•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 19 maggio, 2015

articolo scritto da:

Riforma Scuola, M5S protesta davanti a Montecitorio

Un gruppo di manifestanti davanti a Montecitorio reggono uno striscione con scritto "lunga vita alla scuola pubblica"

Il movimento 5 stelle chiama a raccolta oggi alle 11 davanti a Montecitorio tutti gli interessati al mondo della scuola, senza distinzioni partitiche o di appartenenza politica, per chiedere il ritiro del DDL sull’istruzione. La manifestazione sarà trasmessa in diretta via streaming.

L’appello, in questi giorni si era levato da più voci all’interno della galassia M5S: un post su facebook da parte di Gianluca Vacca, le dichiarazioni di Giuseppe Brescia e Massimo De Rosa al margine di un flash mob sul tema davanti ad un liceo romano; infine oggi sul blog di Beppe Grillo è apparso un post di Alessandro di Battista dal titolo “tutti in piazza per la scuola con il m5s!” nel quale vengono illustrati in dettaglio le motivazioni della protesta.

protesta del m5s in piazza montecitorio contro ddl scuola

La bagarre alla Camera

L’iter della riforma è stato particolarmente travagliato alla Camera, con veementi proteste nei confronti del ministro dell’istruzione Stefania Giannini da parte di tutte le opposizioni ma anche di esponenti delle minoranze dem: particolarmente significative e velenose di Stefano Fassina nei confronti del ministro: “Lasci il suo incarico per ricostruire un clima più positivo nel mondo della scuola”. Ancora più veementi le proteste in aula del M5S, con il deputato Luigi Gallo che a proposito del nuovo ruolo che i presidi assumeranno con la riforma aveva commentato velenoso: “Grazie al provvedimento sulla scuola e alla norma sulla chiamata diretta dei professori da parte dei presidi, farà carriera Agnese, la moglie del Presidente del Consiglio Renzi”.

Immagine del ministro Stefania Giannini in primo piano all'interno di una stanza

Il “preside padrone” e i finanziamenti agli istituti privati

Principale oggetto della contestazione infatti l’art. 9 del DDL che attribuisce ai presidi un potere di chiamata diretta dei docenti nei propri istituti. La preoccupazione di affidare un tale potere al dirigente scolastico, derivavano dal fatto che questa soluzione potesse divenire, considerati i già noti problemi italiani di trasparenza, un’occasione per favorire nepotismo e corruzione per l’assunzione del personale scolastico.
Per questo il m5s aveva insistito ed era riuscito a far approvare l’emendamento detto “aniparentopoli” ovvero il divieto di nuove assunzioni per docenti aventi rapporti di parentela con il preside.
Il ministro Giannini aveva tuttavia tentato di rassicurare gli animi in merito al nuovo ruolo del preside: “Non ci sarà nessun preside-padrone ma un dirigente responsabile e valutato”.
Un altro argomento particolarmente controverso oggetto di dura contestazione da parte dei grillini è il finanziamento del governo agli istituti privati.
Nel suo post Di Battista rileva la contrarietà di tali contributi dello Stato con i principi dettati dall’art. 33 della Costituzione insinuando che le agevolazioni avvengano perché fondazioni e istituti privati beneficiari siano in realtà finanziatori del Partito Democratico.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

7 Commenti

  1. Riccardo Bottegal ha scritto:

    certo… col suo infimo livello, gli genera elettori

  2. Nicola Michele Donvito ha scritto:

    Parli di Renzi?

  3. Federica Stacchi ha scritto:

    Ma sono in 3??

  4. Riccardo Bottegal ha scritto:

    il bello è che siete anche convinti… e manco sapete quante dita avete sulle mani…

  5. Alessandro Soranzo ha scritto:

    CONSERVATORI

  6. Oscar Barbi ha scritto:

    loro no debbono parlare della riforma della scuola…prima devono andarci a scuola

  7. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Certo che di gufi e risicchioni nella squola c’ è n’è spno parecchi!!!!

Lascia un commento