•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 24 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Infografiche – Elezioni Croazia, Presidenziali 2014: finestra sul voto

elezioni presidenziali croazia josipovic

Domenica 28 dicembre andrà in scena il primo turno delle elezioni presidenziali in Croazia. Saranno tre i candidati che contenderanno la poltrona al presidente uscente Ivo Josipović: Kolinda Grabar-Kitarović, Milan Kujundžić e Ivan Vilibor Sinčić.

Josipović – formalmente indipendente – può contare sull’appoggio di una vasta coalizione di partiti di centrosinistra, attualmente al governo del paese, che prende il nome di “Kukuriku Coalition”. Il maggior partito della coalizione è l’SDP, il partito socialdemocratico di provenienza dello stesso presidente.

In appoggio di Kolinda Grabar-Kitarović c’è invece HDZ, il maggior partito conservatore, oltre ad altri partiti di centrodestra come HSLS e HSS. A destra c’è spazio anche per Milan Kujundžić, appoggiato dalla coalizione “Alleanza per la Croazia”, comprendente partiti minori come Alba Croata (HZ). Ivan Vilibor Sinčić è invece l’outsider indipendente, appoggiato dall’organizzazione attivista Živi zid, di orientamento euroscettico.

Elezioni Croazia, Presidenziali 2014: il sistema di voto

La Croazia è attualmente una Repubblica parlamentare, dopo le riforme costituzionali che – all’inizio del secolo e a seguito della morte dello storico presidente Franjo Tuđman – hanno notevolmente ridotto il potere del presidente della Repubblica. Oggi, nonostante permanga l’elezione diretta, il Capo dello Stato mantiene pochi poteri, tra cui la leadership delle forze armate e la nomina del primo ministro.

Il sistema elettorale per l’elezione del presidente è a doppio turno. Se nessuno dei candidati al primo turno ottiene il 50%+1 dei voti, si procede ad un ballottaggio tra i primi due classificati, che si tiene a 14 giorni di distanza dal primo turno. Il limite massimo di mandati è pari a due.

Per candidarsi alla presidenza è necessario raccogliere – in una finestra di tempo che, per le attuali presidenziali, è andata dal 25 novembre al 6 dicembre – almeno 10 mila firme di cittadini croati. Diversi i candidati che hanno fallito l’obiettivo, mentre altri – come Anto Đapić e il reverendo Ivan Grubišić – hanno preferito ritirarsi dalla corsa ed appoggiare altri candidati.

I precedenti: non c’è due senza tre?

Il presidente uscente continua a mantenere un certo vantaggio nelle intenzioni di voto. Tuttavia la distanza dai competitors pare essersi ridotta negli ultimi mesi, specie dopo l’ufficializzazione della candidatura di Kolinda Grabar-Kitarović. E così se fino a giugno scorso sembrava possibile una rielezione al primo turno, secondo le ultime intenzioni di voto difficilmente Josipović riuscirà ad evitare il ballottaggio.

A quel punto tutto sarà in bilico: l’ultimo sondaggio del 4 dicembre di Promocija Plus assegnava a Josipović il 42,3%, con i due candidati di centrodestra accreditati di un complessivo 39,5%. Un dato che, anche in assenza di apparentamenti ufficiali, potrebbe mettere in pericolo la rielezione di Josipović. E ormai si parla già di testa a testa tra i due maggiori candidati, l’ennesima battaglia tra SDP e HDZ, i due partiti più forti di Croazia.

Questi i risultati delle elezioni presidenziali croate dal 1992 ad oggi (nel menù a tendina è possibile scegliere l’anno di interesse; passando con il mouse sul grafico a torta è invece possibile visualizzare ulteriori informazioni)

Tre i presidenti della storia della giovane repubblica croata. I primi due – Franjo Tuđman e Stjepan Mesić – hanno ottenuto la rielezione per un secondo mandato, chi vincendo entrambe le volte al primo turno (Tuđman) chi avendo la meglio sempre al ballottaggio (Mesić). Ora tocca a Josipović – vincitore al ballottaggio nel 2010 – provare a confermare il trend che ha sempre visto vincente il presidente uscente.

Per farlo, il presidente uscente socialdemocratico – formalmente indipendente solo a causa della Costituzione croata che, all’art. 96, prevede l’abbandono del partito una volta eletti – dovrà fronteggiare principalmente l’organizzazione dell’HDZ di Kolinda Grabar-Kitarović, che rivendica con orgoglio le quasi 330 mila firme presentate, a fronte delle “appena” 200 mila depositate dal presidente uscente. Evitando scivoloni, come quello occorso a proposito del busto del Maresciallo Tito.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da: