•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 7 marzo, 2015

articolo scritto da:

Il mantra di Landini: “Renzi non eletto dal popolo. Pronti al referendum sul Jobs Act”

landini

Entrato il vigore il Jobs Act, il leader della Fiom, Maurizio Landini, non sembra rassegnarsi: “Metteremo a punto una proposta di legge di iniziativa popolare per estendere lo statuto dei lavoratori e stiamo ragionando di arrivare anche a referendum abrogativi: le leggi in questo Paese o le cambia il Parlamento o le possono cambiare i cittadini abrogandole quando sono sbagliate”. “Per noi – ha spiegato Landini, nell’ambito di un’assemblea dei lavoratori della Selex Es di Genova – rimettere al centro il lavoro vuol dire avere un’altra idea di giustizia sociale e di politica industriale ed economica. Questo governo – ha sottolineato, ricorrendo ad uno dei suoi mantra – non è stato eletto dal popolo e nessuno ha mai dato a Renzi mandato per cambiare l’articolo 18”. Con buona pace della Costituzione, che ovviamente non prevede l’elezione diretta del Presidente del Consiglio: nel sistema italiano, come è noto, il popolo elegge il Parlamento e vota i partiti. “Sono convinto – rincara la dose Landini – che chi lavora, è giovane ed è precario non è d’accordo con le politiche di questo governo e noi vogliamo dare voce alla maggioranza di questo Paese”. Dichiarazione più mite rispetto alla sortita del novembre scorso, in cui il segretario del sindacato dei metalmeccanici aveva affermato – per poi scusarsi – che il governo Renzi non godrebbe del consenso delle persone oneste.

landini

Landini: “Renzi non parli solo con Confindustria”

“Il governo – ha proseguito Landini – non può parlare solo con Confindustria e con le imprese ma anche con coloro che tengono in piedi le imprese e fanno girare questo paese, cioè i lavoratori e le lavoratrici”. “Noi abbiamo l’ambizione di rappresentare un’idea diversa di come far funzionare questo paese e di indicare delle soluzioni e delle strade. Quindi – ha concluso – è utile che il governo affronti ed entri nel merito delle cose che stiamo proponendo”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

18 comments
Alessandro Carrega Dal Pozzo
Alessandro Carrega Dal Pozzo

ma vai tu a farti eleggere dal popolo, comunista fallito!Impara da Fidel e Chavez.Quanto peggio, tanto meglio, vale ancora!

Francesco Pruneddu
Francesco Pruneddu

Sta parlando un arcaico fuori tempo se si candidasse è roba da zero virgolaaaaaaaaaaaaaa

Davide Bolli
Davide Bolli

E pensare che è presidente dell consiglio grazie a loro

Mario Pieraccini
Mario Pieraccini

è vero che non è stato eletto dal popolo, quindi da chi è autorizzato a far stare male il popolo che non lo accetta? ci metta la faccia chi è stato....

Riccardo Bottegal
Riccardo Bottegal

non è che sparare cagate populiste sia essere comprensibile

Marco Corvi
Marco Corvi

Perché Renzi è stato eletto? Cosa c'è da discutere?

Roberto Martini
Roberto Martini

é un ignorante. In Italia non è il popolo che elegge il Premier.

Domenico Zedh Tedeschi
Domenico Zedh Tedeschi

Qualcuno dica a Landini o gli riferisca quanto segue: La Costituzione italiana non prevede che il presidente del Consiglio sia "eletto", ma che (articolo 92) riceva l’incarico di formare il nuovo governo dal presidente della Repubblica, in seguito alle consultazioni con i vertici dello Stato e con i rappresentanti delle forze politiche. Quindi non necessariamente deve essere un membro del parlamento.