•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 30 aprile, 2014

articolo scritto da:

Renzi: nel 2013 M5S più forte. Ma alle europee vinciamo noi

Matteo Renzi, l’uomo nuovo del centro sinistra italiano. Intervistato presso Porta a Porta e da Radio Montecarlo racconta i prossimi traguardi da raggiungere. Facendo anche autocritica.

“Nel 2013 non fummo il primo partito. Vinse il Movimento 5 Stelle allora”. E’ il primo ad ammetterlo nel Partito Democratico, Matteo Renzi. Stavolta, però, promette una sinfonia diversa, puntando su uno sfondamento al centro del Pd: “scommetto che questa volta i risultati saranno diversi. Per i 5 Stelle dire ‘vinciamo noi’ è training autogeno”. Quindi le osservazioni su Grillo: “rispetto il M5S, ho grande rispetto per chi vuole votare Grillo. Ma votare Grillo è come abbaiare alla luna. Mentre qui dobbiamo cambiare l’Italia. Abbiamo bisogno di gente competente, non che fa show”, rievocando i passati dell’ex comico genovese che, secondo molte forze politiche, continua i suoi show mascherandoli da iniziative politiche.

Renzi ha un obiettivo: cambiare. Cambiare tutto se necessario. “Il nemico è chi non vuole cambiare – afferma – e ce ne sono a sinistra come a destra. Non è un problema di Pd o di Forza Italia, io voglio aiutare l’Italia a diventare un Paese diverso, con meno posti per la politica”. Quindi difende gli 80 euro in busta paga che dovrebbero arrivare a maggio: “contesto che qualcuno pensi che 80 euro non servano a niente. A Grillo dico che 80 euro non son niente per lui ma per una persona che non arriva alla fine del mese fanno la differenza, anche in termini di dignità”, difendendo poi la candidata Pd al Parlamento Europeo Pina Picerno al centro delle polemiche per le parole sulla spesa di due settimane: “Pina vive da sola: una famiglia non ci fa la spesa con 80 euro”.

renzi irpef

Ed il cambiamento passa anche per le riforme strutturali: “quella del Senato si voterà il 10 giugno in aula”, afferma Renzi a Porta a Porta. Oggi quella sulla Pubblica Amministrazione. Ed entra nello specifico: “dare a tutti un pin. Il pin vuol dire mai più code per un certificato e non pagare più in un certo modo la bolletta”. Poi sarà caccia ai fannulloni: “servono dirigenti che facciano i dirigenti, non è possibile poi che il premio di produzione aumenti con l’indennità e a prescindere dai risultati e dalla situazione del Paese. Se il Paese va male, anche i dirigenti devono stringere la cinghia. L’obiettivo è beccare i fannulloni e farli smettere e valorizzare i tanti non fannulloni incentivando gli scatti di carriera e magari lo stipendio”. Sugli esuberi nella PA, infine, Renzi calma le acque: “Non faccio gli esuberi del povero dipendente, nessuno verrà licenziato perché il governo ha da tagliare. I dipendenti non li dobbiamo far lavorare di meno, ma di più”.

L’incontro con il numero uno di Blackrock – Il premier Matteo Renzi, secondo alcune fonti attendibili, avrebbe incontrato domenica sera Larry Fink, numero uno di Blackrock, il più grande fondo di risparmio del mondo. Stando a quanto trapelato Flik avrebbe promosso gli interventi attuati da Renzi: “L’Italia è un’opportunità di investimento. Il Paese sta cambiando in modo positivo e la discontinuità che si sta concretizzando, anche a livello politico, è utile e necessaria per il futuro del nostro Paese”.

Daniele Errera

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

14 Commenti

  1. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Bravo Matteo!

  2. Franco Gulino ha scritto:

    Dopo la sentenza della Corte di Cassazione, n. 8878/14 del 4 aprile 2014, che cosa vuoi cambiare IDIOTA, questo parlamento non è legittimato a fare nulla!

  3. Matteo Busoni ha scritto:

    Ahahahhahahaha! Credici dai!

  4. Massimo Dannazione ha scritto:

    Franco Gulino è per questo allora che i pentastellati non fanno niente?

  5. Davide Di Giorgio ha scritto:

    ma questo fa concorrenza alla picerno?hahahahahahahh chissa dei 2 chi e il comico

  6. Gloria Moretto ha scritto:

    grullino statte zitto gufo

  7. Matteo Busoni ha scritto:

    Rilassati gloria, parlo quanto mi pare!

  8. Elisa Agostini ha scritto:

    Dai che ce la facciamo…

  9. Geggino De Defaultis ha scritto:

    i piddini ci credono, eco bravi credeteci poi il 25 vi faccimo la festa!

  10. Salvatore Caputo ha scritto:

    Realisticamente credo che sarà così…sondaggi a parte credo che trentino e sardegna abbiano dato un’idea. Penso che Renzi stia facendo quel che può in una situazione e con una maggioranza nn facile da gestire.

  11. Adriano Bacherini ha scritto:

    E i piddini zitti su questa porcheria della RAI… Ovviamente

  12. Alex Hanneman Campana ha scritto:

    Vai Matteo, concludi alla grande con questo bel colpo di stato! Vaiiii!!!

  13. Antonio Campanella ha scritto:

    dai commenti..dei grillinigurucasaleggioassociati..sono sempre piu’ convinto che sono psicolabili..pecore portate al pascolo da un pagliaccio..

  14. CostantinoPirisi ha scritto:

    Renzi spieghi agli italiani e chieda a Napolitano come mai se il M5S alle politiche 2013 è risultato primo partito non abbia avuto da Napolitano l’incarico a formare il governo e poi come mai ci sia lui che oltre ad aver perso le elezioni (come ammette) non è stato votato da nessuno.

Lascia un commento