•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 20 marzo, 2015

articolo scritto da:

Lega, Salvini contro Alfano ed Ncd nel giorno delle dimissioni di Lupi

lega salvini berlusconi forza italia

Il rapporto tra la Lega ed NCD è stato sempre conflittuale. Oggi, nel giorno delle dimissioni del ministro Lupi, va in scena una nuova puntata. “Un’Opa su Ncd? Non siamo al mercato, non cerco gente. Il mio è un progetto politico. Ci sono diversi esponenti in uscita da Ncd che credono nel nostro progetto. Se ci credono davvero e si sono resi conto che Alfano è un nulla, sono pronto a ragionare con chiunque”. Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini, contattato telefonicamente dall’ANSA.

Salvini “Da Alfano squallore politico”

Da parte di Alfano c’è stato squallore politico e umano. Non è il primo caso per cui la sua poltrona viene prima di tutto il resto. Mi stupisco che una persona così guidi ancora il suo partito”. Questo l’affondo del leader della Lega Matteo Salvini. “Chiusa la partita Lupi – aggiunge Salvini -, nessuno mi toglie il dubbio che ci sia la regia di Renzi per prendersi il ministero. Da Alfano aspettiamo da più di tre mesi una risposta sulla gestione sul centro immigrati di Mineo e se uno tace o è distratto o vuole nascondere qualcosa. Conto che il prossimo ministro a dimettersi si chiami Angelino”.

 

Lega, procedimento unico Bossi e Belsito

Il gup Massimo Cusatti ha riunito il procedimento nei confronti di Bossi e Belsito, con altri tre esponenti del Carroccio, Stefano Aldovisi, Diego Sanavio e Antonio Turci, con quello nei confronti di Stefano Bonet e Paolo Scala, accusati di riciclaggio. L’udienza è stata rinviata al prossimo 17 aprile. L’indagine nei confronti di Scala e Bonet riguarda il presunto riciclaggio di 5,7 milioni che Belsito (ex tesoriere del Carroccio) avrebbe usato per investimenti e diamanti a Cipro e in Tanzania.

bossi2

L’inchiesta su Bossi e Belsito riguarda l’uso improprio di soldi pubblici, circa 40 milioni di euro, per scopi personali. Il periodo preso in considerazione dagli inquirenti va dal 2008 al 2010. I cinque sono accusati di truffa ai danni dello Stato perchè, si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, “in concorso tra loro con artifici e raggiri, traendo in inganno i revisori pubblici nominati dei presidenti di Camera e Senato deputati al controllo di regolarità di tale rendiconto e traendo in inganno gli stessi presidenti che disponevano la liquidazione dei rimborsi, ottenevano la somma di circa 40 milioni di euro”.

“Non ho più nulla a che fare con la politica, ma non per colpa mia, per qualcuno che ha deciso di creare queste ombre molto pesanti” ha detto l’ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito al termine dell’udienza preliminare per l’inchiesta sull’appropriazione dei rimborsi elettorali, circa 40 milioni di euro, usati per fini personali. “Adesso non ho proprio lo stimolo, sono ancora un pò deluso da quello che è successo. La politica ultimamente ha parecchie difficoltà, diciamo che le cose non chiare possono portare scontento ma se le cose vengono chiarite e verrà fuori una sentenza positiva come noi ci aspettiamo, immagino che tutto si possa risolvere”,ha osservato. “Non c’è stata nessuna truffa allo Stato. Siamo sicuri di poterlo dire”, ha concluso.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Giampiero Censorii
Giampiero Censorii

Toni eccessivi? questi due alle prossime elezioni staranno ancora insieme, scommettiamo?