•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 31 maggio, 2015

articolo scritto da:

Bonelli dei Verdi denuncia una “fatwa” dei media su di lui e si dimette

Primo piano di Angelo Bonelli con la bandiera dei Verdi sullo sfondo

Sono un atto di protesta le dimissioni di Angelo Bonelli, leader dei Verdi dal 2012, ma storico militante del movimento a partire dal 1992.
La protesta di Bonelli tuttavia non è affatto rivolta al movimento ecologista, ma avrebbe invece proprio lo scopo di far accendere i riflettori sui Verdi italiani, che secondo Bonelli sarebbero stati da anni fatti sparire dall’informazione pubblica.

Verdi, La censura sui media

L’ex leader ecologista affida alla sua pagina facebook la spiegazione della sua scelta pubblicando un post dall’emblematico titolo “le scelte di una vita e l’insopportabile censura dell’informazione”.
Le parole dell’attivista romano sono cariche di amarezza per una scelta che rivela essere stata presa da tempo.
Bonnelli denuncia che a differenza degli altri partiti politici, i Verdi sarebbero stati negli ultimi anni, sistematicamente ignorati dai principali media e talk show italiani: “Sono presenti tutti nei talk show tranne i Verdi. Zero secondi di presenza dei Verdi a Ballaro’, Dimartedi, Virus,Agora’,1/2 ora e poi Piazza Pulita, la Gabbia ecc…… Zero secondi nei Tg che non raccontano le nostre iniziative e le nostre proposte…”
Nel post Bonelli ripercorre la sua carriera politica all’interno del movimento, raccontando le motivazioni che lo hanno spinto ad aderire e le sue prime battaglie da consigliere comunale a Roma contro l’imprenditore edile Gaetano Caltagirone, contro la cementificazione.

Angelo Bonelli su una barca in mare a braccia alzate. Nella mano sinistra regge un brattolo contenente liquido nero

Verdi, La questione di Taranto e dell’Ilva

Bonelli si sofferma quindi sulla sua contestata candidatura a sindaco di Taranto, sottolineando come questa abbia rappresentato una rottura del movimento con la sinistra italiana ed evidenziando come a suo dire la questione dell’Ilva abbia rappresentato una sconfitta per la sinistra:
“Perché io penso che Taranto rappresenti il fallimento anche della sinistra italiana. Taranto non è un problema locale ma rappresenta la sfida nazionale per cambiare modello produttivo rilanciando occupazione e non vendendo la salute delle persone. “
A proposito dell’Ilva, Bonnelli dichiara di voler continuare a seguire il processo “ambiente svenduto” a Taranto, anche se non più da leader ma da semplice militante del movimento.
Bonelli conclude la sua “lettera” ringraziando coloro che lo hanno supportato e esprimendo rabbia e amarezza per essere stato isolato da intellettuali e politica per aver chiesto maggior spazio televisivo: “ Ma se non appari non esisti !!! E noi Verdi siamo stati espulsi come accade in un regime”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

La fatwa ve la siete buttata addosso da soli con decennali alleanze con i radical-sinistri, la Francescato è stata l'inizio della fine per voi! Andate in Germania a prendere lezioni da quei verdi!

David Bianchi
David Bianchi

I media hanno la conventio ad excludendum. Non solo contro Bonelli

Mauro Grandinetti
Mauro Grandinetti

era dato per disperso già da tempo.......si è autoriciclato?

Titta Ballarò
Titta Ballarò

Ogni tanto qualcuno viene incontro al sovraccarico dei contribuenti !

Gianluca Fadda
Gianluca Fadda

Strano: solitamente la fatwa non è verde ma turchina...