•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 24 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Infografiche – Elezioni Croazia, Presidenziali 2014: finestra sul voto

elezioni presidenziali croazia josipovic

Domenica 28 dicembre andrà in scena il primo turno delle elezioni presidenziali in Croazia. Saranno tre i candidati che contenderanno la poltrona al presidente uscente Ivo Josipović: Kolinda Grabar-Kitarović, Milan Kujundžić e Ivan Vilibor Sinčić.

Josipović – formalmente indipendente – può contare sull’appoggio di una vasta coalizione di partiti di centrosinistra, attualmente al governo del paese, che prende il nome di “Kukuriku Coalition”. Il maggior partito della coalizione è l’SDP, il partito socialdemocratico di provenienza dello stesso presidente.

In appoggio di Kolinda Grabar-Kitarović c’è invece HDZ, il maggior partito conservatore, oltre ad altri partiti di centrodestra come HSLS e HSS. A destra c’è spazio anche per Milan Kujundžić, appoggiato dalla coalizione “Alleanza per la Croazia”, comprendente partiti minori come Alba Croata (HZ). Ivan Vilibor Sinčić è invece l’outsider indipendente, appoggiato dall’organizzazione attivista Živi zid, di orientamento euroscettico.

Elezioni Croazia, Presidenziali 2014: il sistema di voto

La Croazia è attualmente una Repubblica parlamentare, dopo le riforme costituzionali che – all’inizio del secolo e a seguito della morte dello storico presidente Franjo Tuđman – hanno notevolmente ridotto il potere del presidente della Repubblica. Oggi, nonostante permanga l’elezione diretta, il Capo dello Stato mantiene pochi poteri, tra cui la leadership delle forze armate e la nomina del primo ministro.

Il sistema elettorale per l’elezione del presidente è a doppio turno. Se nessuno dei candidati al primo turno ottiene il 50%+1 dei voti, si procede ad un ballottaggio tra i primi due classificati, che si tiene a 14 giorni di distanza dal primo turno. Il limite massimo di mandati è pari a due.

Per candidarsi alla presidenza è necessario raccogliere – in una finestra di tempo che, per le attuali presidenziali, è andata dal 25 novembre al 6 dicembre – almeno 10 mila firme di cittadini croati. Diversi i candidati che hanno fallito l’obiettivo, mentre altri – come Anto Đapić e il reverendo Ivan Grubišić – hanno preferito ritirarsi dalla corsa ed appoggiare altri candidati.

I precedenti: non c’è due senza tre?

Il presidente uscente continua a mantenere un certo vantaggio nelle intenzioni di voto. Tuttavia la distanza dai competitors pare essersi ridotta negli ultimi mesi, specie dopo l’ufficializzazione della candidatura di Kolinda Grabar-Kitarović. E così se fino a giugno scorso sembrava possibile una rielezione al primo turno, secondo le ultime intenzioni di voto difficilmente Josipović riuscirà ad evitare il ballottaggio.

A quel punto tutto sarà in bilico: l’ultimo sondaggio del 4 dicembre di Promocija Plus assegnava a Josipović il 42,3%, con i due candidati di centrodestra accreditati di un complessivo 39,5%. Un dato che, anche in assenza di apparentamenti ufficiali, potrebbe mettere in pericolo la rielezione di Josipović. E ormai si parla già di testa a testa tra i due maggiori candidati, l’ennesima battaglia tra SDP e HDZ, i due partiti più forti di Croazia.

Questi i risultati delle elezioni presidenziali croate dal 1992 ad oggi (nel menù a tendina è possibile scegliere l’anno di interesse; passando con il mouse sul grafico a torta è invece possibile visualizzare ulteriori informazioni)

Tre i presidenti della storia della giovane repubblica croata. I primi due – Franjo Tuđman e Stjepan Mesić – hanno ottenuto la rielezione per un secondo mandato, chi vincendo entrambe le volte al primo turno (Tuđman) chi avendo la meglio sempre al ballottaggio (Mesić). Ora tocca a Josipović – vincitore al ballottaggio nel 2010 – provare a confermare il trend che ha sempre visto vincente il presidente uscente.

Per farlo, il presidente uscente socialdemocratico – formalmente indipendente solo a causa della Costituzione croata che, all’art. 96, prevede l’abbandono del partito una volta eletti – dovrà fronteggiare principalmente l’organizzazione dell’HDZ di Kolinda Grabar-Kitarović, che rivendica con orgoglio le quasi 330 mila firme presentate, a fronte delle “appena” 200 mila depositate dal presidente uscente. Evitando scivoloni, come quello occorso a proposito del busto del Maresciallo Tito.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] Il primo turno delle elezioni croate che si è svolto il 28 Dicembre non ha indicato un vincitore. Il Presidente della Repubblica uscente Ivo Josipovic, sostenuto dal centro-sinistra al governo dal 2011, ha raccolto il 38,48% dei voti, al di sotto delle previsioni che lo volevano almeno al 40%. In quell’occasione la Grabar Kitarovic, candidata dell’HDZ, il maggiore partito di centrodestra croato, è arrivata al 37,18% delle preferenze, superando Josipovic in molte zone del paese, soprattutto quelle meridionali e orientali. […]