•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 8 giugno, 2015

articolo scritto da:

Civati: #possibile non sfonda sulla rete

Civati: linea che indica la presenza di #possibile nel web

Si sa che Civati è tra i politici che più ha puntato e punta sulla rete, con il suo blog ciwati.it, il suo utilizzo di metafore prese dal mondo del web, l’uso dell’ashtag e del “2.0“, ancora prima di Renzi, con cui all’inizio era nato un sodalizio basato sia sul desiderio di rinnovamento nel PD, sia sul comune intendere la modernità e i nuovi mezzi di comunicazione.

Mancava però un elemento importante, quello che porterà alla rottura, la consonanza sui contenuti: se all’inizio almeno da un punto di vista, diremmo, politologico, sembravano sia Civati che Renzi essere di campo liberal e riformista, poi le strade si sono divise, in particolare dopo il manifesto dei 100 punti di Renzi, piuttosto liberisti, e con le primarie 2012 in cui dopo mesi di dubbi, Civati annunciò l’appoggio a Bersani.

Da lì i dialoghi con il movimento Occupy, le costanti critiche al modello economico liberale, all’appoggio del PD a Monti, il corteggiamento, non corrisposto, del mondo grillino, fino alla contestazione della scelta del governo di larghe intese con Letta.

Da qui la sfida a Renzi alle primarie 2013, in cui arriva terzo, a poca distanza da Cuperlo, con il 14% circa.  Un buon risultato per un outsider come i suoi lo definiscono, un esito deludente per chi aveva creduto che il suo attivismo in rete potesse generare delle sorprese impreviste.

Con l’arrivo a Palazzo Chigi dell’ormai avversario Renzi la distanza tra i due si fa sempre più larga: il Patto del Nazareno, l’abolizione dell’articolo 18 e infine l’Italicum scavano un solco tra due concezioni della politica e dell’economia che appaiono inconciliabili, fino alla rottura definitiva ed all’uscita dal PD nel maggio 2013.

E’ a maggio quindi che Civati lancia Possibile, un’associazione, uno spazio, come amano chiamarlo i suoi aderenti, che non è partito, e che si propone come una componente di quel mare magnum a sinistra del PD e che attende di unificarsi, in quale modo ancora non si sa.

Abbiamo voluto misurare l’impatto di Possibile proprio sulla rete, in particolare sui social network, allora, nei luoghi privilegiati da Civati stesso.

Probabilmente il timing non è stato dei migliori, ovvero un lancio pochi giorni prima delle elezioni regionali, difatti misurando la parola-chiave #possibile con Talkwalker, risulta come si vede di seguito un picco nel giorno 26 maggio, al lancio mediatico dell’associazione, seguito da un andamento piuttosto piatto

Civati: linea che indica la presenza di #possibile nel web

E non pare esserci una risalita neanche nei giorni, immediatamente post-elezioni regionali, in cui pur Civati è stato invece citato nei social, probabilmente legandolo ai risultati del PD e di Pastorino in Liguria

Civati: linea che indica il numero di citazioni di Civati sul web

E’ chiaro che l’attenzione degli internauti si è concentrata sull’esito delle elezioni, a cui naturalmente non partecipava Possibile nè direttamente nè indirettamente, e Civati solo di striscio.

Di Civati anzi si è parlato spesso in maniera negativa, come colui la cui parte politica, la sinistra PD avrebbe fatto perdere la Paita contro Toti in Liguria.

Se quindi di Civati si continua a parlare, della sua recentissima creatura politica di meno, e quindi appare sempre più chiaro come Possibile voglia essere piuttosto un ponte e un collante per creare una maggiore aggregazione a sinistra del PD che l’ennesimo nuovo partito, visto il relativo poco interesse che provoca proprio sui social. Almeno per ora.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

20 Commenti

  1. Eugenio Belli ha scritto:

    “possibile” suona debole.
    SD sinistra democratica per esempio a me suona meglio.

  2. Fernando Savorana ha scritto:

    cero podemos o tsipras suonano meglio sarà solo il suono o anche le figure dei “condottieri”?

  3. Fabio Guidi ha scritto:

    Possibile? Impossibile sarebbe più corretto…

  4. Umberto Hvalic ha scritto:

    civati che fare? e’ mai possible che non vogliamo dargli di che sopravvivere?

  5. Francesco Cekko Cassese ha scritto:

    Mi sembra ovvio, stiamo parlando di Pippo Civati… PIPPO CIVATI… capite? 😮

  6. Mirko Cecchini ha scritto:

    Voleva copiare Podemos. Ha pensato: se loro vincono, se mi chiamo come loro vinco pure io 🙂

  7. Fabio Bianchi ha scritto:

    Il partito di civati , cofferati e landini serve solo a far vincere Salvini : l’importante é che chi lo vota ne sia edotto.

  8. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Che strano. Uno presenta una forza politica IL GIORNO DOPO LE ELEZIONI e pretende di bucare i social media.

  9. Carlo Carapacchi ha scritto:

    0,8%!

  10. DaveRo Jack Losetti ha scritto:

    cioè, fate analisi di engagement a una settimana dal “lancio”? 😀
    Siete dei geni del male, davvero 😀
    Con una NOTEVOLE conoscenza del mondo digital… NOTEVOLE 😀

  11. Isi Giampi ha scritto:

    Pensava di essere il salvatore della patria? la gente ricorda di come ha fatto opposizione al suo partito al governo, e giustamente non lo segue.

  12. Dante Cruciani ha scritto:

    “Possibile, “che non capisce?????

  13. Gianna Orofino ha scritto:

    Come non sfonda lui…….

  14. DarkCronos ha scritto:

    Sì scrive hashtag, non ashtag

  15. Simone Satraño ha scritto:

    Mattia, tempi duri per noi ciwatiani

  16. Mimmo Ristori ha scritto:

    oltre a tutto i più ne hanno parlato male! Civati cerca disperatamente di contare qualcosa, ma, in realtà, non vale una minchia!

  17. Elisabetta Casarini ha scritto:

    “Noi civatiani”?!?!?!?!? Da quando raccontami, ti prego

  18. Simone Satraño ha scritto:

    da quando si è finalmente staccato da renzy potrei considerare di votarlo (Non sono però frocio pe pippo come mattia)

  19. Elisabetta Casarini ha scritto:

    Quanto te piace sventolà a te

  20. Simone Satraño ha scritto:

    stai a fa camminà i treni co ste cazzate

Lascia un commento