•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 14 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Italia del rugby sconfitta, gli inglesi la vogliono escludere dal 6 nazioni

6nazioni

L’Italia della palla ovale esce con la coda fra le gambe dal leggendario stadio di Twickenham casa della nazionale inglese di rugby. Gli azzurri scendono in campo e sono i padroni del gioco per il primo quarto d’ora, ma gli inglesi voltano faccia e dominano fino al 47 a 17 finale dando l’assist per il prosieguo della polemica imbastita dal Times sulla presenza dell’Italia al 6 Nazioni.

Italia avanti per 12 incredibili minuti

Le tre mete messe a segno da Parisse – capitano e autore della prima meta azzurra al quinto minuto – non bastano di fronte ad un’Inghilterra che si candida al trofeo del 6 Nazioni dopo una simile prestazioni. Certo la buona partenza ed il cuore messo in campo dall’Italia ci fanno evitare una figuraccia di proporzioni epiche, ma da qui a dire che gli azzurri se la sono giocata ci passa un oceano. Pochi errori – un paio di touche – e spazi concessi per i primi dodici minuti, poi l’episodio che cambia il volto del match: Brown impatta di faccia contro la spalla di un Masi in corsa verso quella che sarebbe stata la seconda, e bellissima, meta per l’Italia. Brown rimane esanime a terra per una decina di minuti abbondanti e deve essere portato fuori dal terreno di gioco in barella. L’Italia incassa la pausa e perde la dovuta concentrazione; da quel punto in avanti gli inglesi, complici anche quattro sostituzioni, si trasformano e dominano la partita.

Sei-Nazioni-rugby

Troppi errori

Dai calci piazzati perennemente a vuoto di Haimona alle incredibili praterie lasciate al velocissimo Joseph passando per una colossale dormita in difesa dopo una mischia. Ecco gli errori che l’Italia non doveva fare e che vengono puntualmente sfruttati dagli inglesi. La partita ormai ha preso una direzione ben precisa e a nulla valgono gli sforzi ed il cuore Morisi che mette a segno la terza meta azzurra.

La polemica: Italia fuori dal 6 Nazioni

Sicuramente gli inglesi avranno ben da gongolare visto che, prima del match, il Times aveva lanciato una polemica riguardo la presenza di una squadra cuscinetto come l’Italia all’interno del 6 Nazioni. “Quanti anni ancora passeranno prima che gli organizzatori del Torneo comincino a dubitare dell’opportunità di riservare un posto agli azzurri? – infieriscono i giornalisti inglesi – Lo dice il ranking internazionale: Georgia e Romania sono sul loro stesso piano. Si potrebbe pensare a un secondo raggruppamento, con un relativo sistema di promozione-retrocessione…” Gli inglesi non si limitano alla polemica sterile, ma portano a supporto della propria tesi dei dati sconfortanti per l’Italrugby: “L’Italia ha undici dei primi quindici giocatori con all’attivo il maggior numero di sconfitte internazionali. E a capeggiare la lista, quattro in campo oggi: Bortolami con 80, Parisse e Castrogiovanni con 78 e Mauro Bergamasco con 70. La combattività non basta. L’Italia non può continuare, scrive il giornale inglese, a inanellare queste serie di pesanti batoste sistematicamente tra febbraio e marzo senza che gli organizzatori non pongono la necessità di avere nel torneo una squadra competitiva con le altre”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da: