•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 22 maggio, 2015

articolo scritto da:

Reverse charge, Ue boccia norma sull’Iva Grana da 730 milioni per il Governo Renzi

tavolo del governo renzi e padoan in conferenza stampa

La norma del Governo sulla cosiddetta ‘reverse charge‘ sull’Iva provoca una sonora bocciatura all’Italia da parte della Commissione Europea. La norma del Governo Renzi, che ha provocato a suo tempo le proteste delle imprese, non sarebbe infatti in linea con l’articolo 395 della direttiva comunitaria sull’Iva. Dopo la grana sulle pensioni conseguente alla pronuncia della Consulta il Governo Renzi si trova alle prese con una decisione che avrebbe un impatto di circa 700 milioni di euro sulle casse dello Stato.

Cosa si intende per ‘reverse charge’? Si tratta di diverso meccanismo di applicazione dell’Iva. Un’inversione contabile: consiste nel far sì che l’acquirente paghi l’Iva, l’imposta sul valore aggiunto, non più al fornitore ma direttamente allo Stato.

immagine sede commissione europea

Motivi della bocciatura

Per la Commissione, “non c’è evidenza sufficiente che tale misura contribuirà a contrastare le frodi”. Ed è inoltre dell’opinione che tale misura implicherebbe elevati rischi di spostamento delle frodi al settore del commercio al dettaglio e ad altri Stati”. A parlare è il portavoce del commissario alla fiscalità Pierre Moscovici nella persona di Vanessa Mock.

“Bruxelles – recita la nota inviata al Consiglio – ha sempre avuto un approccio cauto, per assicurare che le deroghe non vadano a minare l’operatività del sistema Iva generale, che siano limitate, necessarie e proporzionate. Ogni deroga al sistema del pagamento frazionato non può quindi essere che una misura d’emergenza e ‘ultima ratio’ in casi provati di frodi, e deve offrire le garanzie sulla necessità ed eccezionalità della deroga, la durata della misura e la natura dei prodotti. La procedura di ‘reverse charge’ non deve essere usata sistematicamente per mascherare la sorveglianza inadeguata delle autorità fiscali di uno Stato”.

La Commissione “ha motivo per dubitare che un’applicazione indistinta e globale della ‘reverse charge’ a un alto numero di prodotti, in questo caso destinati essenzialmente al consumo finale, potrebbe essere considerata una misura speciale prevista dall’articolo 395 della direttiva sull’Iva”.

Inoltre, la Commissione “ha seri dubbi che la misura avrebbe l’impatto positivo che si aspettano le autorità italiane”.

Smentita possibilità aumenti benzina

“C’è il fermo impegno del governo a non fare scattare la clausola di salvaguardia” ed il riferimento alla possibilità di aumenti sul costo della benzina. Non scatterà dunque, stando alle notizie che filtrano dal Ministero, l’aumento delle accise sui carburanti, previsto come clausola di salvaguardia a partire dal 30 giugno, per coprire il no europeo alla reverse charge Iva.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Gaetano Fano ha scritto:

    ancora una volta le ricette dei grandi esperti di economia chiamati a governarci si dimostrano fallimentari,basta con questi governi che fanno solo danni.

  2. Valeria Nari ha scritto:

    Renzi risolverà anche questa ,è troppo bravo .

  3. Giancarlo Cervoli ha scritto:

    Governo del rattoppo

  4. Pasquale Calce ha scritto:

    L’idea era buona, il governo comunque aveva delle perplessità. Il fatto che sia incompatibile con la legislazione europea nulla toglie alla bontà del provvedimento che andava a colpire l’evasione.

Lascia un commento