•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 28 aprile, 2014

articolo scritto da:

Dell’Utri, respinto il ricorso contro l’arresto

“Emerge amplissima la sussistenza della eccezionale portata delle ravvisate esigenze cautelari che a fronte di una programmata e dunque deliberata volontà di fuga consentono di ritenere le esigenze cautelari di un non comune, spiccatissimo e allarmante rilievo tale da superare il divieto di custodia cautelare per gli ultrasettantenni”. Con queste parole il Tribunale del Riesame di Palermo ha respinto la richiesta degli avvocati di Marcello Dell’Utri contro l’ordinanza di custodia cautelare.

L’ex senatore non si trovava in Libano per motivi di ordine personale e, scrivono i giudici del riesame, “é del tutto indimostrata la circostanza secondo cui Marcello Dell’Utri sarebbe stato inviato a Beirut su preciso incarico, al fine di svolgere attività di supporto politico e/o professionale”. La Corte di Palermo dunque smentisce quanto dichiarato da Silvio Berlusconi poche ore dopo l’arresto di Dell’Utri avvenuto a Beirut lo scorso 12 aprile.

dell'utri

Secondo i magistrati, presieduti da Giacomo Montalbano, il fatto che il fondatore di Forza Italia si trovasse in Libano per scappare dalla sentenza della Cassazione sulla sua condanna per mafia prevista per il 15 aprile, è avvalorato dalle modalità del viaggio. L’ex senatore, infatti, ha scelto di volare a Beirut non da Milano, città nella quale risiede, bensì da Parigi, dimostrando così, per i giudici, la volontà di “eludere, in territorio nazionale, le procedure di controllo di passaporti cui sarebbe stato sottoposto se avesse utilizzato il volo Milano-Beirut trattandosi di rotta esterna all’area Schengen”.

Il Tribunale del Riesame, inoltre, considera del tutto “irrilevante” il fatto, sottolineato dai legali di Dell’Utri, che in Libano l’ex senatore avesse continuato ad usare il cellulare e la carta di credito permettendo così la sua localizzazione. Ciò che appare invece rilevante agli occhi dei giudici è la consistenza del bagaglio di Dell’Utri (due valigie per più di 50 chili di peso) e l’ingente somma sequestrata (circa 30.000 euro).

Ora l’ex senatore si trova a Beirut ricoverato in ospedale e vi resterà, data la sentenza del Riesame, fino al 9 maggio, data in cui la Cassazione dovrà pronunciarsi sulla sua condanna. Intanto l’11 maggio scade il limite massimo per l’estradizione, fissato dalla legge libanese in trenta giorni.

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento