•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 2 maggio, 2015

articolo scritto da:

Gaza: Israele responsabile del bombardamento di sette siti dell’ONU

gaza beit hanoun

Lunedì 27 aprile, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha ricevuto il rapporto della commissione di inchiesta su Gaza (diversa da quella commissionata dal Consiglio per i Diritti Umani), riguardante l’offensiva israeliana della scorsa estate, in forma riassuntiva.

Le conclusioni del gruppo di esperti

Il gruppo di esperti, guidato dal generale olandese in pensione Patrick Cammaert, ha ritenuto Israele responsabile del bombardamento di sette siti appartenenti all’ONU, e utilizzati come rifugio da civili palestinesi durante l’operazione militare denominata “Margine Protettivo.

Si stima che i bombardamenti sugli edifici delle Nazioni Unite abbiano causato 44 morti e 227 feriti. Secondo la commissione di inchiesta, si tratterebbe di una grave violazione del diritto internazionale umanitario, che, nell’ipotesi di un attacco militare diretto su una zona ove siano presenti anche civili, impone ai belligeranti di adottare una serie di precauzioni per minimizzare i danni alla popolazione e gli edifici civili.

gaza ban ki moon

La reazione del Segretario Generale dell’ONU

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha condannato duramente gli attacchi riferendosi ad essi come episodi di inaudita gravità. Ban Ki-moon avrebbe dichiarato che le forze israeliane hanno negato ogni speranza ai civili che, nel rifugiarsi all’interno degli stabili dell’ONU, cercavano un riparo dai continui bombardamenti. Ha, inoltre, ribadito l’inviolabilità degli edifici delle Nazioni Unite.

Le comunicazioni tra l’ONU e l’esercito israeliano

Ancora più deprecabile appare il comportamento dell’esercito israeliano se si considera che l’ONU mantiene costantemente un canale di comunicazione con Israele circa la precisa localizzazione dei propri edifici. Comunicazioni che si intensificano in presenza di conflitti armati.

Le critiche alle fazioni armate palestinesi

Le critiche del Segretario Generale, tuttavia, non si sono limitate alla parte israeliana, ma hanno investito anche le fazioni armate palestinesi operanti nella Striscia di Gaza.

Ban si è detto sconcertato dal fatto che gruppi palestinesi abbiano messo a repentaglio gli stabili delle Nazioni Unite, utilizzandoli come depositi di armi.

Tuttavia, ha sottolineato il Segretario Generale, al momento dell’assalto, le tre scuole che in precedenza erano servite come depositi di armi, sono state trovate vuote. Né sarebbero state usate come rifugio da civili palestinesi.

gaza efroni

Le indagini in Israele

La diplomazia israeliana ha cercato invano di far ritardare la pubblicazione del rapporto ad un momento successivo alla conclusione delle indagini avviate dal procuratore generale israeliano, Danny Efroni, circa cinque episodi registrati durante l’offensiva militare sulla Striscia di Gaza. Tra questi, alcuni dei bombardamenti sugli edifici dell’ONU e l’omicidio di quattro bambini palestinesi su una spiaggia nella Striscia di Gaza.

Ban Ki-moon avrebbe assicurato il suo impegno nel garantire che tali episodi non si ripetano più, in concertazione con le parti in conflitto.

L’isolamento di Israele

Il rapporto mette in luce ancora una volta la fragilità della posizione di Israele che si trova ad affrontare un sempre più palpabile isolamento internazionale circa la questione palestinese. Ad aggravare la posizione di Tel Aviv potrebbe contribuire la recente adesione dell’Autorità Nazionale Palestinese allo Statuto della Corte Penale Internazionale, il cui Procuratore, da ormai alcuni mesi, sta portando avanti un esame preliminare sulla situazione in Palestina, onde determinarne l’ammissibilità dinnanzi alla Corte.

Gli episodi più significativi

Tra gli episodi più agghiaccianti investigati dalla commissione di esperti si ricordano il bombardamento di una scuola dell’ONU a Jabaliya, che ha causato 20 morti e dozzine di feriti, e il bombardamento di un’altra scuola delle Nazioni Unite a Beit Hanoun, che ha stroncato la vita di 15 civili palestinesi sul punto di evacuare l’edificio e il ferimento di decine di altri civili.

In entrambi i casi, Israele ha tentato di accampare giustificazioni legate alla presenza di militanti di Hamas nell’area, che avrebbero aperto il fuoco contro l’esercito israeliano. Tuttavia, il materiale analizzato dalla commissione, tra cui referti medici, rilievi fotografici, analisi balistiche, hanno smentito la versione dei fatti israeliana.

gaza jabaliya Le raccomandazioni

Il Segretario dell’ONU avrebbe anche comunicato di aver nominato degli esperti incaricati di valutare le raccomandazioni presentate dalla commissione d’inchiesta, e di chiarire alcuni punti ancora oscuri circa l’andamento dei fatti, come per esempio il contenuto puntuale delle comunicazioni tra le Nazioni Unite e l’esercito israeliano.

La reazione dell’UNRWA

Il portavoce dell’Agenzia dell’ONU per il Soccorso e l’Occupazione (UNRWA), Chris Gunness, avrebbe tuttavia dichiarato che le risultanze della commissione dimostrano che, nonostante la comunicazione delle precise coordinate geografiche dei siti appartenenti all’ONU, l’esercito israeliano si sarebbe reso responsabile dei bombardamenti, mediante l’utilizzo di artiglieria pesante, inclusi missili anti-carro e proiettili altamente esplosivi da 15MM, e che, nonostante le accuse di Israele, l’UNRWA non avrebbe mai fornito armi alle fazioni palestinesi.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Luigi64
Luigi64

L'ONU è il responsabile maggiore delle morti,l'onu ha ospitato e permesso ai miliziani palestinesi lo stoccaggio e il lancio di razzi nei propri locali, contro uno stato componente delle nazioni unite ! Basta con l'ipocrisia del onu ,composta da oltre 50 stati islamici !

Fernando Savorana
Fernando Savorana

Le critiche del Segretario Generale, tuttavia, non si sono limitate alla parte israeliana, ma hanno investito anche le fazioni armate palestinesi operanti nella Striscia di Gaza. Ciò detto la guerra è esecrabile sempre e comunque e nessuno dei due litiganti ha ragione.