•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 maggio, 2015

articolo scritto da:

Approvazione Italicum, le reazioni del giorno dopo

L’Italicum è legge. E forse rappresenta la più grande vittoria di Matteo Renzi. Una vittoria che simboleggia un crocevia fondamentale per la storia politica italiana, sia a livello istituzionale che partitico. Sulla base della nuova legge elettorale si ridisegneranno gli equilibri politici futuri e si riapriranno nuove battaglie, anch’esse di vitale importanza: quelle sulla trasformazione del Senato della Repubblica. Ieri si è assistito all’atto conclusivo della vicenda, dopo aver affrontato tre voti di fiducia, l’Italicum è passato senza sorprese.

La lunga trafila dell’Italicum

Questa volta il premier ha dovuto mostrare i muscoli in più frangenti. Le proteste sono state numerosissime: dalle dimissioni del capogruppo alla Camera Roberto Speranza, alle proteste che hanno portato all’Aventino le opposizioni. Il tutto condito, dopo la decisione di apporre la questione di fiducia, dalle accuse di deriva dittatoriale e fascista da parte del MoVimento 5 Stelle e degli altri: Forza Italia con Brunetta, Sel, Fratelli d’Italia e Lega. Il Partito democratico di Renzi ha resistito, utilizzando mezzi forse poco costituzionali (sarà la Consulta e il Presidente della Repubblica a valutare). Se le proteste sono state innumerevoli, ora è giunto il momento dei commenti, delle valutazioni e delle critiche più dure.

Rosy Bindi: “l’Italicum ammazza il bipolarismo, è la legge del partito unico”

Ha gli stessi vizi del Porcellum, è una vittoria di Pirro perché “ammazza il bipolarismo”. Lo ha sostenuto la deputata Rosy Bindi. Quella della Presidente della Commissione parlamentare Antimafia è una delle reazioni più dure. Anche se fa sapere che la minoranza del Pd non creerà un gruppo autonomo e che lei stessa non appoggerà un referendum abrogativo. Probabilmente ha fiducia nei contrappesi istituzionali che dovranno esprimersi sulla legge, secondo lei incostituzionale per gli stessi vizi della legge di Calderoli: premio di maggioranza sproporzionato e liste bloccate (nel caso dell’Italicum soltanto i capilista sono bloccati).

Utilizzano la stessa logica i deputati in quota Dem, Enzo Lattuca e Angelo Rughetti. L’opposizione interna del Pd spera in un cambiamento per le riforme istituzionali. Per la minoranza, ora la partita si fa più difficile. Per Rughetti “la maggioranza farebbe bene a dare segnali di apertura e di coinvolgimento verso la minoranza Pd e verso le opposizioni”. “Ora la riforma della Costituzione subirà una battuta d’arresto” ha continuato Rosy Bindi. Più drastico Lattuca: “Quando si vedranno i sondaggi si capirà che anche i ballottaggi saranno pericolosi”.

bindi italicum

M5S: “Matterella non firmi”

A colpi di hashtag (#MattarellaNonFirmare #Italicum), l’uomo delle riforme dei cinque stelle, Danilo Toninelli fa appello al Presidente della Repubblica per non firmare l’Italicum: un monito che il MoVimento aveva presentato anche in Parlamento. Ha risposto il ministro Maria Elena Boschi: “Non tiro per la giacchetta Mattarella. Però siccome è un costituzionalista sono convinta che la firmerà.”

Da Forza Italia a Sel, le altre opposizioni

“Voi dite che la legge viene fatta per dare la governabilità. Ma democrazia significa governo del popolo e forse è qui l’inceppo.” Chiarissimo Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà. Seguito anche da Fabio Rampelli di Fd’I: “Una scena penosa vedere gli eredi di Gramsci costretti a votare una pessima legge perché impauriti da Renzi di tornare a casa”. Mentre il capogruppo di Fi alla Camera Renato Brunetta aggiunge poco alle posizioni espresse negli scorsi giorni: “una legge infame”. Il segretario della Lega Matteo Salvini invece sposta l’attenzione su altri problemi: “Boschi sorride ma le fabbriche intanto chiudono”. “Quei cazzoni stanno in Parlamento a occuparsi della legge elettorale e dell’Italicum, mentre i capannoni chiudono e vengono messi nelle mani delle banche”, lo ha riferito oggi a Radio Padania. Intervistato dalla trasmissione Piazza Pulita di La7, il deputato del M5S Alessandro Di Battista avverte: “Se gli italiani dovessero mandarci al governo da soli, qua devono scappare dall’Italia perché gli sequestriamo tutto quello che hanno rubato”. Un’ipotesi basata sul ballottaggio previsto dalla nuova legge elettorale votata ieri alla Camera, l’Italicum. “Speriamo”, aggiunge Di Battista.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

23 Commenti

  1. Ettore De Simone ha scritto:

    A Fra’ magna tranquillo (cit.)

  2. Carlo Laccetti ha scritto:

    Di Battista al governo? La barzelletta del secolo. Magari premier, be lo immaginate che parla con Obama o Merkel?

  3. Carlo Massarotto ha scritto:

    Hai ragione. Non sia mai. Per i de de de shish ci vuole un talento speciale, il nostro mr Bean è imparaggiabile.

  4. Adriano Buoso ha scritto:

    De Battista è un semplice idiota!

  5. Carlo Laccetti ha scritto:

    Si scrive e si dice impareggiabile, ma a parte questo io non ce lo vedo proprio il caro DiBa alla riunione dei Capi di Stato delle potenze più industrializzate, farebbe ridere più di Berlusconi quando faceva le corna o cucù alla Merkel. Spero di non essere costretto a vedere anche questo ennesimo oltraggio all’Italia.

  6. Carlo Massarotto ha scritto:

    L’oltraggio all’Italia è questo pd delle riforme farlocche che ogni volta bypassano il parlamento e che non risolvono, non migliorano nulla, ma sono soltanto funzionali al consolidamento del potere personale di Renzi. (Ps. ma perché secondo te Renzi che finge di conoscere l’inglese nei meeting internazionali fa poco ridere?)

  7. Carlo Laccetti ha scritto:

    A me quello che fa Renzi interessa molto meno di quello che fa il mancato concorrente del Grande Fratello, il sig DiBa che fu scartato ai provini ed ora vuole fare il premier.

  8. Carlo Massarotto ha scritto:

    Be’ anche da questo punto di vista, Renzusconi non si è fatto mancare nulla. Solo che per quanto riguarda fare il premier, lui dalle minacce è passato ai fatti, purtroppo molto tristi per noi https://www.youtube.com/watch?v=bd_w8_taNZE

  9. Carlo Laccetti ha scritto:

    È sempre la stessa storia, io scrivo che Il DiBa non mi sembra all’altezza di fare l primo ministro, non ha a mio giudizio l’autorevolezza e la preparazione necessaria che il ruolo richiede, e molti a rispondere: perché Renzi? E giù con gli epiteti ingiuriosi nei suoi confronti. Ma io ho forse scritto che Renzi è bravo? Non l’ho proprio nominato e non mi interessa farlo. Nessuno che mi dica guarda che ti sbagli, il DiBa è bravissimo e preparato, e me lo dimostri con i fatti. Tutti a far paragoni con chi è peggio. Questa purtroppo è l’Italia di oggi, ci si accontenta di chi è meno peggio. Io non mi accontento

  10. Alessandro Soranzo ha scritto:

    Mica stupido il m5s prima inneggia alla deriva autoritaria del Governo guidato da Renzi ……..poi capendo che sarebbero loro ad andare al ballottaggio apprezzano la riforma elettorale…………………….

  11. Massimo Alberto Tintori ha scritto:

    abbiamo avuto un primo ministro che ha definito Obama “abbronzato” e la Merkel “culona inchiavabile” … a questo punto ci sta tutto

  12. Barbarossa Nèll Moreno ha scritto:

    Ma quando mai l’hanno apprezzata…

  13. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Questo se non dice cazzate si piscia addosso!!! MA CHE SE LO TOLGA DALLA TESTA AL GOVERNO NON CI ANDRA MAI!!!

  14. Piero Lampis ha scritto:

    L’italicum può consentire a 5 ° di governare l’Italia, col doppio turno, quindi tutte queste polemiche contro la nuova legge non le capisco. Poi, la politica urlata non mi piace e non favorisce i consensi, quindi abbassate i toni, ci vuole stile.

  15. Claudia Lombardini ha scritto:

    Di Battista ,un fanatico,! Solo vento le sue parole!

  16. Franco Lupattelli ha scritto:

    Peccato che avevate promesso di aprire il parlamento come una scatola di tonno, poi avete dimenticato a casa l’apriscatole.
    Il fatto è che io vi avevo creduto e vi avevo votato, poi abbiamo visto di tutto e di più.
    Forse dovreste rifarvi una verginità credibile, altrimenti non andrete mai al governo.

  17. Mauro Vecchietti ha scritto:

    #vendette. Ahahahahah. Dovrebbero esser più sportivi. Non ci si comporta così. E quanta invidia repressa

  18. Paola Candido ha scritto:

    Di battista il pallonaro !!

  19. Santo Giustolisi ha scritto:

    ….il solito idiota.

  20. Giuseppina Sartori ha scritto:

    Mamma che paura….!!!

  21. Dino Marocchi ha scritto:

    Non ha mai smesso di vivere come un figlio dei fiori. Questo ragazzo non vuol crescere e continua a giocare.

  22. Miky Isola ha scritto:

    Bravi magari … ma il problema che qui da molti anni la democrazia non esiste più finta come certi bilanci purtroppo

  23. Gianna Orofino ha scritto:

    Ma cosa ti fumi?

Lascia un commento