•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 8 aprile, 2015

articolo scritto da:

Isis, Yarmouk: invaso il campo profughi

ISIS controlla Yarmouk

Isis, Yarmouk: nonostante le notizie dei giorni scorsi, che sembravano confermare una ritirata dei militanti dell’Isis dal campo profughi di Yarmouk, si apprende, da fonti ufficiali delle Nazioni Unite, che i guerriglieri del Califfato avrebbero conquistato il novanta per cento del campo.

Le dichiarazioni dell’UNRWA

Il Commissario Generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione (UNRWA) per i Rifugiati Palestinesi, Pierre Krähenbühl, ha dichiarato che i civili intrappolati nel campo profughi di Yarmouk, pochi chilometri a sud di Damasco, sono “più disperati che mai, la situazione si è capovolta. In questo momento è semplicemente troppo pericoloso entrare a Yarmouk”. In questo modo avrebbe descritto la situazione del campo profughi, aggiungendo che “in questo momento, ciò che affolla la mente degli abitanti di Yarmouk è la mera sopravvivenza”.

isis yarmouk

Queste dichiarazioni si aggiungono a quelle di un altro portavoce dell’UNRWA, Chris Gunness, il quale, lunedì 6 aprile, descriveva la situazione di uno dei più vasti campi profughi del Medio Oriente come “oltre il disumano”.

I combattimenti

Sebbene le notizie che giungono da Yarmouk siano frammentarie e spesso confuse, appare chiara la portata del disastro umanitario imminente. Se in un primo momento i miliziani del Califfato si erano scontrati con il gruppo armato palestinese Aknaf Beit al-Maqdis, vicino ad Hamas, e taluni gruppi ribelli siriani, pare che lunedì le forze governative di Assad, spaventate dalla possibilità che lo Stato Islamico possa arrivare a Damasco, avrebbero cominciato a bombardare il campo profughi.

Poco chiara appare anche la posizione del Fronte al-Nusra, che pareva essersi alleato con i miliziani dell’Isis, ma che sino ad ora si è dichiarato neutrale, essendo apparentemente più interessato a conquistare terreno al nord contro le forze governative.

Il blocco agli aiuti umanitari

Nel frattempo, la popolazione rimasta a Yarmouk si trova costretta a soffrire condizioni di vita inenarrabili, senza peraltro poter fuggire dal campo profughi. I guerriglieri del Califfato, infatti, pattugliano i confini di quel novanta per cento dell’area che testimoni ritengono essere caduta nelle mani delle bandiere nere dell’Isis, impedendo il passaggio di qualsiasi aiuto umanitario.

isis yarmoukLe evacuazioni di civili e il bilancio attuale

Domenica, un centinaio di rifugiati sarebbero stati evacuati dal campo di Yarmouk per trovare rifugio a Damasco. L’Independent, testata giornalistica britannica, riferisce che circa 2000 rifugiati sarebbero riusciti a fuggire da quando il campo profughi è stato invaso dai miliziani. Fonti giornalistiche riferiscono di 26 morti dallo scorso mercoledì, ma, stando a fonti mediche, il bilancio potrebbe essere ben più grave. Alcuni testimoni hanno riferito che i miliziani avrebbero cominciato a decapitare i prigionieri.

Le richieste di un “cessate il fuoco”

L’UNRWA ha auspicato un “cessate il fuoco” generalizzato e il rispetto del diritto internazionale di guerra, in particolar modo con riguardo alla protezione dei civili, nonché, soprattutto, l’accesso di aiuti umanitari a Yarmouk e la possibilità di procedere ad una evacuazione dei civili rimasti senza ulteriori spargimenti di sangue. Le richieste sono state reiterate dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Zakaria al-Agha, esponente dell’Organizzazione per la Liberazione della Pelstina (OLP), ha riferito, durante una conferenza stampa a Gaza, di colloqui tra la Mezzaluna Rossa e l’ONU al fine di trovare una soluzione per poter evacuare i civili dal campo profughi. Si apprende, inoltre, che il Presidente Palestinese Mahmoud Abbas sta cercando il sostegno di altri paesi arabi e di agenzie internazionali allo stesso fine.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento