•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 maggio, 2015

articolo scritto da:

Partito Repubblicano, più contenitore politico che partito

silbio berlusconi sorridente con le mani nelle mani e sullo sfondo la statua della liberta

Sonore bocciature all’idea del Partito Repubblicano lanciata negli scorsi giorni dal leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. E non sono le prime. La proposta non piace affatto a Franco Frattini che parla di “strada sbagliata”.

“Partito popolare europeo, non partito conservatore alla Cameron, alla Bush”. Per Franco Frattini, sentito dal Corriere della Sera, l’idea di un partito repubblicano è un errore.

a sinistra berlusconi e a destra george bush

Rotondi: “Da Frattini osservazioni pertinenti”

“Da Frattini vengono osservazioni pertinenti che non sono incompatibili col progetto a cui lavora il presidente Berlusconi. La collocazione del partito unitario del centrodestra è il Ppe di cui Berlusconi torna protagonista attivo”. Lo afferma Gianfranco Rotondi, deputato di Forza Italia.

Partito Repubblicano, nodo leadership

Berlusconi sarà ancora il leader? “La soluzione – afferma – sono le primarie, alle quali Berlusconi potrebbe partecipare. Meglio però se fosse la levatrice del centrodestra futuro”. Frattini aggiunge: “non si può opporre a Renzi un partito conservatore con estremisti come Salvini o Meloni. Renzi sta offrendo un sogno, bisogna contrapporgli un diverso cambiamento”.

“Potenziare il merito, per esempio sulla scuola. E soprattutto, Europa, con politica estera, di Difesa, di cooperazione comuni”, osserva. Quindi aggiunge: “Renzi non si batte con i dubbi sull’Europa e con il liberismo economico. Si batte con il Ppe italiano”.

Frattini sottolinea poi che «l’Italicum prevede un potenziale bipartitismo. Renzi però deve stare attento: se non si crea un Ppe italiano, andrà al ballottaggio con Grillo e rischierà di perdere: gli scontenti in Italia sono maggioranza».

Toti: “Partito Repubblicano come una federazione”

Parlando con Repubblica Toti rinvia la discussione sul progetto del Partito Repubblicano al dopo elezioni regionali: “Il dibattito sarà più sereno per tutti dal primo giugno. L’Italicum ci costringe all’unità, questo è chiaro anche a Salvini. La Lega fa ragionamenti corretti: nessuno vuole ammucchiate, non interessano neanche a noi. Dobbiamo confrontarci su un progetto, io credo che siano più le cose che ci uniscono rispetto a quel che ci divide”.

Non sarà una “riedizione del Pdl”, ma “un contenitore all’americana in cui tutti portano le loro individualità. Bisogna pensare a una federazione in cui tutti coloro che si ritengono di centrodestra convergono su candidati e programma”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Giampiero Censorii ha scritto:

    ..alla fine si farà, son troppo attaccati alla poltrona…

Lascia un commento