•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 27 aprile, 2015

articolo scritto da:

Italicum, Toni Matarrelli di Sel: il voto a favore che non ti aspetti

Eccola una delle prime sorprese sul dibattuto voto dell’Italicum di cui domani presso l’Aula della Camera si inizieranno a votare le pregiudiziali.

Lo strappo arriva dal deputato pugliese di Sel Toni Matarrelli che argomenta la sua decisione scrivendo un lungo post su Facebook.

votero italicum lo strappo del deputato sel matarrelli

Il testo della nota di Matarrelli pro Italicum

Scrivo questa dichiarazione al termine di una riflessione ponderata e durata molte settimane. Una delle prime necessità, avvertite dalla nostra funzione parlamentare ma anche variamente sollecitate dagli interventi dei Presidenti della Repubblica, è stata quella di procedere al varo della riforma della legge elettorale, per superare il discusso Porcellum e consentire a Parlamento e Governo di lavorare in piena agibilità. Le esigenze da tenere in massimo conto erano fondamentali premesse da cui muovere: confermare il sistema maggioritario, introdotto dal referendum del ’93 e poi confermato; far sì che il voto espresso dall’elettore garantisse una maggioranza certa; assicurare adeguata rappresentanza all’intero elettorato. Dopo le profonde modifiche operate al Senato, il testo della legge attualmente in discussione (il cosiddetto Italicum) sembra rispondere con sufficiente pienezza a quelle esigenze, così risultando ragionevolmente equilibrato per favorire il principio della governabilità senza arrecare danno a quello della rappresentatività. Su alcuni punti in particolare, senza approfondirne i tecnicismi, è lecito manifestare soddisfazione: la soglia per ottenere il premio di maggioranza è stata innalzata al 40%; la soglia per accedere alla rappresentanza parlamentare è stata fissata al 3%, tra le più basse del mondo occidentale; è stata introdotta una norma per tutelare la differenza di genere nella compilazione delle liste; è previsto il ballottaggio nel caso in cui nessuna lista raggiungesse il 40% dei consensi; a fronte dei soli capilista bloccati, è stato introdotto il meccanismo delle preferenze. In ragione di queste considerazioni, ritengo utile votare favorevolmente al testo della nuova legge elettorale posta all’esame della Camera.

sel matarrelli si a italicum

La firma alla nota è del deputato di Sinistra Ecologia e Libertà Toni Matarelli

Dallo “stalinismo di ritorno” al si all’Italicum

Nel suo ultimo tweet del 26 Gennaio 2014, quindi molti mesi fa, Matarrelli attaccava lo “stalinismo di ritorno” in riferimento al dibattito in corso nel congresso di Sel. Premonizione o segni del destino?

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

31 Commenti

  1. Walter Tizzano ha scritto:

    magari anche la minoranza minorata del PD si ravvede, anche se la vedo dura

  2. Adolfo Valenti ha scritto:

    La sinistra che capisce e la sinistra che ragiona. Per gli altri… interessi che non riguardano cittadini e paese…celati da ideali democratici sempre disattesi…proprio da tanti di loro.

  3. Francesco Dimino ha scritto:

    Idiota

  4. Pasquale De Maria ha scritto:

    O,MME E MERDA

  5. Giorgio Graffieti ha scritto:

    quindi la libertà di agire senza vincolo di mandato per lui non vale?

  6. Giorgio Graffieti ha scritto:

    gli esimi costituzionalisti de ‘noantri che imperversano su FB ci diranno che la libertà di agire senza vincolo di mandato per lui non vale.

  7. Carmine Noviello ha scritto:

    selocomelaidsseloconosciloeviti

  8. Marco Delfino Nicodemi ha scritto:

    Voltagabbana,e non è il primo

  9. Carlo Sottile ha scritto:

    bene e la volta buona che sel dopo accordo per il governo non scappa

  10. Emanuela Tione ha scritto:

    eccone un altro che ingrosserà le fila del pd… prima delle elezioni

  11. Michele Paolillo ha scritto:

    Tutti sul carro del buffone….

  12. Antonello Mura ha scritto:

    Vergognoso

  13. Silvestro Trovato ha scritto:

    sono troppi attaccati alla poltrona, alla faccia degli elettori di SEL.

  14. Silvestro Trovato ha scritto:

    Dimettiti se non vuoi fare opposizione a questo governo antidemocratico.

  15. Moscardi Fernando ha scritto:

    QUALCOSA SI MUOVE

  16. Manoah Cammarano ha scritto:

    ahahha ma ancora non l’avete capito che è tutto combinato? Se non appoggiano il grande capo Renzi non hanno speranza nella prossima legislatura di entrare in parlamento, quindi parlano e sbraitano e poi lo appoggiano

  17. Roberto Del Monaco ha scritto:

    MISERABILE!

  18. Franco Lupattelli ha scritto:

    Ma bisogna pur mettete le basi per entrare nella sala da pranzo del governo!

  19. Riccardo Demaria ha scritto:

    E’ il secondo di Sel che lo annuncia. Buon segno.

  20. Max Aliverti ha scritto:

    Inaspettato? Sono mesi che se la fa col Pd e non ha mai partecipato alle assemblee di SEL sull’Italicum.Un altro pronto a passare alla corte del buffone fiorentino.Menomale che nei territori sempre più persone escono dal Pd ed in molti si avvicinano a SEL.Tenetevelo pure Matarrelli…

  21. Max Aliverti ha scritto:

    L’altro chi è?

  22. Maria Stella Lo Re ha scritto:

    bravo!

  23. Mariella Garavini ha scritto:

    pronto a calcare le orme diGennaro Migliore.

  24. CosimoGreco ha scritto:

    Ovvero … la marcia, neppure tanto lenta, del “nostro” onorevole verso
    questo PD-blob. Accipicchia: Movimento “A sinistra” –> Rifondazione
    Comunista –> Sinistra ecologia e libertà –> PD-blob?. Olfatto
    sviluppatissimo, zompi riuscitissimi. Si dirà naturalmente che a
    cambiare non è il nostro … son cambiati e/o spariti i partiti! Pura lotta di
    sopravvivenza. 
    Ed Emiliano ringrazia (e promette?).
    Nella sua città Matarrelli appoggia un’alleanza di liste civiche, che raccoglie elementi da SEL alla destra, e osteggia la lista del PD. Ovviamente il politico Matarrelli avrà un’ottima spiegazione del perché appoggia Emiliano alle regionali, ma osteggia il PD alle comunali della sua città. 
    Ma d’altronde … avete mai visto un politico che non abbia una oggettiva e nobile motivazione per qualunque sua scelta? Avete mai sentito un politico che ammetta di essere un voltagabbana? Avete mai sentito un politico che ammetta di fare per prima i suoi interessi e poi quelli della comunità? Forse ne era capace solo qualche politico della Prima Repubblica (ed è tutto dire).
     

    Comunque tranquilli, Matarrelli lo fa per la sua città e per la Comunità tutta. Pensate che bello: lavorebbe per noi nella Camera dei deputati (“traghettato” nel PD?), probabilmente nel/per il governo della regione Puglia, nel Consiglio comunale della sua (e mia) città. Che si stia prendendo troppo sul serio?

  25. Alberto Rilla ha scritto:

    Di che parliamo? Esiste ancora Sel?

  26. Attilio Budano ha scritto:

    Come si può essere così incoerente e opportunista! La prossima volta non sarai eletto….

  27. Filippo Sallemi ha scritto:

    Bel testa di cazzo…ma ormai è assolutamente normale vendersi per pochi spiccioli!

  28. Alfonso Grillo ha scritto:

    lo Scilipoti di SeL.

  29. Fabio Sorte ha scritto:

    Bravo scelta coraggiosa per il bene del paese…..altro che quei BUFFONI che per anni non hanno combinato nulla. VAI RENZI

  30. Mauro Di Vincenzo ha scritto:

    bravo bastardo

  31. Compagno Igor Stefano Turconi ha scritto:

    L’articolo 67 della Costituzione vale per tutti, non c’è vincolo di mandato, anche se a volte dispiace

Lascia un commento