•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 maggio, 2014

articolo scritto da:

L’Ue conferma le previsioni Istat. Allarme disoccupazione

unione europea

Sono state rese note le stime dell’Ue sulla situazione economica italiana che vedono un parziale accordo con quanto già riferito dai dati Istat. Quest’anno “dopo la forte recessione del 2012-13, si prevede una lenta ripresa sostenuta soprattutto dalla domanda esterna”. Secondo la commissione europea, infatti, il Pil dovrebbe segnare lo 0,6% , andando a smentire la previsione contenuta nel Def che stimava una crescita del Pil intorno allo 0,8%.  Le previsioni cambiano per il 2015 quando l’Ue calcola una crescita dell’ 1,2% e l’Istat dell’ 1%.

Quello che preoccupa Bruxelles è il peggioramento delle stime riguardo alla disoccupazione. Dopo il 12,2% del 2013, la disoccupazione quest’anno raggiungerà il 12,8% per poi scendere nel 2015 al 12,5%. Numeri simili anche per l’Istat (12,7% per il 2014) che punta l’attenzione sulla crescita dei senza lavoro di lunga durata, situazione che per molti significa un’esclusione perenne dal mercato del lavoro.

padoan

Resta inoltre elevato l’allarme per quanto riguarda il debito pubblico: nel 2014 si prevede un’impennata del 135,2% del Pil, per poi scendere al 133,9% nel 2015 grazie alla crescita e alle privatizzazioni previste per la seconda parte del 2014. Il Governo, come spiega il ministro dell’economia Padoan, aveva previsto che  “il debito  quest’anno sarebbe aumentato e il prossimo sceso”. Risultano inoltre evidenti segnali di ripresa. Come fatto dall’Istat, anche l’Ue sottolinea che “le famiglie italiane aumenteranno i consumi e consolideranno i risparmi anche grazie al taglio del cuneo fiscale”. La Commissione europea specifica che  il bonus di 80 euro “è probabile abbia un effetto neutrale sulla crescita nel breve periodo, ma potrebbe avere un effetto positivo nel lungo termine se sarà finanziato razionalizzando e migliorando l’efficienza della spesa”.

Il commissario europeo Siim Kallas ha ricordato che la Commissione rimanderà ogni giudizio al 2 giugno, quando verrà pubblicato il parere sul pareggio in bilancio annunciato dall’Italia. E da Bruxelles fanno sapere che le previsioni per il prossimo anno non tengono in conto né la riduzione dell’Irpef né la spendig review poiché “i dettagli non sono ancora stati specificati”.

Nel ricordare che le stime Ue confermano la crescita in Italia, Pier Carlo Padoan, presente ieri a Bruxelles, ha aggiunto:  “le misure richiedono tempo, ma la direzione è giusta e le misure sono giuste; i tempi sappiamo tutti, sia a Roma che a Bruxelles, non sono immediati, ma questo non indebolisce l’importanza delle misure”.

Alessandra Scolaro

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments