•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 28 aprile, 2014

articolo scritto da:

Addio Boskov, timoniere della Sampd’Oro

Si è spento, a 82 anni, Vujadin Boskov. La triste notizia giunge nella prima serata di una domenica sportiva che arride ai colori blucerchiati, tornati alla vittoria contro il Chievo.

Nato nel 1931 a Begec, in Serbia, Vujadin inizia la sua carriera da calciatore nel Vojvodina, club serbo di cui veste la maglia 185 volte prima di giungere, per un’unica stagione, a Genova, sponda blucerchiata. Terminerà la propria carriera da calciatore in Svizzera, allo Young Boys, e proprio nello stesso club inizia la sua carriera da allenatore. Una carriera vagabonda, nomade, che lo porterà ad alzare a cielo parecchi trofei, partendo dalla coppa d’Olanda sulla panchina dell’ADO Den Haag nel 1975, fino alla Coppa delle Coppe del 1989-90 con la Sampdoria.

Tutto il mondo del calcio piange un professionista sempre distintosi per la semplice freddezza delle proprie dichiarazioni e per l’enorme importanza che dava alla comunicazione. Lo si ricorda anche per il pungente sarcasmo e per la grande ironia ed umiltà. Ecco cosa scrive Francesco Totti ricordando il mister che lo ha fatto esordire nelle partite ufficiali: “Oggi è scomparso un altro membro importante della famiglia del calcio, Vujadin Boskov, un grande uomo, competente, vincente e dotato di un umorismo acuto e intelligente. Ora dal cielo con la tua ironia e il tuo sorriso sono sicuro che continuerai a guardare il calcio con l’occhio dell’immenso maestro che sei stato.”

BOSKOV SCUDETTO

In Italia, Boskov è conosciuto e sarà sempre ricordato come l’architetto della Sampd’Oro, la Sampdoria degli anni 1986-92, quella capace di conquistare uno scudetto, una coppa delle coppe, due coppe Italia, una supercoppa Italia ed una finale della Coppa dei Campioni – persa contro il Barcellona. La Samp di Vialli e Mancini, di Vierchowod e Cerezo, di Pagliuca e di Lombardo, e di tutti gli altri eroi blucerchiati. La Sampdoria di oggi non è certo paragonabile a quella di allora tranne che per un unico aspetto: al suo timone vi è un tecnico serbo. Sinisa Mihajlovic, commosso, lo ricorda così: “Per me era come un padre. È stato un maestro, un esempio, sul piano calcistico e anche sul piano umano, una di quelle persone che non vorresti mai lasciare e quando se ne vanno lasciano un vuoto incolmabile. Di sicuro non lo dimenticherò: insieme abbiamo condiviso diverse esperienze che porterò per sempre con me. Vujadin resterà una persona unica, inimitabile, una leggenda del calcio serbo e un mito per ogni sampdoriano. Partirò domani per la Serbia per rendergli l’ultimo saluto, quello che merita un grande uomo, di sport e di vita, come è stato lui”.

Addio Vujadin

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Michele Moretti ha scritto:

    Un profeta/guru del calcio più romantico.

Lascia un commento