•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 febbraio, 2015

articolo scritto da:

La prima al Milan per i magnifici 5

logo-casa-milan-scandalo

In casa Milan oggi è stato il giorno della maxi presentazione dei cinque nuovi acquisti messi a segno durante il calciomercato invernale. Alla presentazione di Antonelli, Bocchetti, Destro, Paletta e Suso era presente anche l’a.d. dei rossoneri Galliani.

Destro squalificato contro la Juventus

“Questi 5 giocatori erano fortemente voluti sia dalla società che dall’allenatore e non è un caso che ci siano tanti italiani, lo ha voluto Berlusconi – inizia Galliani – Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi: qualche giocatore lo seguivamo da tempo, per altri si è trattata di un’idea dell’ultimo momento. La citofonata a casa Destro? Dà l’idea di quanto lo volessimo. Ho avuto l’intuizione che se non fossi andato a Roma, la trattativa non si sarebbe conclusa. Un attaccante va misurato a gol: Destro a Roma ha segnato 18 gol in 36 partite, lo volevamo già quest’estate. A chi somiglia? A nessuno: cercavamo un centravanti, una prima punta per rinforzare le nostre capacità offensive. Quando è stato ammonito con il Parma, al primo fallo, non ho bestemmiato perché non lo faccio mai, ma un turpiloquio c’è stato”

Suso, Bocchetti, Galliani, Destro, Paletta e Antonelli

Suso, Bocchetti, Galliani, Destro, Paletta e Antonelli

Destro ribadisce: “Il Milan è il Milan!”

Poi è arrivato il momento, per i nuovi giocatori, di dire la loro sul Milan e sulle proprie emozioni, ad iniziare da Destro: “Il Milan è il Milan e non c’era bisogno d’altro per convincermi. Ho voglia di dimostrare il mio valore e questa è la squadra perfetta per farlo. Quando mi hanno detto che Galliani sarebbe venuto a Roma per me ero incredulo: è stata una grande soddisfazione, il suo gesto è quello che ha contato più di ogni altra cosa, mi ha reso molto orgoglioso. Ora voglio dare tutto per questa maglia: fare la metà di quanto hanno fatto i grandi attaccanti che hanno vestito questa maglia, a partire da Inzaghi, sarebbe una grande cosa.” Ecco le prime parole di Bocchetti in rossonero: “Mi sono sentito subito in una grande famiglia: mi hanno permesso subito di fare bene contro il Parma. L’esperienza allo Spartak non è stata negativa: purtroppo mi sono infortunato, ma ora penso solo al Milan.” In vena di ricordi di famiglia l’ex Genoa Antonelli: “Milanello è il centro sportivo più bello del mondo, con Inzaghi ho avuto la fortuna di giocare una partita in Primavera e gli ho fatto un assist per il gol. E’ un allenatore preparato e daremo il cento per cento per lui. Vincere lo scudetto della seconda stella sarebbe il sogno di una vita.” Per Paletta, invece, i pensieri sono tutti rivolti verso la sfida contro la Juve: “Non ho un modello da seguire, guardo tutti i difensori e cerco di prendere il meglio da ognuno. Dobbiamo migliorare sui calci piazzati, io sicuramente devo imparare i movimenti difensivi che vuole il mister. La Juve? Abbiamo un organico forte per affrontarla degnamente.” Dichiarazione in stile Football Manager per Suso: “In Italia il calcio è più tattico e anche un po’ più tecnico. In Inghilterra si lavora un po’ di più dal punto di vista fisico, ma alla fine il calcio è un linguaggio universale.”

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento