•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 24 marzo, 2015

articolo scritto da:

Elezioni comunali, Guerini (PD) “A Milano bisogna aprire fase nuova” E c’è chi pensa ad Andrea Guerra ex Luxottica

media sondaggi pd crolla

Nonostante manchi più di un anno alle elezioni comunali di Milano grande è l’attenzione del Pd alla fase del dopo Pisapia.

Ne parla in un’intervista a Repubblica il vicesegretario del Partito Democratico Lorenzo Guerini: “A Milano bisogna aprire una fase nuova, e ne abbiamo anche parlato più volte. È un atto di generosità nei confronti della politica. Giuliano per noi resta un punto di riferimento importantissimo per il centrosinistra milanese e lombardo. Io auspico che il suo contributo continui a essere molto forte”.

Pd, Guerini: “Non chiuderci nel recinto della politica”

Guerini oltre a commentare la scelta del sindaco di Milano Giuliano Pisapia di non ricandidarsi per la guida della città aggiunge: “Ora dobbiamo impegnarci a portare avanti il programma che lui ha cominciato a realizzare in questi cinque anni” e “muoverci con intelligenza senza chiuderci nel recinto della politica, per costruire una candidatura che raccolga il consenso più ampio”.

Primarie “Strumento principe”

“Non credo affatto che ci sia l’esigenza di un’esposizione muscolare da parte del mio partito. Ci mettiamo disposizione di un progetto, non vogliamo essere autosufficienti, sarebbe assolutamente sbagliato”. Le primarie “per noi restano lo strumento principe per individuare i candidati sindaci, e non solo quelli. Con quali modalità si terranno, lo decideranno i milanesi del Pd e della coalizione”. Salvini avversario ideale? “Noi vogliamo aprire Milano al futuro, la Lega sa solo predicare le chiusure”.

La carta a sorpresa del Pd

Superando i tanti nomi che circolano per il dopo Pisapia nel centrosinistra di cui abbiamo dato in questo nostro articolo la vera carta a sorpresa del Pd di Renzi per la successione a Palazzo Marino potrebbe portare al nome di Andrea Guerra.

guerra e renzi pd elezioni comunali milano

L’ex manager di Luxottica già collabora con il Governo Renzi ma potrebbero essere le elezioni amministrative di Milano il vero trampolino di lancio per il manager prestato alla politica che godrebbe del pieno ed incondizionato sostegno dello stato maggiore del Pd, a partire dal segretario in carica Matteo Renzi che più volte ha speso parole di elogio verso Andrea Guerra.

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

5 Commenti

  1. Riccardo Bottegal ha scritto:

    hai prove che Guerra sia un criminale? altrimenti sei a rischio diffamazione

  2. Maurizio Motta ha scritto:

    Andrea Guerra: «Le radici
    di Luxottica sono in Italia
    ma il futuro è in Turchia,
    Brasile, Messico, India e Cina»
    Direi che come candidato di quello che dovrebbe essere il partito di sinistra e dei lavoratori direi che è quello giusto .. (Ah, sono sarcastico se non si era capito)…

  3. Wild Rover ha scritto:

    non mi riferivo a guerra ma in generale ne arrestano 3 al giorno. addirittura diffamazione mamma mia. Cmq. guerra nn so chi sia e manco mi interessa. mi basta guardare il partito per non votare ci mette la sua faccia di fianco

  4. David Bianchi ha scritto:

    Hanno sempre perso in questo modo. Risappia veniva dalla sinistra radicale e Dalla Chiesa, che arrivo’ vicino a vincere, pure. I candidati di centro invece arrivarono sempre molto lontani dalla vittoria.

  5. Toti Liaci ha scritto:

    Guerra chi? Quello di Luxottica che apre due fabriche in Cina, una in India e poi ci vende i Ray-Ban come Made in Italy?

Lascia un commento