•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 10 aprile, 2015

articolo scritto da:

Tribunale Milano, Antonio Di Pietro denuncia “Palazzo è un colabrodo, una Torre di Babele”

Tribunale Milano, dopo la sparatoria in cui hanno perso la vita tre persone non si placano le polemiche sulla sicurezza.

Antonio Di Pietro, già nel pool di Mani Pulite, conosce bene il Tribunale di Milano dove è avvenuto il gravissimo fatto di cronaca. Il suo è un giudizio netto: “Quella è una Torre di Babele, una città nella città, non sono mai riuscito a girarla per bene e a conoscerla tutta… Ma proprio perchè è la super cittadella della giustizia doveva essere difesa e tutelata non solo formalmente e non solo dal giorno dopo, come avverrà da domani”.

tribunale milano

Tribunale Milano, Di Pietro “Sicurezza fa acqua”

In un’intervistato a Repubblica, Antonio Di Pietro torna così sulla strage. Tribunale Milano? “Sono tornato di recente, mi ha impressionato il via vai di persone, soprattutto nell’ingresso riservato in cui basta esibire un tesserino per entrare, in cui non ci sono controlli”.

“A Milano pure un tesserino della Esselunga può bastare per entrare”. “La logistica e l’organizzazione della sicurezza fanno acqua. Qui stiamo parlando del palazzo in cui ci sono i processi più delicati e importanti d’Italia”.

tribunale milano colabrodo

Ricorda poi i tempi di Tangentopoli di cui Di Pietro dice: “noi giravamo tutelati dalla scorta personale, ma quel 29 aprile del ’94, in pieno processo Enimont, fu trovata in aula una bomba a mano tipo Rscm”. “La bomba era inerte, però fu messa lì per avvertire, anche se non per fare male, era un chiaro segnale contro le indagini su corruzione e mafia. Già allora il palazzo era un colabrodo, era possibile entrare e lasciare una bomba”.

Tribunale Milano, udienze sospese

Dalle 11,00 alle 11.30 oggi, Venerdì 10 Aprile, saranno sospese le udienze per commemorare le vittime.

Sabelli (ANM): “Gravi falle in sicurezza”

Il presidente dell’Anm (Associazione nazionale magistrati), Rodolfo Maria Sabelli, ha apprezzato le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale, a proposito della sparatoria al Tribunale di Milano, che ha causato tre morti e due feriti, “ha posto il tema del disagio” in cui versano gli operatori della giustizia, “in un momento di forte tensione”, derivante anche dalla crisi. Cosi Sabelli, intervenendo a ‘Radio anch’io’.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

8 Commenti

  1. Danilo Cazzaro ha scritto:

    Il rischio aggressione oltre ad essere valutato va gestito dal datore di lavoro. Il questo caso identificabile con il presidente del tribunale o suo delegato. Visto quanto capitato dovrebbero essere indagati per omicidio colposo plurimo. Capiterà??

  2. Liliana Gianni ha scritto:

    Bla bla..

  3. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Tonino non essere cinico!!!!

  4. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Cazzaro sei di nome, ….. ma anche di fatto!!!

  5. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Hai ragione dopo il fatto titti blaterano,sembra che non si vedesse l’ora che succedesse per fare tutti i bla,bla indecenti che sentiamo!!!

  6. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    La politica etica la fa questo guappetto chiacchirone che fa risalire tutte le responsabilita’, di quello che capita nel paese, a Renzi e al suo governo, da quel parassita che è! !!

  7. Dialogo Dialamicten ha scritto:

    Di Pietro sarebbe un ottimo presidente per “una Torre di Babele”…oltre alla sterile polemica, cosa sa dire..fare?! cosa ha fatto?!

  8. Filippo Minacapilli ha scritto:

    Di chi e’ la colpa?

Lascia un commento