

    Sig. Damiano in quale pianeta vive!

  162. Gianni Rebolini ha scritto:

    ma certo , se provato senza dubbi , assieme ai ladri , vanno licenziati senza che un magistrato li reintegri , ricordate aeroporti di malpensa?

Lascia un commento