•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 8 marzo, 2015

articolo scritto da:

Marino: “Basta case del Comune date gratis a Roma”

La pacchia a Roma è finita. Il Comune non darà più case gratis. “Nelle prossime settimane metteremo mano, una volta per tutte, dalla prima all’ultima concessione. Fino al 2013 nessuno si era mai scandalizzato del perchè il patrimonio comunale fruttasse così poco. Nessuno si era interrogato su quanti immobili poteva contare il Campidoglio, quanti erano i morosi, quanti immobili – tantissimi – erano e sono dati in concessione gratuita” assicura il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in un’intervista in prima pagina sul Tempo.

Roma, Marino: “Il Comune possiede 56 mila immobili”

Il sindaco della Capitale spiega che quando è arrivato, nel 2013, ha scoperto che “non esisteva un database con l’elenco delle case e dei locali comunali. Non c’era! In archivio era una confusione pazzesca. Rimasi senza parole e quando abbiamo iniziato ad avere un primo quadro della situazione ci siamo accorti che una grande parte del patrimonio immobiliare del Campidoglio effettivamente era data in concessione gratuita”. “Ora – spiega il sindaco – sappiamo tutto quello che possediamo: siamo nell’ordine di circa 56 mila immobili”. Nessuno avrà più il patrimonio gratis, chi ha una pizzeria in un locale del comune pagherà il valore di mercato, chi raccoglie sangue per i bambini avrà lo sconto dell’80%. “Poi – aggiunge – ci sono le vicende delle associazioni e dei partiti sulle quali vogliamo comunque mettere le mani perchè le cose non possono restare come sono ora”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Luisa Bacocchia ha scritto:

    ora passata

Lascia un commento