•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 9 maggio, 2015

articolo scritto da:

Renzi: “C’è una sinistra a cui piace perdere” Ma ora è il Pd a perdere pezzi

senato_renzi

Dopo l’addio di Pippo Civati, nel Pd ora sono in molti a riflettere sulla possibilità di lasciare il partito. L’europarlamentare Elly Schlein, intervistata da La Repubblica, ieri ha annunciato la sua decisione di uscire dal Pd, lamentandone uno spostamento a destra del baricentro politico: “Le nostre politiche stanno diventando di centrodestra”, ha affermato Schlein. “Sono mesi che il governo fa cose in cui non riesco a riconoscermi, ma la fiducia sull’Italicum è stato un vero colpo”.

“L’elenco è lungo: questo è il governo che ha messo fine a Mare Nostrum e io non sono affatto convinta che Triton sia una risposta adeguata. Lotto per i diritti civili – prosegue – e il mio ministro dell’Interno impone la cancellazione delle nozze tra persone dello stesso sesso. Sogno un futuro sostenibile e mi ritrovo le trivelle rimesse in moto dallo Sblocca Italia. Non sopportavo più questa perenne contraddizione”.

Con ‘Occupy Pd‘ “noi occupammo le sedi del partito contro le larghe intese, ma ora sono le larghe intese che stanno occupando noi. Il Pd non è quello che era nato per essere”, afferma Schlein. “Comunque deve preoccupare non il mio addio, o quello di Civati, ma le scissioni silenziose dei nostri elettori. Il mio segretario – aggiunge – ha sostenuto che il 37% di affluenza in Emilia alle ultime regionali era un dato secondario. Io ho sempre lavorato per riportare a votare quelli che non ci andavano. C’è una sofferenza evidente, in tutta Italia: guardiamo in Campania, quello che ha scritto Roberto Saviano, guardiamo la Sicilia e le primarie di Agrigento. Pensiamo alla Liguria”.

Pd, Marzano: “Renzi si circonda di incapaci”

E’ pronta a seguire l’esempio di Pippo Civati e di Elly Schlein anche Michela Marzano, deputata del Pd. “Penso di dimettermi, di tornare al mio lavoro di intellettuale. Di certo non arrivo a fine legislatura, però vorrei restare fino all’approvazione della legge sull’accesso alle origini e sulle unioni civili. Mi do ancora qualche mese per evitare che vengano stravolti”, riferisce la parlamentare, sempre a La Repubblica.

Michela Marzano afferma di essere delusa “dal Pd, da come funziona, da come si allontana sempre di più dai valori di sinistra” e “disturbata dal modo in cui Renzi gestisce il potere. Si circonda di incompetenti e incapaci, così da poter decidere tutto lui. Ma non basta volere per potere. Esistono i limiti del reale che non si piega all’onnipotenza della volontà”.

In futuro, Marzano non esclude di seguire Pippo Civati nella sua nuova avventura politica: “Finché resto, il ‘dove’ mi colloco è una questione aperta. E mi domando: se muta il dna di sinistra, sono io che abbandono il Pd o lui che abbandona me? Civati lo osservo, cerco di capire il suo progetto”. “La vera natura del Pd – aggiunge la deputata – l’ho capita standoci dentro. Ho capito che si stava sbriciolando quando non hanno preso atto della ‘non vittoria’ del 2013, come fatto dai leader inglesi in queste ore che si sono tutti dimessi”.

Michela Marzano

Michela Marzano, deputata Pd

Renzi: “C’è una sinistra masochista”

Contro i dissidenti del partito, ieri sera a Genova, nel corso di una manifestazione elettorale a sostegno di Raffaella Paita, il premier Matteo Renzi ha rivolto parole piuttosto dure: “C’è un solo Pd – ha detto Renzi – ma ci sono due sinistre: una che prova a cambiare e una che vuole perdere e far perdere”.

“Quando un partito di sinistra sceglie di non giocare la sfida riformista, ma sceglie l’estremismo, perde le elezioni”, ha aggiunto Renzi, riferendosi alla disfatta del Labour alle ultime elezioni nel Regno Unito.

A Massimo D’Alema, che aveva evidenziato il drastico calo di iscritti nel Pd, Renzi ha replicato: “Oggi vedo che c’è qualcuno che dice che perdiamo iscritti: sono i nostalgici del 25%, quelli che stavano bene quando si perdeva, quelli che hanno avuto la loro occasione e l’hanno persa. E’ possibile giocare a dividere il Pd? A questa sinistra masochista noi diciamo che siamo un’altra cosa: vogliamo cambiare l’Italia e la cambieremo. Non ci faranno passare la voglia di farlo”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

90 comments
Valeria Nari
Valeria Nari

Chi la pensa come Civati fa bene ha lasciare il partito tanto farebbero solo danni ,non sono stati in grado di fare nulla se non agevolare la destra . Andate nessuno vi ferma .

Antonio Crobe
Antonio Crobe

renzi cosa ti aspettavi?. raccogli tutto pur di vincere, ,

Viviana Sergi
Viviana Sergi

magari arrivano altre persone (da diversa collocazione politica) che miglioreranno questo partito (in precedenza morente)

Angelo Scacciante
Angelo Scacciante

Ma tutti dovrebbero andarsene da questo partito che ha solo fatto danni al paese

Edoardo Antonini
Edoardo Antonini

Ivano, la Campania di Bassolino era meglio? Mi pare che all'epoca Renzi andasse ancora a scuola, ma nel frattempo nessuno, Bersani compreso, mi pare ci abbia messo mano. Siamo seri. In Campania il candidato renziano era Gennaro Migliore... ma faceva schifo alla sinistra del PD pur venendo da sinistra.

Lucio Bufo
Lucio Bufo

fuori i reazionari che vogliono tornare al passato .... sempre perdente!

Ivano Stentella
Ivano Stentella

basta guardare le liste della Campania per vedere dove sta andando il PD

Eugenio Policriti
Eugenio Policriti

Renzi non si circonda d'incapace è lui l'icapace insieme agli altri suoi compagni

Adalberto Ivaldi
Adalberto Ivaldi

Boh, non sapendo a chi si riferisce questo "noi" mi astengo. Personalmente vedo cose utili, poi ognuno ha i suoi pregiati pregiudizi.

Claudio Pulici
Claudio Pulici

O TRINARICIUTI INDEFESSI, lo dite da oltre un anno che Renzi è un FASCISTA...ora poi con l'Italicum, che è per voi "peggio"della Legge Acerbo, starà per diventare perfino anche un pò NAZISTA...

Claudio Pulici
Claudio Pulici

"Marzano che?..." "Schlein che?..." "Cordon che? no, non mi freghi..." JATEVENNE !!

Oretta Ruspaggiari
Oretta Ruspaggiari

è un incapace pure lui..per forza si circonda di incapaci,altrimenti come farebbe ad emergere...e per lui è il suo credo essre sopra agli altri!!!

Angelo Pugliese
Angelo Pugliese

Tutto sto casinò perche' Renzi governa. Andare via non e' da persone sensate. Renzi ha vinto le primarie del PD per cui la sua linea politica e' maggioranza nel partito. La minoranza di sinistra deve organizzarsi per diventare maggioranza. Non andare via per fondare un altro partito. Così e' la democrazia. Renzi quando prese le primarie a favore di Bersani mica andò via. Si organizzo' per vincere le primarie successive.

Teresa Doria
Teresa Doria

e infatti si vedono i risultati....sta facendo le leggi che non ha potuto fare il padre putativo nonché nano di Arcore!!!

Lea Fotter
Lea Fotter

Era meglio quando non combinavano niente, questo fa' tutto quello che a noi non serve.

Lea Fotter
Lea Fotter

Non sa' eleggere il proprio capo dello stato?...Giancarlo Penasa, dimentichi i 101 traditori (Renziani).. Hai sparato un casino di stronzate.

Lea Fotter
Lea Fotter

Dopo Berlusconi abbiamo un'altro in fotocopia, molto piu' giovane..il disastro e' inarrestabile.. Aggiungerei che se la sinistra x vincere deve fare come la Destra, lo capite che vince sempre la destra?!??

Edoardo Antonini
Edoardo Antonini

Per ora vedo diversi politici che seguono le indicazioni di Brunetta, ma non c'è Renzi, il resto mi sembrano le solite frottole.

Edoardo Antonini
Edoardo Antonini

Veramente Civati è da tempo che si sta impegnando a sfasciare un partito, praticamente dal giorno dopo che ha perso democraticamente le primarie.

Vincenzo Taccardi
Vincenzo Taccardi

Prima il patto del nazareno, poi la finta rottura per l'elezione di Mattarella (ex DC guardacaso), poi sia Renzi che Berlusconi che fanno di tutto per sfasciare i rispettivi partiti, quando questo risultato sarà raggiunto, arriverà la scusa buona per far cadere il governo. Quindi un bel nazareno bis e magari pure un nuovo partitone (Democratici Cristiani), a quel punto la legge elettorale se la sono fatta su misura (altrimenti perchè tanta ostinazione?) e con la nuova DC avranno la maggioranza a vita assicurata. Come dire tanto rottamò che alla fine ci ritrovammo la democrazia cristiana 2.0, è tornata pure la guerra fredda (guardacaso) insomma ... welcome back!

Vincenzo Taccardi
Vincenzo Taccardi

Prima il patto del nazareno, poi la finta rottura per l'elezione di Mattarella (ex DC guardacaso), poi sia Renzi che Berlusconi che fanno di tutto per sfasciare i rispettivi partiti, quando questo risultato sarà raggiunto, arriverà la scusa buona per far cadere il governo. Quindi un bel nazareno bis e magari pure un nuovo partitone (Democratici Cristiani), a quel punto la legge elettorale se la sono fatta su misura (altrimenti perchè tanta ostinazione?) e con la nuova DC avranno la maggioranza a vita assicurata. Come dire tanto rottamò che alla fine ci ritrovammo la democrazia cristiana 2.0, è tornata pure la guerra fredda (guardacaso) insomma ... welcome back!

Nicodemo Guerrieri
Nicodemo Guerrieri

forse saranno incapaci quelli attorno a Renzi, ma non è detto che chi lasci solo per quello sia un genio

David Bianchi
David Bianchi

Ha perso anche 100000 iscritti, anche se nessuno lo dice

Lucia Cera
Lucia Cera

Forse si perde ma ci piacerebbe essere di nuovo a sinistra, caro Matteo non voglio morire demoscristiana.

Lysia Neri
Lysia Neri

CONCORDO con Edoardo Antonini! i MIGLIORI RESTANO e vanno avanti, come Matteo Renzi!

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Meglio scaricare gli scarti prima che marciscano!

Ciro Vigorito
Ciro Vigorito

È proprio inqualificabile non capendo che lui non è sinistra ma destra.

Marco Corvi
Marco Corvi

Di cosa vi stupite? Un incapace non può circondarsi di fenomeni! Uno intelligente non "lecca" e capisce che questo è scemo.......

Luca Molina
Luca Molina

Ha detto la verità perché attaccarlo, ricordatevi il governo D'Alema è quello di Prodi

Elio Borri
Elio Borri

Dal fatto che se ne vanno e lasciano un ragazzotto più deficiente che intelligente e il suo clan di gregari

Antonio Polese
Antonio Polese

Lasciatelo solo a parlare altrimenti la sx sarà distrutta. VERGOGNA

Rosario Napoli
Rosario Napoli

“…il mezzo sguardo dietro di sé Oltre la spalla, verso il primitivo terrore” ... ... Questi sono tempi pieni di tristezza e pericolosi. Stiamo affrontando impotenti la agonie senza fine della Guerra Fredda 2.0; le miriadi di ramificazioni dell’ impoverimento sistematico del mondo occidentale e della sua classe media. La sensazione di una guerra civile globale è innegabile. Per lo meno, in alcuni oscuri angoli del pianeta, alcuni dei migliori e più acuti, nel silenzio, pensano. In un breve volume Stasis. La guerra civile come paradigma politico, il grande filosofo Giorgio Agamben configura la guerra civile come punto fondamentale della politicizzazione dell’occidente. La domanda chiave è se questa affermazione è stata modificata dalla nostra civiltà fino a portarla alla dimensione di guerra civile globale. Stasis è la guerra civile che aveva creato disordini nelle poleis dell’antica Grecia. Hannah Arendt aveva già concettualizzato la guerra civile globale nel 1963. Agamben sostiene che in termini storici globali, la guerra civile al giorno d’oggi è rappresentata dal terrorismo. Quindi se Focault aveva ragione quando definiva la politica moderna come “biopolitica”, dice Agamben “il terrorismo è la forma assunta dalla guerra civile quando la vita diventa un gioco politico”. Tutto gira attorno l’equilibrio tra oikos (la famiglia) e polis (la città) come i Greci – sempre loro – l’avevano identificata. Quindi, quando la polis si presenta sotto l’aspetto rassicurante di un oikos, come nella confortante immagine della “casa dell’Europa” spacciata da Bruxelles, o nel “mondo come spazio assoluto di gestione economica globale”, Agamaben obietta, “la stasis, che non può essere frapposta tra oikos e polis, diventa il paradigma di ogni conflitto ed assume la figura del terrore”. Quindi il terrorismo equivale alla guerra civile globale. Il passo successivo, che Agamben non intraprende – dopotutto è un saggio breve – sarebbe di configurare la miriade di declinazioni del terrorismo; non solo del tipo ISIS/ISIL/Daesh, ma anche il terrorismo di stato che spoglia il proprio popolo della stabilita' e benessere e contribuisce a far si che molti si tolgano la vita perché per loro la vita e diventato un abito troppo stretto da sopportare. un caro saluto, se puoi iscriviti e/o[se sei già iscritto] aggiungi un pò di tuoi amici al gruppo https://www.facebook.com/groups/707490519287382/ mi aiuti a farlo conoscere e crescere, ci scrivo cose interessanti e analisi originali. Magari se arriveremo a 500 mila iscritti possiamo valutare di fare un partito nazionale dei disoccupati e precari; se mi aiutate chissà che non ci riusciamo a fare questa cosa nobile. esiste la funzione aggiungi persone al gruppo , puoi invitare direttamente tu i tuoi amici al gruppo; valuta tu come meglio credi non basta ringraziarti grazie di cuore

Daniela Di Camillo
Daniela Di Camillo

io spero poco!!! che cosa si è mosso???? tutte cose negative sino ad oggi:!!! proclami fasulli e tesi solo a proteggere gli interesse dei politici indagati e non e aumenti insostenibili di tasse per il popolo!!!!!!!!!

Agata Belviso
Agata Belviso

Certo,adesso tutti odiano renzusconi,persino gli allocchi che l'hanno sostenuto,quindi si preparano a nuovi giochetti: Il padano non decolla,nonostante il suo quotidiano show in tv e quindi,ci provano con civati. Cambiano solo i burattini,di questo sistema marcio fino al midollo.

Daniela Di Camillo
Daniela Di Camillo

meglio essere grullini, come dice lei, che pidioti!!!! l'unica speranza M5S!!!!!!!! anche se a lei brucia è la sola possibilità: Almeno loro danno dei segnali forti e sicuramente hanno fatto cose tangibili e non solo promesse senza mantenerle!!!!!!

Daniela Di Camillo
Daniela Di Camillo

si evince dal fatto che forse si vergognano di far parte di un partito che sta affossando l'Italia.... mai stati peggio!!!!!! se voi non sentite la crisi evidentemente avete molto da perdere.... contenti voi poi, se continua così, ce lo sapremo ridire!!!!!!!

Tiziano Tumiatti
Tiziano Tumiatti

Il PD perde pezzi, FI perde pezzi M5S perde pezzi gli altri perdono pezzi. Non è che abbiamo a che fare con rottami?

Daniela Di Camillo
Daniela Di Camillo

ah l'importante è vincere???? ad ogni costo???? ma per piacere !!! fortunatamente..... forse..... c'è ancora qualcuno con buonsenso!!!!!

Borri Paolo
Borri Paolo

ma governa anche senza vincere...........hahahahah

Roberto Travaglini
Roberto Travaglini

" La Mafia è una montagna di merda!!!" diceva Peppino Impastato assassinato dalla mafia il 9 maggio 1978. Il PD, che oggi in Sicilia e in Campani imbarca mafiosi...corrotti....camorristi....fascisti...banderuole e papponi è al momento una collina di merda...ma presto anche lui diventerà una bella montagna ...che magari grazie anche ai voti della mafia e dei corrotti vincerà...ma sempre una montagna di merda sarà. A ognuno ciò che preferisce

Stefano Braccini
Stefano Braccini

Se per arrivare al 40% la sinistra deve fare politiche di destra meglio che resti al 25%!