•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 13 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Quirinale, gli appuntamenti di Pd Forza Italia e Movimento 5 Stelle

Il dopo Napolitano è già cominciato. Se l’ormai ex inquilino del Quirinale si è definito ‘felice di esser tornato a casa’, un po’ meno lo sono i partiti che l’avevano votato per la seconda volta un anno e mezzo fa, dopo la bocciatura di Prodi. Il Pd è probabilmente il partito più in difficoltà. Mai, comunque, come nell’aprile 2013: i 101, le dimissioni di Bersani e la rielezione di Napolitano al Quirinale.

Oggi al Nazareno c’è Renzi ed il suo potere sembra pressoché illimitato: è il premier, ha stravinto le primarie e le elezioni europee 2014. Ma la composizione parlamentare non gli è così affine quanto la nuova dirigenza quarantenne. Sono parlamentari eletti con Bersani, per la maggioranza dei casi. La prima faccenda da sbrigare per Renzi è la segreteria, convocata per domani alle 07:30. Ma la composizione è cosa sua, non dovrà spendere energie. I veri problemi potrebbero affiorare giovedì alla riunione dei Senatori dem e venerdì alla direzione nazionale, due organi che rappresentano la totalità delle anime Pd. Anche l’opposizione, che per mezzo di Alfredo D’Attorre afferma: “credo che Renzi abbia il dovere di proporre il profilo di un presidente indipendente, che parli a tutti gli italiani, un garante delle istituzioni del paese e non del Patto del Nazareno”.

Consultazioni, Napolitano e Renzi al lavoro

A proposito di Patto del Nazareno, Forza Italia si riunirà domani sotto forma di meeting fra il leader, Silvio Berlusconi, e gruppo a Palazzo Madama. Ore 19:00 al parlamentino di Palazzo Grazioli per esaminare la situazione politica e definire le prossime mosse sul Quirinale. Ma se non il Pd non volesse accordarsi con FI, non potrebbe fare a meno di cercare una sponda nell’altra grande forza politica in Parlamento e nel paese, il Movimento 5 Stelle. Il gruppo fondato da Grillo riunirà proprio stasera l’assemblea dei Deputati (mentre giovedì si incontreranno i Senatori) per delineare le scelte durante le prossime fasi: riforme, ‘restitution day’, nuove cariche interne e comunicazione formano l’odg pentastellato. Senza scordare il Quirinale, ruolo per il quale, nell’aprile 2013, nacquero delle frizioni interne in ordine alla votazione o meno di Prodi

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento