•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 9 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Quirinale, Romano Prodi resta il più gettonato Bersani “Non voglio bruciare nome di Prodi”

La partita per il Quirinale non è ufficialmente aperta ma il nome di Romano Prodi è e resta al momento il più gettonato.

Non a caso la discussione si scalda nel Pd dopo la votazione che ha visto sul nome di Prodi ben 101 franchi tiratori. Tra movimento di opinione, sia di favorevoli che contrari, l’ex premier e padre fondatore dell’Ulivo non sembra avere temibili concorrenti.

Bersani: non voglio bruciare nome Romano Prodi

“Io non ho proposto Prodi, ho parlato per me. Figuriamoci se io voglio bruciare Prodi! Ma che potevo dire, che non andrebbe bene per il Colle? Proprio io che mi sono dimesso su quella vicenda?”.

Pier Luigi Bersani, in un colloquio con la Stampa, smentisce di star pensando a se stesso come candidato al Quirinale, viste anche le continue critiche al premier Matteo Renzi. “Io sparo a zero tutti i giorni mentre invece altri se ne stanno buoni e zitti come usa fare in questi frangenti. Non rinuncio a dire la mia, quindi…”.

bersani non voglio bruciare nome prof. romano prodi per quirinale

Renzi, aggiunge Bersani, “proverà dalla quarta votazione in poi a procedere sulla base di un accordo che coinvolga l’Ncd e Forza Italia, su un nome che sia ben accolto anche dal Pd. Insomma, non vorrà certo fare uno scontro frontale”.

Zampa (prodiana Pd) “Prodi candidato possibile ma indisponibile”

Per la deputata del Pd Sandra Zampa, da sempre molto vicina alle posizioni di Romano Prodi, “bisogna partire dall’indisponibilità del Professore. Il tempo è dinamico, non è fermo…Il tempo passa. E passando ha determinato un cambio nel punto di vista del Professore. L’ha detto anche Bersani: ‘Non dico altro perché Prodi si arrabbia…'”.

La vicepresidente del Pd intervistata da Repubblica dopo l’endorsement di Pierluigi Bersani a una candidatura del Professore di Bologna al Quirinale spiega: “Bersani parla del Professore sempre con affetto sincero. Se comunque parliamo di fantapolitica, posso dirle che il nuovo Presidente non deve essere il candidato di una parte, né deve sanare un vulnus. Il Pd deve cercare il Presidente di cui l’Italia ha bisogno. E basta. L’unica cosa che non si può fare è che qualcuno ponga dei veti. Questo sarebbe inaccettabile. Per il Pd e per la comunità che rappresentiamo. Dentro e fuori dal Pd. Comunque credo che nel Pd non ci siano veti. Quello del 2013 fu un voto determinato da una molteplicità di ragioni diverse che finirono per intrecciarsi. La trattativa va fatta con tutti compreso il Movimento 5 Stelle”.

 

 

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento