•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 22 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Centrodestra: unico listone per tutti? Salvini e Meloni dicono no

L’ormai quasi certa approvazione dell’Italicum ridisegna il quadro politico nazionale. L’assegnazione del premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione imporrebbe, infatti, che il frammentato centrodestra si unisse in un unico listone. Le reazioni però sono discordanti.

Forza Italia e Ncd dicono sì

L’incontro tra Berlusconi e Alfano “è un momento importante, che potrebbe aprire una fase nuova. È comunque un punto di partenza”. Per tornare a fondersi? “Oggi non vedo elezioni alle porte, per cui non è un tema che affrontiamo subito”, dice la capogruppo Ncd alla Camera Nunzia De Girolamo, intervistata dal Corriere della Sera. L’ex ministro nota “un’atmosfera quasi familiare. Abbiamo siglato un patto per chiedere a Renzi di tener conto della nostra forza per la scelta del capo dello Stato. L’identikit è quello di un moderato, super partes e senza tessera del Pci. Sia Berlusconi sia Alfano – prosegue – hanno dimostrato di anteporre gli interessi dei cittadini alle incomprensioni. Berlusconi ha dimostrato lucidità e senso delle istituzioni e Alfano che ciò che ci unisce è più di ciò che ci divide. Oggi ci concentriamo sul Colle. Ma – secondo De Girolamo – l’unità dei moderati pesa e peserà sempre di più in questa partita”.

meloni fratelli d'italia

Contrarietà da Lega Nord e Fratelli d’Italia

Dalle parti di Forza Italia e Lega Nord, però, sul fronte dell’unità non arrivano segnali incoraggianti. “Dare il premio di maggioranza alla lista significa per il centrodestra essere candidato a perdere le elezioni: non è ipotizzabile un listone unico di centrodestra, non ci sono le condizioni” ha detto Roberto Maroni interpellato, a margine di un appuntamento in Regione Lombardia, sulla riforma della legge elettorale e sull’asse Renzi-Berlusconi sul tema.
“Penso che l’asse serva a Berlusconi per avere Amato alla presidenza della Repubblica e a Renzi per vincere le prossime elezioni politiche. Berlusconi ha ceduto a Renzi la vittoria elettorale per avere in cambio presidente Repubblica non ostile o addirittura amico”, ha poi ribadito il governatore e “se è così – ha concluso – rende tutto più difficile a meno che non ci siano cose che ancora non conosciamo”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. “Fare una lista unica con chi sostiene Renzi e appoggia le sue ridicole riforme non ci interessa. Per noi di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale – prosegue – non c’è alcuna possibilità di stare in un soggetto politico unico insieme a chi vota e ha votato provvedimenti incompatibili con la sua stessa storia e con quella del centrodestra, promossi dal governo del Partito democratico. La rifondazione del centrodestra deve partire da idee, valori, programmi condivisi e dalla partecipazione degli italiani e non può essere fondata sull’attaccamento alla poltrona, nè imposta dalla legge elettorale. Una legge elettorale che, tra l’altro, impone ancora una volta agli italiani deputati nominati dai partiti e non scelti dai cittadini”.

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Secondo voi alla fine ci sarà la scissione nel Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: