•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 30 aprile, 2014

articolo scritto da:

La banana antirazzista? Tutta una trovata pubblicitaria!

L’episodio della banana lanciata in campo da alcuni tifosi razzisti, raccolta e mangiata con gusto da Dani Alves, si tinge di… giallo.

L’immagine ha fatto il giro del mondo in meno di 24h ed il morso alla banana antirazzista ha contagiato ogni personaggio famoso. Il primo ad essersi attivato è stato il talento brasiliano Neymar, ma, a quanto pare, la campagna mediatica era già pronta da tempo. Secondo quanto rivelato dal vice presidente dell’agenzia di marketing Ludocca, che gestisce l’immagine di Neymar, “La campagna era già pronta da due settimane e si attendeva solamente il momento giusto per lanciarla”. L’increscioso episodio capitato a Dani Alves si è quindi immediatamente trasformato in una rampa di lancio di quelle da leccarsi i baffi, e la Ludocca non si è di certo lasciata sfuggire l’occasione.

Neymar-bananas

Le migliaia di tifosi che avevano accolto con un applauso la trovata di Neymar, accompagnata dall’ormai celebre hastag #SomosTodosMacacos, sono rimasti delusi ed amareggiati dopo essere venuti a conoscenza dell’episodio poiché l’attaccante blaugrana avrebbe sfruttato l’antirazzismo per intascare del denaro. Inoltre, stranamente, per stampare le migliaia di magliette riportanti l’hastag antirazzista, sarebbero bastate pochissime ore, visto che dopo nemmeno mezza giornata si potevano trovare in vendita su internet per circa 25 €. I tifosi brasiliani sono arrivati addirittura a credere che Neymar non sia realmente solidale con l’amico e compagno Dani Alves, ma che sia solo interessato alla vile pecunia; come dar loro torto?

renzi-banana

Sorgono anche dei dubbi sull’estraneità ai fatti di Dani Alves che, però, dichiara: “Con Neymar ne avevamo parlato perché avevamo già subito atti del genere e lui ne soffriva. Quindi abbiamo cercato di capire cosa potesse spingere le persone a comportamenti di questo tipo. Per noi due, e non solo per noi, il calcio dovrebbe essere soprattutto divertimento. Ma non c’è nessuna campagna dietro, la mia reazione è stata spontanea”.

Chissà se tutti i VIPS che si sono messi in posa con la banana troveranno trascurabile l’idea di aver seguito un trend dal messaggio così profondo solo per far intascare denaro a Neymar? Intanto i tifosi hanno lanciato un altro hastag su twitter: #NaoSomosTodosOtarios (non siamo tutti stupidi).

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

6 Commenti

  1. Stefano Galatolo ha scritto:

    GOMPLOTTOOOO!!!!11

  2. Lucia Locatelli ha scritto:

    Anche se non fosse stata premeditata ora conviene almeno ai commercianti di banane. È il rovescio della medaglia, che lo vogliamo o no

  3. Marco Pesce ha scritto:

    Questo ragazzo mi sembra lo stesso che gira su fb con il gatto torturato ..quindi bufalone

  4. G.b. Perazzo ha scritto:

    le banane di quella qualità rischiano l’ estinzione…..

  5. Giampiero Censorii ha scritto:

    …allora il tifoso espulso a vita dai campi di gioco, rientrerebbe nellla trovata pubblicitaria?

  6. Mimmo Ciavarella ha scritto:

    Al derby di Milano butteró un Libro…

Lascia un commento