•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 24 aprile, 2014

articolo scritto da:

Est Ucraina a ferro e fuoco, Lavrov: “Usa-Ue dietro nuova rivoluzione colorata”

Nell’Est della Repubblica di Ucraina il conflitto tra le forze fedeli al governo di Kiev e le milizie filorusse assume, di ora in ora, i connotati di una vera e propria guerra civile. I soldati deputati a condurre l’operazione anti terrorismo nelle regioni sud-orientali del paese, oggi, hanno ripreso, giusto poche ore dopo la tregua pasquale sottoscritta dalle due parti, le operazioni contro le occupazioni dei pro-Mosca.

I posti di blocco delle milizie secessioniste nella città di Sloviansk, vicino Donetsk, sono stati oggetto di un attacco incrociato: da una parte l’esercito ucraino ha attaccato con 11 blindati, dal lato opposto, con sei blindati e due elicotteri; nello scontro a fuoco sarebbero morti 5 militanti filorussi. Adesso le forze di Kiev stanno tentando di recuperare altre parti della città che, nonostante la determinazione delle autorità centrali, resta tuttora in mano agli indipendentisti che hanno dichiarato di essere “pronti a resistere anche se con poche armi”.

ucraina est

A Sloviansk, quindi, resta alta la tensione soprattutto intorno al Municipio occupato, nonostante l’ordine di evacuarlo dell’esercito di Kiev, nel frattempo in altre città dell’Est teatro della protesta, le forze fedeli al governo ucraino, sono riuscite a riprendere qualche posizione: a Mariupol sul Mar Nero, il municipio occupato da una settimana, è di nuovo sotto il controllo delle autorità, secondo alcune fonti ci sarebbero diversi feriti. Sempre nei pressi di Donetsk, ad Artemivsk, un centinaio di filorussi è stato respinto dalle forze pro-Kiev mentre tentava di prendere un deposito di armi.

Vladimir Putin, di fronte allo scatenarsi della violenza di queste ore, pur non parlando chiaramente, lascia intendere che la Russia non resterà ferma a guardare: “l’operazione contro il popolo ucraino avrà delle conseguenze per coloro che prendono queste decisioni a Kiev, anche nell’ottica dei rapporti interstatali tra Russia e Ucraina”. Il ministro degli Esteri Lavrov, ieri aveva parlato di una possibile escalation sul modello di quella georgiana del 2008, oggi ha affilato le lame contro Usa e Ue che stanno tentando di “di fare l’ennesima rivoluzione colorata in Ucraina e non ci sono dubbi che qui non si parla solo del destino ucraino, cercano di sfruttare l’Ucraina come una pedina nel gioco geopolitico”.

Guglielmo Sano

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Umberto Banchieri ha scritto:

    Lavrov pensasse ai suoi soldati senza insegne (come ammesso candidamente di aver fatto in Crimea) che ha fatto spacciare per forze di autodifesa locale per avere la giustificazione per l’annessione….

  2. Eric Penna Nera ha scritto:

    gli americani sono sempre dietro queste cose.

Lascia un commento