•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 27 aprile, 2014

articolo scritto da:

Riforme, Renzi apre a modifiche sul Senato. Poi attacca: “Grillo e Berlusconi due facce della stessa medaglia”

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervistato da Lucia Annunziata a In mezz’ora, apre a modifiche alla riforma del Senato. “Non discuto che ci sia un pit-stop, ma i cittadini ci chiedono di andare avanti. Se Berlusconi è preoccupato che un passaggio in aula prima del 25 maggio gli crei degli svantaggi elettorali, dico benissimo, aspettiamo una settimana, non mi impicco a una data, l’importante è che la riforma si faccia” dichiara il premier.

Relativamente all’elettività o meno del Senato, vero terreno di scontro tra le forze politiche nelle ultime settimane, Renzi puntualizza: “A fronte di riscrittura totale dello stato, troveremo una soluzione per quel problema. Oggi l’idea è che i consigli regionali individuano il loro rappresentante da inviare a Palazzo Madama. A me questo basta”. L’importante, dunque, è “superare il bicameralismo perfetto”.

Per questo il capo del governo annuncia che a breve si terrà un seminario sulle riforme: “Non è la mia riforma istituzionale ma il frutto del lavoro di molte persone e di mediazione tra i partiti. A me dà noia chi utilizza strumentalmente i temi non chi fa proposte. Il 5 maggio faremo un seminario, credo ci saranno anche Rodotà e Zagrebesky, non abbiamo paura delle idee”.

renzi

Renzi rivolge poi un attacco a Silvio Berlusconi per la frase sui lager nazisti pronunciata ieri: “La frase di Silvio Berlusconi sui tedeschi e i ‘lager mai esistiti’ è inaccettabile così com’era assolutamente inaccettabile e vergognosa quella di Beppe Grillo sulla Shoah. Sono entrambi in campagna elettorale, e non sono interessati alla frase in sé ma alle ripercussioni in chiave elettorale. E comunque, non sottovalutiamo Berlusconi in campagna elettorale. Nel 2013 andò da Santoro… Berlusconi va a cercare un elettorato limitrofo a quello di Grillo, sono due facce della stessa medaglia“.

Relativamente al risultato delle europee e ai sondaggi elettorali che danno il Movimento come seconda forza, Renzi si dimostra ottimista: “I leader seri non si preoccupano dei sondaggi: non mi interessa come finisce, io penso che il Pd prenderà più voti dell’ultima volta e sarà il primo partito, ma non sono ossessionato da questo. La mia ossessione sono le percentuali della disoccupazione. A chi vota Grillo dico: va bene ma ditegli di smettere di urlare e di venire a dare una mano per cambiare l’Italia”.


Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: