•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 11 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Podemos non si ferma più, è il primo partito in Spagna

podemos

Continua a volare in Spagna Podemos, il partito di sinistra radicale ed anticasta nato dalle proteste degli “indignados” circa un anno fa.

Alle passate elezione europee il movimento guidato da Pablo Iglesias ha raccolto il 7,9% mentre adesso secondo un recente sondaggio dell’emittente Radio Cadena Ser, effettuato dagli analisti di Muy World, sarebbe il primo partito politico raccogliendo il 27,5%. È sempre bene sottolineare che questa formazione è nata solamente un anno fa. Staccato di 3 punti ci sarebbe il Partito Popolare del premier Mariano Rayoy, invece, molto negativo (19%) è il risultato che il sondaggio attribuisce al PSOE del giovane segretario Pedro Sanchez. Situazione molto fluida anche al centro dell’arco costituzionale che è conteso da Progreso y Democracia (PyD) che si attesta al 5,5% dei suffragi e dall’avanzata di Ciudadanos, formazione neonata catalana, che raccoglie il 5% dei consensi. Chi esce con le ossa rotte da questo terremoto politico è la sinistra radicale tradizione che vede dimezzato il suo bottino elettorale.

sondaggio

Quali sono i possibili sviluppi politici di questa situazione? Al momento i due partiti “tradizionali”, PP e PSOE, potrebbero andare al governo solo in caso di una grande coalizione poiché assieme raccoglierebbero il 43,6% dei consensi. Questa eventualità al momento viene smentita categoricamente da Pedro Sanchez.

Come abbiamo visto il partito guidato da leader col codino, docente di Scienze Politiche, pesca principalmente nell’elettorato di estrema sinistra e in quello socialista ma sta divenendo il punto di riferimento elettorale per gli elettori popolari delusi e in quello che comunemente viene considerato il partito del non voto.

A livello programmatico la proposta di Podemos è basata sul aumento significativo del salario minimo, sulla riduzione della giornata lavorativa e dell’età pensionabile, sulla riforma del sistema educativo e su una rigorosa ed inflessibile lotta alla corruzione e all’evasione fiscale. Dal punto di vista della politica estera, invece, è fortissimo il legame con il partito greco Syrizia, guidato da Alexis Tsipras, tant’è che il 22 gennaio prossimo Iglesias sarà proprio in terra ellenica per aiutare il “compagno” greco nella campagna elettorale. Nonostante queste posizioni molto radicali e forti e la successiva demonizzazione che avviene da parte dei popolari, il 44% dell’elettorato spagnolo ritiene Pablo Iglesias il miglior premier per la Spagna nel futuro prossimo.

sondaggio

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

14 Commenti

  1. Antony970 ha scritto:

    MaxLandra TermometroPol qui si sono fermati a erbomba

  2. MaxLandra ha scritto:

    Antony970 TermometroPol …SEMPRE PIÙ IN BASSO…#MASOCHISMO ITALICO

  3. Antonio Rossi ha scritto:

    Altre minchiate.

  4. Barbarossa Nèll Moreno ha scritto:

    si vede che in spagna non sono un popolo di pecore come gli italiani…

  5. santa_assunta ha scritto:

    MaxLandra E noi Renzi Beppe e Berlu … Nessuno dei tre ha mai lavorato un’ora in vita sua.

  6. gvipasca ha scritto:

    goldielocks75 TermometroPol speriamo di poterli imitare in Italia

  7. Simone Satraño ha scritto:

    Elisabetta Casarini

  8. Francesco Corica ha scritto:

    il che sta a dimostrare che spagnoli e greci hanno più cervello degli italiani

  9. Andrea Morisco ha scritto:

    Vai ragazzi spazzate via la partitocrazia

  10. Eric Nagem Gad ha scritto:

    Giorgia Hotice Fusco

  11. Salvo Marino ha scritto:

    in italia c’è il m5s che è la stessa cosa, ma i media hanno convinto l’opinione pubblica che è il male da estirpare… e tutti c credono … siamo un popolo di capre ignoranti beeeeeeeeee

  12. Agata Belviso ha scritto:

    ahahah forse non podemos perche’ gli italiani sono cogliones

  13. Alfredo Bartolini ha scritto:

    non credo che siano proprio la stessa cosa…….. quelli non avranno mai contatti con i vari gruppi di dx, eppoi in democrazia i voti che si prendono devono fruttare e non è un’infamia dialogare, trovare accordi e fare politica anche su pochi punti con il partito di maggioranza relativa ……..se non lo fanno loro lo fanno gli altri ed ecco come ci troviamo……….

  14. Pingback: Dalla Grecia: intervista a Matteo Pucciarelli | Jacopo Custodi

Lascia un commento