•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 26 maggio, 2015

articolo scritto da:

Da Di Pietro a Berlusconi, la moglie del senatore Razzi svela il motivo

antonio razzi olimpiadi roma

La storia, ormai famosa, del passaggio di Antonio Razzi da Italia dei Valori all’allora Pdl è cosa nota. Adesso però arriva un’altra versione della faccenda che mira a rimescolare le carte. Razzi non avrebbe lasciato Di Pietro solo per una questione di vitalizio. Semplicemente perchè il rapporto umano con l’ex leader dell’Idv era ai minimi termini. A rivelarlo è Maria Fernandez, moglie del senatore di Forza Italia Antonio Razzi, a La Zanzara su Radio 24. “Di Pietro? Non voglio parlare di questa persona. Ha trattato mio marito (Antonio Razzi) come un limone. Lo ha spremuto per bene e quando non c’era più succo lo ha buttato via”.

antonio razzi

“Ho sofferto molto – racconta la moglie del senatore abruzzese a Radio 24 – mi sono ammalata, ho avuto un tumore al seno. Dicono i dottori che in un momento di debolezza e di sofferenza, ti attacca nelle parti più deboli. Per questo avevo chiesto a mio marito di lasciare tutto e tornare in Svizzera. Non possiamo ammalarci tutti, gli dicevo. Di Pietro lo disprezzava, non lo salutava nemmeno. Quando mi sono ammalata ha deciso di lasciare Di Pietro e di andare con Berlusconi. Io l’ho saputo dalla televisione. La prima cosa che gli ho detto è stata: ora Di Pietro ti ammazza!”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
Sauro Ernest Ricci
Sauro Ernest Ricci

Rispetto la tragedia umana x via del male di quel tipo come il tumore al seno e' per una donna e per chi gli e' vicino. Pero' ricordo alla Signora e soprattutto a Suo marito che il comportamento etico del consorte non e' che sia a livello eticamente supremo e paritetico a quello di Martin Luther King....ma solo il solito giochetto delle 3 carte al solito posto cioe' davanti all stazione ....ma una stazione diversa in questo caso riferito al Senatore.....una stazione con i treni fermi che non danno servizi e che continuano a consumare migliaia diMegawatt di energia elettrica ..la stessa energia elettrica che molte famiglie Italiane non hanno e continuano a restare al buio.....

Nicola Michele Donvito
Nicola Michele Donvito

Tentativo inutile di riabilitare il simbolo per eccellenza del parassitismo politico? Non attacca, ha dimostrato in tante occasioni la sua strafottenza e il suo morboso attaccamento alla poltrona per ottenere il vitalizio.