•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 26 maggio, 2015

articolo scritto da:

Marc Chagall, l’arte è un inno alla vita

copertina mostra marc chagall

L’amore è l’abbraccio che unisce i complementari.  Un blu che si stempera nel rosso fino a perdere confini e identità, dando vita a un viola che rende superflua e irrilevante la distinzione tra colori caldi e scuri. In fondo, chi l’ha detto che gli opposti sono inconciliabili? L’arte spesso dimostra il contrario e Marc Chagall non fa eccezione: visitare la sua mostra per credere. Love and Life è il titolo della raccolta di 150 opere del pittore d’origine ebraico-russa provenienti dall’Israel Museum di Gerusalemme e “approdate” al Chiostro del Bramante a Roma. L’esposizione, in corso fino al 26 luglio, è stata ideata Ronit Sorek e segue l’appuntamento milanese dei mesi scorsi.

Moise Segal in arte Marc Chagall

La tradizione e gli affetti occupano un ruolo centrale nei lavori di Marc Chagall, il cui vero nome era Moishe Segal. Nei suoi dipinti ricorrono infatti costantemente elementi mutuati dalla cultura ebraica. Tra questi, l’allegoria positiva della capra, l’asino che rimanda alle Sacre Scritture e il suonatore di violino, figura immancabile nelle principali ricorrenze religiose. Altrettanto importante, per il vissuto emotivo dell’artista, il rapporto con la moglie Bella Rosenfeld, cui lo legava un intenso amore, nonché il ricordo della citta natia, Vitebesk (Bielorussia). Spaccati che lasciano evidente traccia di sé anche nell’autobiografia My Life e in First Encounter e Burning Lights, realizzato da quella che aveva scelto come compagna.

copertina mostra marc chagall chiostro del bramante roma nome love and life

Una vita, quella di Chagall, imbevuta di esperienze diverse, “maturate” in un’epoca scandita, a livello internazionale, da continui rivolgimenti, non sempre indolori. Nel 1910, grazie al sostegno economico di un mecenate, si trasferisce a Parigi, e qui entra in contatto con i fermenti culturali e filosofici più fecondi (Espressionismo, Cubismo). La conoscenza diretta dell’avanguardia gli permette di confrontarsi con figure del calibro di Guillaume Apollinaire, Robert Delaunay, Cendrars e Leger. Poco più che ventenne ha l’occasione di esporre sia al Salon des Indépendants a Parigi, che al Salon d’Automne di Berlino.

Il suo immaginario “sopravvive” al conflitto mondiale alimentandosi di suggestioni oniriche, le quali attingono ai suoi trascorsi, al vissuto individuale e a quello di membro di una comunità.

La mostra è quindi un’occasione da non perdere, per quanti credono nell’arte come strumento per celebrare – e al tempo stesso esorcizzare – la realtà.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento